Salta direttamente al contenuto

<dopolavoro> il blog di uBC

visualizza solo se di categoria "posta" rimuovi

Venerdí, 1 Dicembre 2006

messaggio da Andrea Cascioli - 01/12/2006 00:01
Salve uBC. intanto auguri. Ho letto e risposto al vostro sondaggio.
Tuttavia in esso trovo (in sintesi) la solita domanda: da chi dipende la crisi? Dal medium? Dal lettore? Dalla sua (presunta) giovane età?
Amici miei, il problema sta nel fatto che come medium siamo ancora l'equivalente del cinema muto e in bianco e nero, niente da eccepire su Charlie Chaplin o Griffith, ma oggi l'intrattenimento é un universo di suoni e colori. Tutto qui. La moda del momento é Internet? Forse la cura sono i fumetti sulla rete... forse sul telefonino...?
Non credo.
La verità é che noi Autori siamo costruttori di diligenze; nel fare la narrativa disegnata siamo assai specializzati, ma al di fuori della veste cartacea siamo difficilmente riciclabili; non credo ai fumetti su Internet tanto quanto non credo che all'inizio del '900 le prime aziende automobilistiche si siano mai avvalse della collaborazione dei migliori artigiani specializzati nelle carrozze di allora. Molto più semplice (e meno dispendioso) insegnare a dei giovani senza preconcetti radicati a fare le automobili, creare una serie di specialisti ex-novo che con disinvoltura montassero gonfi pneumatici senza aver mai montato prima alcuna ruota di stagionato legno. Perché in effetti non c'era bisogno che l'avessero mai fatto.
Alcuni costruttori di carrozze (forse i più bravi) hanno comunque continuato a costruirle e curarle per moltissimo tempo, ad esempio ancora oggi, per un mercato rivolto ai turisti, al centro di Roma circolano almeno 100 carrozze, e chi sa curarne la costruzione e la riparazione si fa davvero ben pagare. Questo non significa però che costoro non possiedano un'automobile. Sarebbe impensabile altrimenti, perché i tempi cambiano e basta, non c'é altro; é il momento dell'auto, non delle carrozze.
Nei fumetti é lo stesso, tutto il resto delle filosofie trasversali é dato dall'attaccamento di chi, nostalgico ed affezionato, non vuole credere a questo cambio di medium, perché anche solo il pensiero lo fa soffrire.
Ne incontro a centinaia all'anno, che scoprono oggi che la loro testata preferita ha chiuso da cinque, sette, nove anni, e se ne dolgono, dicendosi enormemente appassionati di narrativa disegnata. Dimostrando, nel contempo, di non aver più comprato il loro fumetto "preferito" da almeno quel numero di anni (se non più).
Sono loro, i "grandi appassionati", quelli che dicono che di Asterix ce li hanno proprio tutti tutti, dal primo al quinto; quelli che "Sclavi disegna proprio bene", quelli di "Jack Kirby era un supereroe Marvel" (che in un certo senso era anche quasi vero), sono loro, dicevo, che quando si sentono dire come stanno le cose tirano fuori che forse la striscia disegnata si salverebbe con le avventure di Paperino e Tex sulla rete, che é proprio un peccato, che bisognerebbe proprio che gli sceneggiatori scrivessero storie migliori, come una volta, non come oggi.
Però ai figli ogni anno comprano due lettori DVD, due telefonini e due abbonamenti al satellitare.
E anche due fumetti.
Finché li facciamo.
Finché ci sono i costruttori di diligenze.
Un saluto da Andrea Cascioli.

Domenica, 12 Novembre 2006

messaggio da Vincenzo - 12/11/2006 00:11
Gentilissima redazione,
nel dicembre 1998 sul n.43 di "Star magazine oro" veniva annunciata la pubblicazione, sul n.44, dell'edizione compatta della miniserie americana Gen 12 (una sorta di prequel di Gen 13 ambientato negli anni settanta, in puro stile Apocalypse Now - n.d.r.). Tra dicembre e gennaio, però, la Star Comics, a causa di falliti accordi commerciali con l'America, sospese tuti gli albi americani e dunque Gen 12 non uscì. Qualche testata continuò in seguito con Magic Press, e ancora adesso esce Wildstorm. Tuttavia, ancora devo scoprire se la miniserie in questione è uscita in Italia per qualche altro editore o meno (per averla annnunciata deduco che era era materiale quasi sicuramente tradotto).
Aspetto con trepidazione risposta che da tanto ancora non conosco.
Sentitamente vi ringrazio. Risponde Claudio Crimi Trigona, uBC staff:
Chi detiene i diritti della Wildstorm (la branca Image gestita da Jim Lee e passata sotto l'egida della DC Comics) in Italia dopo la Star Comics è la Magic Press che non ha mai pubblicato la miniserie, ma solo quattro volumi su Gen 13 (due della serie regolare e due crossover: uno con I Fantastici Quattro e uno con Superman), senza contare le relative apparizioni sul periodico Wildstorm.

