Salta direttamente al contenuto

Gli universi narrativi di Al Castle

team-up tra Martin Mystère e altri personaggi di Alfredo Castelli
Articolo di  |   | martinmystere/


Gli universi narrativi di Al Castle
 


Gli universi narrativi di Al Castle

Nella sua carriera il professor Mystère ha incrociato la strada di quasi tutti i suoi colleghi alla Sergio Bonelli Editore ed è persino apparso in un Extra di Lazarus Ledd della Star Comics. Per non farsi mancare niente ha fatto anche la conoscenza dei suoi "fratelli" (e per alcuni versi suoi "predecessori"), incontrando molte delle creazioni del suo papà letterario, Alfredo Castelli.

Lo strano caso del professor Mystère e del dottor Quatermain

Nel 1978, sulle pagine di Supergulp fa il suo debutto Allan Quatermain, creato da Alfredo Castelli e con disegni di Fabrizio Busticchi. La serie, dalla vita editoriale breve, diventò una vera e propria genesi del personaggio più famoso dello scrittore, ovvero Martin Mystère. Infatti, Allan possiede un’arma a raggi vecchia di "quindicimila anni", un assistente neanderthaliano di nome Java ed una fidanzata bionda chiamata Beatrice. L’arma a raggi e Java rimasero, mentre Allan Quatermain diventò il BVZM e Beatrice si trasformò in Diana Lombard.

Martin Mystère & Allan Quatermain
copertina di G.Alessandrini, Martin Mystère n.112

(c) 1991 Sergio Bonelli Editore

Martin Mystère & Allan Quatermain<br>copertina di G.Alessandrini, Martin Mystère n.112<br><i>(c) 1991 Sergio Bonelli Editore</i>

In Martin Mystère 111/113 ("Il passato di Java"), avviene il team-up tra le due versioni del detective dell’impossibile... anche se in forma indiretta. Nella storia in questione, Allan Quatermain diventa un fumetto, che è alla base della trama dell’avventura, e fa anche un cameo lo sceneggiatore nei panni di Castillo (traduzione spagnola di Castelli). Successivamente, Martin e Java in Zona X 7a ("Al di là del tempo") rileggeranno ancora le strisce fumettistiche del personaggio.

Il Buon Vecchio Zio Boris

Nel 1970, il BVZA creò anche la strip horror/comica Zio Boris, apparsa su Horror, per i disegni di Carlo Peroni. Nel già citato MM 111, Java legge una striscia fumettistica, molto divertente, dove appaiono i personaggi di Zio Boris insieme a Tex e Zagor. La striscia è firmata da "Castle & Bigpears".

Java legge una striscia di Zio Boris in cui compaiono anche Tex e Zagor
disegni di Carlo Peroni ed Esposito Bros., Martin Mystère n.111

(c) 1991 Sergio Bonelli Editore

Java legge una striscia di Zio Boris in cui compaiono anche Tex e Zagor<br>disegni di Carlo Peroni ed Esposito Bros., Martin Mystère n.111<br><i>(c) 1991 Sergio Bonelli Editore</i>

Il detective dell’impossibile ed il detective del soprannaturale

Per chi non lo sapesse, prima dell’arrivo di Allan Quatermain e di Martin Mystère, Castelli creò, nel 1970, Van Helsing, detective del soprannaturale. In questo caso il personaggio non è il classico cacciatore di vampiri, ma egli stesso è un non-morto trasformato dal morso di Dracula.
La breve serie horror/gotica apparve sulla rivista Psycho, con la collaborazione di Marco Baratelli ai testi e Carlo Peroni alle matite. A causa della chiusura della testata e della morte di Baratelli, la saga si concluse con la quinta uscita. Dopo vent’anni Van Helsing è riesumato e compare, in un cameo, insieme al famoso investigatore di Baker Street, in MM 130 ("I mondi impossibili di Sherlock Holmes"). Questa comparsa non è casuale, dato che Sherlock Holmes era apparso in una storia del detective vampiro.

Martin Mystère e Java con Van Helsing
disegni di G. Coppola e M. Pepe, Martin Mystère n. 168

(c) 1996 Sergio Bonelli Editore

Martin Mystère e Java con Van Helsing<br>disegni di G. Coppola e M. Pepe, Martin Mystère n. 168<br><i>(c) 1996 Sergio Bonelli Editore</i>

In MM 168 ("Il ritorno di Jack") avviene il team-up tra i due indagatori del mistero. Van Helsing e Martin Mystère si trovano ad indagare su dei pugnali maledetti che risultano essere il mistero che si cela dietro all’identità di Jack lo squartatore. Tornando indietro nel tempo, fino al 1902, veniamo a conoscenza che Van Helsing ha collaborato anche con l’Altrove di quel periodo e con Mycroft Holmes, fratello maggiore di Sherlock, come visto in Storie da Altrove 9 ("Il Principe che tornò dalle tenebre"). In quest’occasione vengono narrate le origini del personaggio e della sua eterna lotta con il principe dei vampiri.

Ladri gentiluomini

In coppia con Ferdinando Tacconi, Castelli creò Gli Aristocratici, un gruppo di ladri gentiluomini. La serie fu pubblicata ne Il Corriere dei Ragazzi tra il 1973 ed il 1977. Il gruppo era formato da: il Conte (inglese e leader), Moose (irlandese e forzuto della banda), Alvaro (italiano, playboy e scassinatore), Fritz (tedesco ed inventore degli aggeggi usati dal team) e Jean Cornwallis, la nipote del Conte. Altri protagonisti sono l’ispettore Michael Allen di Scotland Yard, e fidanzato di Jean, e Derek Collins, nemesi ed ex-membro degli Aristocratici.

Martin Mystère e il Conte, capo degli Aristocratici
disegni di L.Cimpellin, Martin Mystère n.85

(c) 1989 Sergio Bonelli Editore

Martin Mystère e il Conte, capo degli Aristocratici<br>disegni di L.Cimpellin, Martin Mystère n.85<br><i>(c) 1989 Sergio Bonelli Editore</i>
Il primo incontro con Martin Mystère avviene in MM 85 ("I misteri di Londra"), quando il BVZM rievoca in flashback un episodio che gli capitò nella città di San Francisco, quando aiutò gli allegri furfanti contro una banda di malavitosi. Sempre nello stesso albo, mentre si trova a Londra con Diana e Java, il BVZM chiede aiuto al Conte e i due gruppi al gran completo s’incontrano.
Molti anni dopo e sempre nella capitale inglese, l’ispettore Allen, collega dell’ispettore Bloch, e Jean chiedono l’aiuto di Martin Mystère contro una setta enochiana in MM 216 ("29 febbrario"), dato che l’indagatore dell’incubo è impegnato in un altro caso. La vicenda si chiude un anno dopo in MM 227 ("Il giorno che non esisteva"), dove Martin, Diana e Java incontrano ancora Jean e Michael. In MM 293 ("Homunculus"), Derek Collins rapisce i suoi ex-colleghi e Jean disperata chiama Martin, che si precipita in Inghilterra per salvare i suoi amici.

Condividi questa pagina...