ubcfumetti.com
Indice del SitoNovità !Cerca nel SitoScrivi a uBC
MagazineRecensioni




" Giochi letali"


Pagine correlate:

"Ogni bel gioco dura poco" e "chi troppo vuole nulla stringe". C'è invece chi non si accontenta, chi vuole fare il furbo e fa sempre una mossa di troppo. Il male si paga da sè.

Alla fiera del doppio gioco. . .

...si ammirano i fiori dalla parte delle radici.

recensione di Emanuele De Sandre



TESTI
Sog. e Sce. Stefano Piani    

Altra interessantissima prova di Piani, questo mese alle prese con un complesso girotondo di doppi giochi. Nick e Marvin corrono, si impegnano, quasi riescono a mettere le mani su uno dei tanti colpevoli, ma anche questa volta, come nel recente Uomini talpa, si perdono il piatto forte. Mano a mano che passano i mesi Piani si rivela sempre più uno scrittore noir vero e proprio. Anche in quest'albo, come nel già citato Uomini talpa, Piani descrive il "male" non come eccezione, ma come regola. Questa è una delle differenze fondamentali tra giallo e nero.

"Un girotondo di false promesse e di patti tra giuda matricolati... "
   
Nel giallo è il bene ad essere "la norma" e il delitto un caso isolato su cui si basa l'investigazione. Nel noir, come in quest'indagine di Nick Raider, tutti i personaggi che intervengono, eccetto i nostri eroi, hanno un ombra ambigua che si allunga su di loro.

Sniff! Sob! Sgrunf!
Andiamo a lavorar!, disegno di Marco Artioli
(c) 2001 SBE
   
 
E il cerchio di sangue si chiude: il boss Rosselli ordina il massacro del suo braccio destro Gaetano, una volta scoperto che questi lo voleva fregare, dopo che Gaetano aveva fatto secco Ballard, che aveva fatto secco Totter, che voleva ricattare Jenny Higgins, l'attricetta che se la faceva con il Rosselli di cui sopra.
Nel sanguinoso girotondo del tradimento vengono coinvolti anche poliziotti corrotti, talpe del distretto centrale, guardoni impenitenti e amici dell'ultim'ora.

Al centro, frastornati, Nick e Marvin raccolgono i cocci e tirano lenzuoli bianchi sui volti di un mucchio di cadaveri. Ma la giustizia non trionfa.

Due chicche da segnalare:

  • stralci di Bowmann pensiero in apertura di storia;
  • l'impatto del fato sull'epilogo: Ballard, scambiando Nick e Marvin per scagnozzi del boss che lui vuole ricattare, si dà alla fuga, e per scappare si infila nell'auto... dei veri scagnozzi del boss!
    Morale? La giustizia annaspa, ma il crimine affoga.



    DISEGNI
    Marco Artioli    

    Esordio buono per il giovane autore della scuola ferrarese. Poche incertezze sulle inquadrature e sulle prospettive, buona gestione dei chiaroscuri, ottima caratterizzazione di tutti i personaggi. Restano alcuni dubbi sui volti: a volte troppo capellone Nick, a volte troppo fanciullesco Marvin, a volte un viso di tre quarti sembra assomigliare poco allo stesso viso ritratto frontalmente.

    L'albo comunque sprizza talento da tutte le novantaquattro tavole, siamo sicuri che ritroveremo Artioli tra qualche mese maturato e ancor più padrone del pennello, attrezzo del mestiere del disegnatore tanto difficile da usare quanto delizioso da ammirare se usato al meglio.

    Orpo che sventole!
    Beata gioventù!, disegni di Marco Artioli
    (c) 2002 SBE


    GLOBALE
     

    Bene la copertina, senza però esaltare. Riprende una scena dell'azione finale. Buono il titolo, che centra in pieno il torbido e letale (appunto) giro di intrighi narrato nell'albo. Nota a margine: Faraci usa gli animali come parte integrante dei suoi albi, Piani li uccide! Chiedete a Bucky, pag.8...
    Altro ottimo albo, nel complesso. Affidata alle cure dei due giovani scrittori appena citati si ha l'impressione che la serie si avvii a una silenziosa ma brillante rinascita. C'è sempre il rammarico di una scarsa attenzione del pubblico verso questa collana che tutti gli addetti ai lavori giudicano una delle più curate di casa Bonelli, nonchè una delle più amate e seguite da Sergio Bonelli stesso.
     

  •  


     
    (c) 1996 uBC all right reserved worldwide
    Top
    http://www.ubcfumetti.com §