Venerdí, 10 Novembre 2006

messaggio da zappodrago - 10/11/2006 00:05
Personalmente non capisco le critiche di Max Bunker sul modo in cui la Sergio Bonelli Editore conduce le proprie testate: il fatto che i disegnatori e gli autori cambino continuamente serve a dare maggiore poliedricità e spessore ai personaggi che altrimenti diverrebero sì noiosi. A parte il fatto che Bunker si è sempre mostrato irrispettoso nei confronti dei suoi lettori, dapprima annunciando che avrebbe chiuso la serie, e poi proseguendola e adesso con questo totale cambio di prospettiva, personalmente leggo in questo restyling di Alan Ford (che ritengo un pessimo fumetto) la paura di rischiare: creare una nuova testata può essere un investimento pericoloso, invece utilizzare il nome di una testata che ha i suoi aficionados e infilarci a forza qualcosa di diverso per accaparrarsi nuovo pubblico è un ottima operazione di marketing.
Ognuno fa quello che vuole con i suoi personaggi, Schulz morendo ha voluto che nessuno disegnasse più i Peanuts ma come lui ce n'era ben pochi e le sue strisce si basavano più sulle atmosfere che su un corpus narrativo... atmosfere che nessun altro probabilmente avrebbe saputo ricreare.
Ma perchè Max Bunker vuole convincerci che questa debba essere una regola nel mondo del fumetto? Vi immaginate come sarebbe il nostro mondo se adesso non ci fosse Tex? Non è nemmeno un caso che Bunker si accanisca sempre e comunque su Bonelli... che sia una pessima forma di maldicenza pro-marketing?
Saluti.

Giovedí, 12 Ottobre 2006

weblog/?2695
messaggio da Paolo - 12/10/2006 00:01
Salve. Volevo fare una domanda: mi sono ritrovato fra le mani una collana di 6 fumetti Sin City di Frank Miller dal titolo "Si può anche uccidere per lei". Ho controllato che in Italia sono stati pubblicati 7 volumi di Sin City e nessuno di questi corrisponde al titolo della collana che ho io. Vorrei sapere quindi di cosa si tratta. Grazie. Ciao. Rispondono R.Gallaurese e M.Migliori, uBC staff
Uno dei volumi di Sin City di Miller s'intitola "Una donna per cui uccidere" e ha come protagonista sempre il Dwight del volume "Un'abbuffata di Morte": la prima versione di questa storia è stata pubblicata, col titolo "Si può anche uccidere per lei", dalla Comic Art, nella Collana Legend in 6 albi da 1900 £. Parliamo del 1994, e si tratta della prima storia di Sin City.

Martedí, 10 Ottobre 2006

weblog/?2621
messaggio da Fabio Strazzer - 10/10/2006 00:38
Buongiorno a tutti...
Ok.
Prima di iniziare, voglio precisare che colleziono da anni Dylan Dog...
Da questo, si può intuire che la mia collezione del medesimo albo bonelli sia ben fornita. Ma cosa interessa a noi lettori di uBC questo collezionista dylandoghiano? Che voglia unire la sua voce al coro fin troppo pieno delle critiche? Sarebbe di una noia inimmaginabile... Ebbene, sì! Basta! Basta! Basta! Sono stanco di storie fittizie e prevedibili, anche Sclavi mi ha deluso (ma su di lui pesa purtroppo il fatto della lunga assenza dalla voce "soggetto e sceneggiatura") e stavolta voglio proprio sparare a zero! Un esempio? L'ultimo speciale, di Anon, PARDON, Gonano e Cossu...
Allora, in primo luogo voglio dirvi che, appena comprato, questo speciale l'ho posto nella libreria accanto a "Sette anime dannate", di Sclavi e Roi...bene! In secondo luogo, io non voglio colpevolizzare nessuno né condannare nessuno al rogo, ma qui la situazione è esasperante: la sceneggiatura non era male, ma il soggetto? Non è un po' strano il fatto che, a quaranta pagine dalla fine dell'albo, avessi capito come andasse a finire per filo e per segno? Capisco che il "colpo di scena finale" (quello alla Chiaverotti, per intenderci) è fuori moda, ma qui c'è da mettersi le mani nei capelli! Il solito vecchio maniero scozzese, la solita vecchia maledizione del clan, il solito mostro che poi mostro non è, il solito sospetto sull'amata di Dylan, il solito... la lista sarebbe ancora lunga, sapete? Mi fermo solo per dire che l'unico punto che salva la baracca è Cossu: bravo e preciso ( belli, anche se non suggestivi come quelli del miglior Roi, i suoi tamponi...)
In conclusione, non mi resta che sperare nel ventennale, che è alle porte...
P.S: Alla fine, ho spostato "Licantropia" un pochettino più in là rispetto a "Sette anime dannate"... ho fatto bene? ;-)

home Blog
più recenti
meno recenti

invia un messaggio
il blog è una sorta di "diario di gruppo" che vive delle vostre riflessioni e delle vostre segnalazioni... partecipate!

categorie:

news
posta
avvistamenti
eventi

messaggi dei giorni precedenti...