ubcfumetti.com
Indice del SitoNovità !Cerca nel SitoScrivi a uBC
MagazineMonitor




uBC MONITOR
FEBBRAIO 2002


Monitor
pillole dal mondo del fumetto  


Nella tana del lupo
di Emanuele De Sandre

cliccare per ingrandire
cliccare 45k

La cover dell'albo
  
Primo assolo di Tito Faraci su Diabolik: l'apprezzato autore disneyano, da un paio d'anni a tutto regime sia per Bonelli che per Astorina, firma per la prima volta sia soggetto che sceneggiatura di un avventura del re del terrore.
Faraci si mette duramente alla prova decidendo di rinunciare ad alcuni punti di forza del figlio maledetto delle sorelle Giussani: l'ispettore Ginko, suo nemico prediletto; i trucchi ipertecnologici; le vie di fuga allestite per tempo.

In giro per la rete..
Sito ufficiale di Diabolik

Sito del Diabolik Club

L'originalità dell'albo, a nostro avviso, sta soprattutto nell'implicita sfida che Diabolik lancia ai derubandi: in un laboratorio segretissimo nascosto su un alto e irraggiungibile monte si può cambiare identità, letteralmente da capo a piedi, previo pagamento di un milione di euro in diamanti. Ecco la sfida che "lui" (direbbe Eva) lancia, ripulire le casseforti dell'inespugnabile castello (la tana del lupo del titolo) sfidando con i suoi impeccabili cambi di identità la banda di presunti professionisti del lifting e della liposuzione. Come a dire "guai a chi osa mettere in dubbio il primato del re del terrore nel mascheramento!"

Nell'albo si possono poi scorgere altre tracce dell'autore dei testi:

  • a pag.8 Diabolik dice ad Eva a proposito di un gioiello appena prelevato: "Ti ricordi? Stavamo per rubarlo qualche anno fa...". E' la dimensione del ricordo, del tempo che scorre. Faraci ha già compiuto con grandissimo successo questa delicata operazione con Topolino in alcune delle sue più note storie disneyane, alcune delle quali troviamo raccolte nel volume "Topolino Noir" edito dalla Einaudi. Qui è solo un cenno, un abbozzo, ma è chiaro il desiderio di restituire Diabolik a una realtà temporale che, con il dono della memoria, renderebbe le avventure del ladro dagli occhi di ghiaccio ancor più emozionanti.
  • Sceneggiatura curatissima. Il susseguirsi di campi e controcampi, esterni, zoom, primi piani, mezzibusti e quant'altro denota una massiccia dose di dettagli nella descrizione delle sequenze.

(30k)
Vignetta d'apertura, gesto classico

Detto dei pregi, nel suo complesso la storia lascia al lettore un senso di freddezza, e non è certo per la location d'alta montagna delle ultime pagine. Manca un cattivo di spicco, un nemico più nemico degli altri. Ma Faraci sapeva di andare incontro a questo rischio quando ha scelto di rinunciare a Ginko e di affidarsi a un gruppo di cattivoni a tutto tondo piuttosto che a una figura centrale un po' più ambigua e sfaccettata.
Come ben sappiamo, in genere i disegni non sono il pezzo forte degli albi Astorina, nonostante tutto però ci sembra che nelle tavole in questione il duo Ricci & Paludetti sia stato particolarmente deficitario nei chiaroscuri, a nostro avviso fondamentali in questa serie profondamente intrisa d'atmosfere noir e pulp. Nessuna critica in particolare alle anatomie o alle inquadrature, solo una sensazione generale di eccessiva sobrietà in molti interni e qualche volto un po' legnoso, di quando in quando.

 5/7    Diabolik anno XLI n°2 - Nella tana del lupo
Soggetto e sceneggiatura di Tito Faraci – Disegni: A. M. Ricci e Franco Paludetti
(Astorina) 120pp b/n, £ 3.000/Euro 1,55, brossurato, mensile
 

 


 
(c) 1996 uBC all right reserved worldwide
Top
http://www.ubcfumetti.com §