ubcfumetti.com
Indice del SitoNovità !Cerca nel SitoScrivi a uBC
MagazineTexuBC apresenta PrecedenteSuccessiva




uBC presenta: Tutto di Carta

nella pagina precedente:
Premessa
Le strisce
Le raccoltine
Gli Albi d'Oro


Italiano IT

"Tutto di carta"

di Marco Migliori

Tex Gigante 1a serie (o 1/29). La prima forma del Tex attualmente in edicola si ebbe con questo esperimento realizzato dal 1954 riunendo le rese di piu' Albi d'Oro in un unico volumetto graffettato.

Le copertine sono tutte di Galep e solo cinque sono inedite, essendo le altre recuperate rimontando quelle degli albi d'oro (vedi articolo apposito). Gli albi si riconoscono dalla indicazione del numero e la scritta "Serie Gigante" in un rettangolo bianco in basso.

Uscirono solo 29 numeri senza periodicita'. La serie non partiva comunque dal numero 1, ma dal n° 20 della prima serie Albi d'Oro.

E' probabilmente la piu' rara di tutte le serie di Tex uscite; infatti la tiratura consentita dalle rese, impediva di coprire tutte le edicole: sia in questo caso che nelle raccoltine, probabilmente si e' coperta solo la zona di Milano e poco altro.

Dal punto di vista collezionistico, questa serie e' la piu' costosa (parecchie decine di milioni), e di essa si ha notizia di pochissime collezioni integre esistenti in tutt'Italia. Si parla di circa 10 collezioni complete.

Tex Gigante 2a serie. E' il Tex attualmente in edicola, caratterizzato anch'esso da una vicenda non troppo lineare e che anzi, sembra una avventura in piena regola di Aquila della Notte!

Cominciamo dal prezzo che, partendo da £ 200 e' arrivato fino alle 3000 lire attuali. I primi numeri poi, non riportano l'indicazione della data (presumibilmente iniziata prima del 1960) e quindi non sembrano periodici, per poi passare brevemente ad una periodicita' bimestrale che diventa mensile dal numero 30 circa in poi.
Il formato cambia dopo una ventina di numeri, riducendosi di pochissimo rispetto a quello iniziale. I numeri iniziali sono spillati, mentre in seguito si passa al brossurato.

Il nome della collana e' inizialmente Tex serie Gigante, poi Tex Gigante, Collana del Tex gigante e infine Tex.
Il numero di pagine passa invece dalle iniziali 164! a 132 (fin verso il n°90) per poi attestarsi sulle 116 attuali.
Ehmm .. facendo qualche calcolo si scopre che il rapporto prezzo/pagina e' passato da poco piu' di 1 lira x pagina (£ 200 x 164 pagine), alle quasi 26 lire per pagina attuali.

La serie e' a tutti gli effetti una ristampa (e neanche la prima) della iniziale collana a strisce. Questo fino al numero 94/95, da cui partono le storie inedite, da allora presenti solo su questa collana.

Le copertine sono ancora una volta realizzate in forma inedita da Galep, senza ricorrere a quelle precedenti. Tranne che per i primi numeri (le prime decine di numeri a dire il vero, vedi l'articolo apposito). I primi numeri, sono infatti realizzati dalla redazione, ricorrendo ad una composizione di immagini prese dagli albi d'oro.

Per quanto riguarda i primi numeri, occorre precisare che esistono diverse edizioni (di diverso valore collezionistico), censurate e non.

La censura era una forma di prevenzione che adotto' l'editore per evitare di cadere vittima dei pregiudizi sul fumetto, giudicato veicolo di corruzione dei giovani nei pudici anni 50. La censura, o meglio autocensura in quanto praticata dall'editore stesso, si manifestava nelle frasi (meno schiette e meno imprecazioni), in qualche scollatura di fanciulla (comunque appena accennata) in meno e cosi' via. Comunque anche questo periodo e' stato superato di slancio da Tex.

Ad oggi siamo arrivati ad oltre 450 numeri, sceneggiati per la massima parte da G.L.Bonelli e C.Nizzi (ultimi anni), ma anche da G.Nolitta e diversi altri autori.

Galep, al secolo Aurelio Galleppini, autore di tutte le prime 400 copertine, e' scomparso il 10 Marzo 1994, appena un mese dopo aver firmato la sua ultima indimenticabile copertina. Da allora, e cioe' dal numero 401, le copertine vengono altrettanto magnificamente realizzate da Claudio Villa.

