Salta direttamente al contenuto

<dopolavoro> il blog di uBC

visualizza solo se con tag "Eco" rimuovi

Giovedí, 24 Maggio 2007

messaggio da M.Spitella - 24/05/2007 13:15
Si è concluso il 23 maggio il Torino Flash Festival InterART e Animazione, organizzato dall'Associazione Culturale Azimut, che ha visto la partecipazione di 32 opere provenienti da tutto il mondo. Il premio per la Migliore Animazione è andato all’opera The White, The Black del russo Andrei Bakhurin. L’opera di Bakhurin, presente al festival anche con l’animazione The Father’s Library, ha convinto per la raffinatezza del linguaggio che tra citazioni di Ejsenstein e simbologie scacchistiche definisce un'estetica flash non convenzionale. La Sezione a Tema Libero ha segnalato con una Menzione di Qualità i lavori del francese Joris Clerté (Ce que je suis), del greco Ilias Sounas (Circle of life) e la trilogia dei torinesi Cristina Ferrian e Pierpaolo Rovero (Circus Boulevard [ 1 - 2 - 3]), esperimento di fumetto animato.
Per la Sezione InterART il primo premio è andato a Guido Prestigiovanni con il sito www.elsewhere.tv per le potenzialità dello strumento realizzato. Il Premio del Pubblico del 6° Torino Flash Festival è stato assegnato quasi all’unanimità alla Meteo-passeggiata della fanciulla pensierosa dell’animatore francese Joris Clerté (Ce que je suis).

Mercoledí, 23 Maggio 2007

weblog/?3202
messaggio da L.Ferrini - 23/05/2007 19:30
Annunciato per Luglio il primo numero di Strip Season, un nuovo mensile della Bottero Edizioni, di strisce, attualità, cultura e costume, curato e ideato dallo scrittore Gianluca Piredda. 40 pagine (36 + copertina), in bianco e nero, a 3 €, contenenti la selezione di alcune delle migliori strip "giovani" del globo. Tra gli altri: Penny & Aggie, Hugo & Bana, Bob the Squirrel, Dandy & Company, Bonny-Ed, Crow's Village, RX-Storie di vita vissuta e le vignette satirico-umoristiche di Chris Gugliotti, Frank Page e di Cox & Forkum. La copertina del primo numero è di Dave Nestler, uno dei più quotati pin up artist, collaboratore di Play Boy. Tra i collaboratori/articolisti spicca tra gli altri il nome di Ferruccio Alessandri.

Giovedí, 29 Marzo 2007

messaggio da G.Gentili - 29/03/2007 00:15
La Free Books porta in Italia i Netcomics:
La filosofia della Netcomics è rivoluzionaria: si sono "aggiudicati" i nuovi serial dei più amati autori di manhwa – stiamo parlando di centinaia di titoli – e li pre-pubblicano in anteprima sul web. Il risparmio per i fan è enorme; al costo di pochi centesimi per ogni capitolo, si possono seguire molte più storie che in passato. (..)Le opere Netcomics escono ormai in contemporanea mondiale, sia in coreano che in inglese. Prima online e subito dopo nella tradizionale edizione cartacea da collezione in volumetto. Nel solo 2006 Netcomics ha pubblicato negli Stati Uniti ben 25 nuove collane, e l'espansione prevista per il 2007 è vertiginosa. (..)

Mercoledí, 28 Marzo 2007

messaggio da Wolfango Horn - 28/03/2007 06:55
Sabato 31 marzo alle ore 17.30 nella sala esposizioni di Palazzo SS. Salvatore nel Comune di San Giovanni in Persiceto (BO) verrà inaugurata la mostra "Pecos Bill, il West e la generazione di carta".
Alla fine del 1949 usciva nelle edicole italiane un albo a fumetti dedicato al personaggio che rischiò di oscurare la fama del più noto (e longevo) Tex: questo eroe rispondeva all'epico nome di "Pecos Bill", creato da Guido Martina e da un team di giovanissimi disegnatori che pochi anni dopo sarebbero divenuti maestri della nona arte, in Italia e all’estero. Pecos Bill è un cowboy allevato dai coyotes del deserto, che raddrizza ogni torto solo coi cazzotti e con il suo prodigioso lazo, mai con le pistole. I personaggi di contorno, le storie ben sceneggiate, e soprattutto la scrupolosa documentazione messa in atto dai disegnatori (a tal punto che i lettori erano convinti che le tavole fossero disegnate dagli americani), fecero di Pecos Bill un grandissimo successo, che durò fino al 31 Marzo del 1955, quando la serie si concluse con il numero 165. L’intera saga verrà riproposta nelle edicole pochi anni dopo, ma non riesce (o non vuole) tenere il passo con i gusti emancipati e smaliziati dei nuovi giovani lettori degli anni 60. Questa mostra, che raccoglie 70 tavole originali disegnate da nomi illustri per gli amanti del genere, come Dino Battaglia e Gino D'Antonio, si propone di trasmettere ai lettori di fumetti più giovani una parte dell'atmosfera di quegli anni, custodita in questi disegni; e anche di evocare qualche ricordo negli ex ragazzi di allora, a cui questa mostra è dedicata.
La mostra rimarrà aperta al pubblico fino a domenica 29 aprile. Orario di apertura: giovedì, venerdì e sabato ore 16-19; domenica e festivi ore 10-12.30 e 15.30-19.

Sabato, 10 Marzo 2007

messaggio da geneax - 10/03/2007 00:01
Nel maggio del 2005 è nato il fumetto Radio Karika [vedi segnalazione], rivista bimestrale curata dal Ministero dell'Interno nell'ambito del PON Sicurezza (programma cofinanziato dall'UE) per avvicinare i ragazzi alla legalità. Sono ormai passati due anni e sono stati pubblicati 12 seguitissimi numeri, distribuiti nelle sei regioni del Mezzogiorno. Da oggi è possibile ricevere il fumetto anche se non si risiede al Sud, semplicemente cliccando su www.radiokarika.it. Il sito è strutturato come le pagine di un vero e proprio giornale per ragazzi dove si potrà, inserendo una frase sul proprio modo di vedere e concepire la legalità, scaricare gratuitamente e legalmente musica dal sito di imusic e diventare il protagonista di una storia futura di Radio Karika. Vale la pena darci un'occhiata!
Tag:

home Blog
più recenti
meno recenti

invia un messaggio
il blog è una sorta di "diario di gruppo" che vive delle vostre riflessioni e delle vostre segnalazioni... partecipate!

categorie:

news
posta
avvistamenti
eventi

messaggi dei giorni precedenti...