ubcfumetti.com
Indice del SitoNovità !Cerca nel SitoScrivi a uBC
MagazineRecensioni




" I cercatori
dell'Eden "


In questa pagina:
Testi
Disegni
Globale

Pagine correlate:

Un fanatico religioso compie delle stragi sacrificali per potersi aprire un varco per accedere al Paradiso.

Il Paradiso "deve" attendere.
recensione di Roberto Giammatteo



TESTI
Sog. Andrea Carlo Cappi/Andrea Pasini
Sce. Andrea Pasini
   

L'idea che sta alla base di questa storia è la solita che sta dando il la alle avventure del detective dell'impossibile negli ultimi tempi: qualcuno, in possesso di un libro mysterioso, contatta Mystère; a quanto pare non si riescono a trovare nuovi temi per dare inizio alle avventure del BVZM. Dopo circa duecento storie sarà anche fisiologico, ma, ritrovarsi con lo stesso plot d'avvio nelle ultime tre storie mi sembra davvero troppo (vedi La città dei cinque anelli albi n.196/197 e La maledizione del Sahara albo gigante n.4).

A quanto pare non si riescono a trovare nuovi temi per dare inizio alle avventure del BVZM.    

Per il resto la storia non è male, accompagnata da una sceneggiatura semplice e ben calibrata, mai tediante, nonostante l'inizio denso di spiegazioni. I vari personaggi sono caratterizzati in modo molto semplice e netto; subito, fin dall'inizio, si comprende quali sono i buoni e quali i cattivi. Quello che proprio non va giù è il finale (forse più dylandogghiano che mysterioso) non molto brillante; l'impressione è che si avesse fretta di chiudera la storia al più presto.

Per le varie curiosità vi rimandiamo alla Scheda della Storia.


DISEGNI
Lucia Arduini    

Lucia Arduini, alla sua quarta fatica mysteriosa, non sembra si sia espressa al meglio in questa storia. L'autrice si è accontentata di realizzare un lavoro sufficiente senza grandi errori ma anche senza disegni d'impatto; complice di tutto ciò è sicuramente l'impostazione semplicistica data da Pasini alla sceneggiatura.



GLOBALE
 

Nel dare un giudizio complessivo a questa storia, sono costretto a ripetere ciò che sto affermato sin dall'inizio: ci troviamo di fronte ad un'avventura che non sarà certo un capolavoro, ma allo stesso tempo non è di certo un clamoroso flop. Resta questa sensazione di sufficienza che ne fa una buona storia di transizione. Inoltre, anche il buon Giancarlo ci mette del suo realizzando un'anonima copertina.
 

 


 
(c) 1996 uBC all right reserved worldwide
Top
http://www.ubcfumetti.com §