Tex di Villa (67k)
Tex n.429 di Villa (c) SBE
I disegnatori che hanno realizzato Tex sono invece numerosi, e li trovate nell'index apposito. Comunque va notato che ognuno rappresenta la propria versione di Tex, perfettamente distinguibile da quella di ogni altro disegnatore, ma comunque sempre identificabile nel personaggio creato graficamente da Galep nel lontano 1948.

Ristampe successive:

Tre Stelle
Ristampa cominciata negli anni 60, di periodicita' mensile (quasi sempre) che continua a uscire tuttora. E' caratterizzata dalle tre stelle poste sulla costola dell'albo. La ristampa è arrivata al n.415 circa finora.

Esistono comunque numerose ristampe dei Tex Giganti 2a serie non identificate dalle tre stelle, ma comunque distinguibili dal prezzo e da altri particolari. Tali ristampe sono proseguite nel corso degli anni fino oltre il numero 150. Alcuni numeri, in particolare i primi, sono stati ristampati ben piu' di una volta.

TuttoTex
Ristampa cominciata nel 1985.
Inizialmente esce con periodicita' mensile, poi passa alla periodicita' quindicinale a grande richiesta dei lettori, dopo un minireferendum richiesto dall'Editore nel 1986 sulla pagina della posta.
E' la prima versione di Tex che contiene l'angolo della posta, fin qui tenacemente avversato dall'Editore che non era convinto delle sue possibilita'.

Tex Nuova Ristampa
Inizia nel 1996 ed esce con periodicita' mensile. E' previsto un angolo per le osservazioni dell'Editore riportante curiosita', risposte ed altro.
La caratteristica di questa ristampa (quantomeno di questi numeri iniziali), e' la litografia a colori allegata all'albo, rappresentante un disegno inedito di Claudio Villa.
Il disegno di Villa, e' stata realizzato in precedenza dall'artista, per la serie brasiliana di Tex.
Questa ristampa vende all'inizio molto bene: secondo alcuni rivenditori, i primi numeri hanno venduto piu' del Tex inedito.

Rimpianto:
In questo mare di ristampe, rimpiango che non si sia scelto di realizzarne una nello stesso formato del Dylan Dog Book. Questo formato cartonato (a sole 4000 £) sembra l'ideale per la conservazione degli albi e, per attirare i lettori di Tex, si sarebbe potuta allegare alla copertina di Galep quella di Villa (oppure sostituirla).
Ogni volta che compro un DD Book ci penso e rimpiango questa opportunita'. Del resto i lettori non sarebbero mancati: conosco gente che possiede sia le strisce, che gli Albi d'Oro, i Tex Gigante 2a serie, i Tre Stelle, i Tutto Tex e ha iniziato la collezione della Nuova Ristampa.

Altri inediti:

Texone
Iniziato nel 1988 in occasione dei 40 anni di Tex, lo speciale estivo si e' rapidamente trasformato in tradizione. L'idea e' quella di affidare la realizzazione grafica di Tex, ad un disegnatore affermato, italiano o straniero, che ne presenti una sua versione personale. Il grande formato del Texone permette di vedere effettivamente degli ottimi disegni, come il numero di Magnus, anche se non sortisce sempre lo stesso effetto benefico sulle sceneggiature :-).

MiniTexone
Albo inedito cosi' battezzato da Tiziano Sclavi. Esce nel 1991 con Giancarlo Berardi (autore di Ken Parker) ai testi e Letteri ai disegni.
Per questo speciale (che avra' seguito solo nel 1997), si potrebbe pensare all'idea guida (accennata da Bonelli nella prefazione) di fare scrivere Tex ad un autore diverso dal solito. Si rovescerebbe cosi' la linea del Texone che prevede (con qualche eccezione) un disegnatore diverso con le solite sceneggiature di Nizzi.

Almanacco del West
L'almanacco del mistero ideato da Alfredo Castelli (autore prolifico di idee e famelico di diritti d'autore :-), si trasforma in una collana a parte, bimestrale, in cui diversi personaggi Bonelli accompagnano con fumetti inediti, brevi articoli sulle novita' della stagione o saggi su un determinato campo. Nel 1994 comincia l'avventura di Tex nell'Almanacco del West: in ogni numero una breve (per Tex) avventura autoconclusiva.

