Salta direttamente al contenuto

Puerta del Diablo

Tex e Carson vanno in Messico, sulle tracce del tesoro di un bandito scomparso
Scheda di  |   | tex/


Puerta del Diablo
IT-TX-540-541


uBCode: ubcdbIT-TX-540-541

Puerta del Diablo
- Trama

Su incarico di Mac Parland, Tex e Carson si recano in Messico per recuperare il bottino nascosto di un fuorilegge, guidati da un ex complice e dalla vedova di costui. Una fuga di notizie metterà sulla pista dei due pards anche un pericoloso capobanda messicano e un avido e spietato colonnello dei milicianos. Durante la pericolosa missione si scoprirà che non tutto era come appariva.

Valutazione

 58

Recensione

data pubblicazione Ott 2005 - Nov 2005
testi (soggetto e sceneg.) di ubcdbClaudio Nizzi
lettering di ubcdbMarina Sanfelice
copertina di ubcdbClaudio Villa
disegni (matite e chine) di ubcdbJosé Ortiz
copertine
Puerta del Diablo<br><i>(c) (C) SBE 2005</i> Tesoro della miniera, Il<br><i>(c) (C) SBE 2005</i>
tavole o vignette
Dopo una strenua resistenza...<br>Tex n.541, pag.15<br><i>(c) (C) 2005 SBE</i> Flora Walker<br>Tex n.541, pag.70<br><i>(c) (C) 2005 SBE</i> Horacio Fuentes<br>Tex n.541, pag.73<br><i>(c) (C) 2005 SBE</i>
tag
, , , , , ,

Annotazioni

Note e Citazioni

  • Nuova avventura messicana per José Ortiz, che si conferma interprete privilegiato di questo genere di avventure.
  • Ritorna Mac Parland dell'agenzia investigativa Pinkerton, ma parecchio cambiato rispetto alla caratterizzazione che ne diede inizialmente Aurelio Galleppini (e che, più tardi, fu seguita abbastanza fedelmente da Jesus Blasco). Il Mac Parland originale è glabro e con il viso affilato (si scoprirà poi essere di origine scozzese), mentre Ortiz gli appiccica un bel paio di mustacchi neri, gli fa il naso a patata e gli conferisce tratti decisamente più latini.
  • Il personaggio di Flora Kelly, tipica "donna del bandito", ricorda parecchio Linda, ragazza di Lynch Weiss, dallo Speciale n.6 "La grande rapina", sempre per i disegni di Ortiz che con quell'albo fece il suo esordio nella scuderia texiana.
  • Horacio Fuentes e il colonnello Uriaga sono due topòi non solo dell'universo texiano ma del western in generale; il primo massiccio capobanda, il secondo militare ambizioso e corrotto che, da uomo di legge, è antagonista di Fuentes ma si dimostra forse addirittura peggiore di lui. Da notare che nelle avventure messicane Tex si trova spesso a combattere contro i militari, non meno che contro indiani o banditi; pur nella mancanza di rigore storico della collana, è un evidente riferimento alla turbolenza e all'instabilità politica che caratterizzavano il Messico di quel periodo.

