ubcfumetti.com
Indice del SitoNovità !Cerca nel SitoScrivi a uBC
MagazineRecensioni




" Alfa"

In questa pagina:
Testi
Disegni
Globale

Nathan e clone

Pagine correlate:

Cosa si nasconde nelle cantine dell'Alfa Building? Chi è Mister Alfa e quali sono i suoi scopi? Gli agenti alfa, al fianco dei loro cloni, devono scoprire la verità...

Clone wars
recensione di Giovanni Gentili



TESTI
Sog. e Sce. Stefano Vietti    

Arriva all'apice con questa storia la "Saga Alfa", la serie di 5 albi collegati che cambia il volto della testata.

Tocca a Stefano Vietti sceneggiare questo capitolo in cui scopriamo cosa si nasconde veramente dietro l'Agenzia Alfa.

Questa risulta essere la migliore storia della saga. Un bravo va a Vietti che ha imbastito quello che si può definire il "miglior albo d'azione" di Nathan Never.

Vietti muove l'intero staff dell'agenzia alfa insieme a tutti i loro cloni. Un cast numeroso che viene gestito ottimamente: ogni personaggio ha il suo spazio e il suo ruolo nella storia. Una delle poche avventure "corali" dell'agenzia. L'azione sfrenata si alterna alle pause con un ritmo perfetto.

"il miglior albo d'azione di Nathan Never (..)"
   

Molte e ben architettate le prove che gli agenti devono affrontare (molte le sequenze da ricordare, diverse delle quali sono citate sotto nel commento ai disegni). La curiosità del lettore è tenuta alta fino all'apparizione del misterioso Mister Alfa a pag.68 e poi verso il drammatico finale.

Pochi i punti che lasciano spazio a dubbi di incongruenza, comunque del tutto secondari rispetto al complesso (vedi anche scheda della storia). Citiamo solo che è sicuramente criticabile, da un punto di vista teorico, che tutti i cloni muoiano mentre nemmeno uno degli agenti alfa faccia una brutta fine in mezzo a tanto caos. In realtà questa era una chiara esigenza di continuity (i cloni sarebbero stati una presenza ingombrante per la serie) e non può essere considerata un errore.

A parte l'ottima sceneggiatura, sono interessanti anche gli sviluppi sui retroscena dell'agenzia: la storia narrata nella saga, ispirata negli elementi esteriori a Neon Genesis Evangelion, torna qui ad incentrarsi con forza sul mondo di Nathan Never con l'apparizione di Mister Alfa e un rientro in posizione di primo piano dei Venerabili (che sembrano putroppo assumere una certa importanza anche in chiave futura). Molti degli elementi apparsi saranno ripresi e sviluppati dagli autori negli anni a venire. Nel complesso nel soggetto non c'è niente di eccezionale, ma la storia è veramente godibile.

"Mister Alfa è il nuovo grande nemico dell'agenzia (..)"
   

Mister Alfa è il nuovo grande nemico dell'agenzia (ma anche di Skotos). Sicuramente molti si aspettavano che Mister Alfa fosse un personaggio già visto, magari Mister Jinx. L'apparizione di un personaggio nuovo toglie un po' di fascino all'evento ("e chi è questo nanetto?" avranno detto i lettori). Ma l'intreccio aveva già abbastanza interesse da reggersi da solo, senza bisogno di scomodare anche un vecchio nemico da inserire nella trama.

Anzi, in questo modo gli sceneggiatori di Nathan hanno lanciato un nuovo personaggio, utile a creare interesse verso i prossimi numeri e da utilizzare in chissà quali trame future (invece che passate). Quale sia il suo spessore lo scopriremo in futuro, e Mister Alfa è un elemento importante del futuro della serie.

Chiudiamo le considerazioni evidenziando come il personaggio di Mister Alfa sia la summa della filosofia serriana portata avanti da anni sulle pagine di Nathan: il male connaturato allo sviluppo tecnologico infine si incarna.



DISEGNI
Giancarlo Olivares    

(cliccare 74k)
Nathan e clone, disegno di Olivares
(c) 2000 SBE
   
Si è già detto delle tante scene di lotta di quest'albo ottimamente impostate da Vietti. Queste scene d'azione sono magistralmente interpretate dai disegni di un Giancarlo Olivares in ottima forma. Sicuramente la resa del risultato finale è anche merito dell'affiatamento tra i due autori, entrambi di origine hammeriana.

Olivares ha raggiunto con l'evoluzione del suo stile un ottima sintesi e in questa prova merita sicuramente il 7/7. I bianchi e i neri sono perfettamente equilibrati, esaltati da un uso perfetto dei retini computerizzati. Molti degli ambienti inventati da Olivares per questa storia risultano veramente affascinanti.

Ma eccellente è anche la scelta delle inquadrature e il montaggio delle pagine. Anche le scene più "incasinate" sono perfettamente leggibili (guardate le sequenze alle pag.39-45 o 88-91).

I personaggi recitano in maniera straordinaria: in questa storia vediamo all'opera l'intero staff dell'agenzia alfa ma Olivares non ha problemi a gestire ogni singolo agente nel modo giusto. Oltre a loro troviamo in azione tutti i cloni degli agenti, cloni che sono il vero gioiellino grafico all'occhiello di Olivares: umani e "diversi" al tempo stesso. Inoltre la differenza di altezza tra persone e cloni ha rappresentato una difficoltà in più per le inquadrature.

Olivares è al momento il disegnatore della serie con più inventiva e a lui è stato giustamente affidato il compito di inventare la nuova linea grafica dell'Agenzia Alfa (vedi recensione del 108).

Molte le tavole che meritano di essere ricordate: prima fra tutte il confronto tra Nathan e il suo clone a pag.10 (riprodotta qui a fianco), l'ingresso alle "cantine" alle pag.27-31, la lotta con i droni pag.39-45, la sequenza dei salti pag.47-52, e ancora 56, 60, 70, 89-91, la bellissima pag.96.



GLOBALE
 

Questa storia non tradisce le aspettative costruite negli albi precedenti che vengono a costituirne solo il lungo prologo.

L'epilogo della saga al prossimo albo, il cui compito è quello di introdurre i cambiamenti che gli eventi di quest'albo impongono alla serie (per un commento dei quali vedere la recensione del 108).

Vedi anche la scheda della storia.
 

 


 
(c) 1996 uBC all right reserved worldwide
Top
http://www.ubcfumetti.com §