Storie brevi
Esistono alcune storie brevi di Tex, tutte autoconclusive. Non sappiamo se l'elenco e' completo, comunque eccovi quelle schedate: "La banda del campesino" rb1; "Assalto al treno" rb2; "Morte nel deserto" rb3; "Un caldo pomeriggio.." rb4; "Pista di sangue" rb5; "Il duello" rb6.

MaxiTex
Esce il primo numero, realizzato da A.Segura e J.Ortiz, nel 1997 sulla scia del formato di "Oklahoma". Probabilmente non verra' rispettata l'intenzione iniziale, di far realizzare questa edizione da autori esterni a Tex.

Altre pubblicazioni. In considerazione del notevole successo di pubblico che Tex ha ottenuto nel corso degli anni, esistono una marea di altre pubblicazioni di qualsiasi tipo.

(65k)
Copertina dell'unico romanzo di Tex
di Galep (c) 1956 SBE

Si va dal romanzo "Massacro a Goldena" scritto da G.L.Bonelli e illustrato da Galep, fino a articoli su fanzine o guide al collezionista, o veri e propri libri.

Un cenno particolare bisogna riservarlo alla Mondadori, che da anni e' impegnata nella selezione di alcuni racconti di Tex, che vengono poi pubblicati sugli Oscar Mondadori, con carta migliore di quella utilizzata dalla Bonelli, e formato simile. La stessa casa (oltre alla Cepim), ha anche stampato diversi cartonati con le storie migliori di Tex. Questi cartonati sono a colori, diversamente dalle storie originali, e sono di grande formato, oltre a utilizzare una carta migliore.

Complessivamente la massa di materiale su Tex che si e' accumulata, e' cosi' notevole che ho deciso di non riportarne alcuna. Questo perche' sono sicuro che per ogni citazione riportata ce ne sarebbero tre assenti.

In qualsiasi fumetteria potete comunque reperire delle guide al collezionista su Tex che vi possono aiutare a scoprire questo mondo. Per Tex quando si parla di collezionismo si parla comunque di cifre notevoli. A titolo di esempio, per gente che come me non e' molto informata, vi posso dire con buona sicurezza che il prezzo degli Albi d'Oro o del Tex Gigante 1a serie e' superiore (decisamente) ai 10-20 milioni. Se decidete di fare il collezionista, fatelo comunque per passione: quando andate a comprare le cifre sono queste, ma quando andate a vendere sono decisamente diverse (ovvero minori ;-).

Edizioni straniere. Tex e` stato pubblicato in Finlandia per la prima volta dal 1953 al 1965 nel formato a striscie utilizzato in quegli anni anche in Italia. L'importazione non era comunque esente da problemi. Un esempio per tutti : ben diciassette Tex a striscie nel 1958 si persero nel viaggio tra l'Italia e la Finlandia e non vennero mai stampati nel paese nordico. L'editore si limito` ad inserire un breve riassunto a parole per descrivere le vicende Texiane presenti nei numeri andati persi.

Dopo il 1965 ci fu un periodo critico per il fumetto d'importazione in Finlandia e Tex, come altre testate, non vennero piu` stampate sino al 1971, anno in cui l'editore SEMIC riprese le pubblicazioni di Aquila della Notte nel formato utilizzato ancora attualmente. Il formato attuale e` leggermente piu` ridotto di quello bonelliano italiano, la sua periodicita` e` di 16 numeri all'anno e la copertina dell'abum e` riprodotta anche sul retro del volume stesso. E` di conseguenza assente una preview dell'album successivo. La numerazione degli album, secondo una tradizione consolidata in terra finlandese, riparte ogni anno dal numero 1 ma internamente, nella zona relativa ai Copyrights, e` possibile comunque reperire il numero assoluto della collana. Il costo di ogni album e` attualmente di 14 lire finlandesi.

Per quanto riguarda il numero di vendite siamo sull'ordine di circa 20.000 copie a numero su una popolazione di cinque milioni di Finlandesi. Per avere un termine di confronto, la piu` importante pubblicazione disneyiana ("Donald Duck") vende dalle 200.000 alle 300.000 copie ogni settimana.