Incongruenze

    n.541
  • A pag.15 Tex e Carson mostrano un'innaturale e ben poco "texiana" arrendevolezza nei confronti dei banditi (già vista, peraltro, nello Speciale n.17 "Mercanti di schiavi"), nemmeno stemperata dal tipico atteggiamento ironico e beffardo che il Tex classico assumeva anche nelle situazioni più disperate. La cosa potrebbe essere registrata come una delle tante caduta di stile cui Claudio Nizzi ci ha da tempo abituati, se non fosse che poche pagine dopo Tom Gilder fa quello che i due rangers sono stati incapaci anche solo di immaginare: fredda il suo ex complice e, sotto gli occhi stupefatti dei messicani, si dà alla fuga. Non solo, ma durante il trambusto i due ex-eroici pards se ne stanno impalati (come poi saranno, letteralmente) invece di approfittarne per tentare qualcosa. Avranno bisogno di un nuovo intervento di Tom, ormai morente, per cavarsi dall'impiccio definitivamente.
  • La frase di Tex di pag.21 è, a questo proposito, emblematica: "Il suo [di Tom Gilder, ndr] è un tentativo disperato. La miniera è grande e potrà fargli sputare sangue, ma alla fine lo prenderanno". Ossia, il Grande Tex, colui-che-non-si-arrende-mai, lascia a uno sconosciuto bandito il compito di far sputare sangue ai suoi avversari, mentre lui si fa tranquillamente legare a quattro paletti perché, evidentemente, era inutile battersi per un "tentativo disperato". E questo è Tex?
  • A pag.27, ultima vignetta, Flora ha le mani libere (in contrasto con le parole di Fuentes nell'ultima vignetta di pag.20) mentre due vignette dopo le ha, correttamente, legate dietro la schiena. Dimenticanza di Ortiz o distrazione in fase di montaggio?
  • Da pag.21 a pag.38 le posizioni delle mani di Tex e Carson variano continuamente. In alcune vignette sembrano talmente vicine che potrebbero tentare di liberarsi l'un l'altro.
  • A pag.87 Tex, Carson e Flora giungono a una stazione di posta abbandonata, dove ad attenderli è Link Walker. Si scoprirà che l'incontro di Link con la moglie era predisposto, ma come? Come potevano essere sicuri che i due pards si sarebbero fermati proprio lì, ammesso e non concesso che avessero deciso di farlo? A quei tempi non c'erano autostrade e posti doganali. Avrebbero potuto varcare il confine fra Messico e Arizona in un punto qualsiasi, e men che meno avrebbero potuto progettare di fermarsi proprio in quella stazione, credendola abbandonata. Eppure è più che evidente che Link e Flora si erano dati appuntamento, con tanto di trappola per i due rangers.
  • Passi il salvataggio da parte della cavalleria americana (del quale, sinceramente, avremmo fatto a meno), ma che Tex lasci ai militari il compito di inseguire Uriaga perché lui "ha fretta di rientrare in Arizona", questo no diamine!

La Frase

  • Link: "Grazie anche per non avermi consegnato ai soldati... pensavo che lo avreste fatto, dato che voi e Carson siete dei rangers."
    Tex: "Già, ma siamo dei rangers un po' speciali... non è vero, Kit?"

    n.541, pag.112

Personaggi

    Tex Carson Mac Parland agente della Pinkerton e amico di Tex Ray Clagg [+] membro superstite della banda di Link Walker Sergente Malden [+] guardia carceraria del penitenziario di Yuma, che aiuta Clagg a fuggire in cambio di una parte del tesoro di Walker Tom Gilder [+] membro superstite della banda di Link Walker, guida Tex e Carson alla miniera ove è nascosto il tesoro di Walker Flora Kelly [+] moglie di Link Walker Horacio Fuentes [+] pericoloso capobanda Messicano Colonnello Uriaga capo di una banda di milicianos anch'egli sulle tracce del malloppo Carlos Righera [+] membro della banda di Fuentes, tradisce per passare dalla parte di Uriaga Tenente Valverde braccio destro di Uriaga Vargas haciendero messicano che aiuta Tex e Carson frate francescano che aiuta Flora a fuggire da Fuentes Link Walker ex capobanda rimasto menomato durante una fuga e creduto morto Pompeo corpulento negro che si prende cura di Walker

Locations

    Flagstaff Mexico Hotel a Flagstaff Penitenziario di Yuma Covo di Horacio Fuentes Hermosillo sede della caserma dei milicianos di Uriaga Rio Malo Puerta del Diablo rapide del Rio Malo Santo Domingo Missione sulla strada di San Bernardino Miniera abbandonata dove è nascosto il tesoro di Link Walker Fronteras villaggio messicano Cruz del Norte villaggio minerario abbandonato Missione di Cruz del Norte Rio Corderas Stazione di posta abbandonata in Arizona, al confine col Messico


Vedere anche...

Recensione

Condividi questa pagina...