Attualmente la collezione finlandese e` di circa sei numeri indietro rispetto al Tex Gigante italiano ma il ricongiungimento tra l'edizione italiana e quella finlandese e` previsto a breve tenendo la periodicita` di quest'ultima.

Non esistono ristampe della collana e non vengono pubblicati in Finlandia ne` i Texoni ne` gli Almanacchi del West.

Oltre alla edizione finlandese, Tex e' stato pubblicato anche in Norvegia, Francia, Grecia, Spagna, Brasile, Jugoslavia, Turchia, Germania e pure in lingua tamil e in lingua ebraica.

Tx francese (41k)
Tex francese (c)
Ristampe amatoriali. La rarità di alcune serie di Tex e l'elevato costo richiesto ai collezionisti per l'acquisto sul mercato dell'usato, rendono appetibile per piccoli editori specializzati, la possibilità di ristampare alcune serie mitiche di Tex.

La tiratura limitata obbliga questi editori ad applicare un prezzo non proprio popolare, e a non commercializzare questo prodotto in edicola/libreria ma solo con canali di vendita postali o alle fiere fumettistiche. In questo ultimo caso, il "paradiso" di questo tipo di pubblicazioni sono la fiera di Lucca e quella di Reggio Emilia organizzata dall'AN.A.F.I.
La difficoltà di conoscere queste iniziative, mi impedisce quindi di scrivere informazioni complete, per cui mi limito ad un accenno.

Strisce
Una ristampa anastatica delle prime serie a striscia, è già stata realizzata e commercializzata dall'editore Piacentini. La ristampa anastatica, è quel tipo di ristampa che riproduce in modo quasi perfetto l'originale, fino ad ottenere una copia identica.

Albi d'oro e Gigante 1°serie
Lo stesso editore ha ristampato le prime quattro serie degli albi d'oro. Teoricamente, le ristampe dovrebbero continuare fino a coprire quantomeno la 5° e 6°serie che hanno lo stesso formato e logo delle prime 4. Naturalmente tutto dipenda dalle vendite, ma dato che il maggior numero di albi è nelle prime 3, possiamo essere ottimisti.
Sempre questo editore ha ristampato anche alcuni numeri (non penso tutti) della 1°serie gigante.

Tex a colori
L'editoriale Mercury sta pubblicando in lotti di quattro albi ciascuno, una edizione "inedita" dei primi albi d'oro. L'edizione dovrebbe essere integrale, senza censure ne modifiche, e colorata per l'occasione. La copertina rappresenta la principale (oltre al colore) caratteristica di questa edizione: viene utilizzata la copertina dell'albo d'oro (tranne il primo numero) e in quarta di copertina vengono riproposte le tre copertine delle strisce corrispondenti.

Parlando con Stefano Mercuri (il curatore e editore) recentemente, ho apprezzato l'intenzione dello stesso di continuare con una seconda serie questa pubblicazione realizzata in tiratura da 1.500 copie. L'idea di questa edizione è nata dalle richieste che Mercuri e altri facevano allo stesso Bonelli: quella di ristampare i primi albi d'oro a colori. Proposta che Bonelli ha respinto per motivi di immagine (il prezzo imposto dallo scarso numero di copie sarebbe troppo alto per la Bonelli), ed inoltre per la mancanza degli originali. Infatti, quando si decideva di modificare per censura una tavola, non pensando al torto storico che si compieva, Galep modificava direttamente gli originali. Per questi motivi, Bonelli avrebbe girato la proposta a Mercuri, che sta provvedendo alla realizzazione e alla commercializzazione ad un prezzo contenuto (per lanciare l'immagine della Casa Editrice) per questo tipo di prodotti: 10.000 £ al numero.

ANAFI
Anche l'ANAFI ha contribuito, realizzando per i soci alcune ristampe. Di queste conosco l'albetto "La banda del campesino", che in origine erano una serie di vignette pubblicate in terza di copertina di alcuni albi a striscia in modo disordinato per realizzare un concorso, rimontato e ristampato in una versione a colori diversamente dall'originale.
Oltre a questo, la stessa associazione ha ristampato nel '77 il romanzo "Massacro a Goldena" sempre per i soci. Queste edizioni si possono comunque rintracciare alle varie fiere.


 
 


 
(c) 1996 uBC all right reserved worldwide
Top
http://www.ubcfumetti.com §