ubcfumetti.com
Indice del SitoNovità !Cerca nel SitoScrivi a uBC
MagazineRecensioni




" Attentato nel Texas "

In questa pagina:
Testi
Disegni
Globale

Pagine correlate:

La scomparsa del padre di un caro amico di Leo costringe Julia ad un viaggio in Texas, una terra conosciuta solo attraverso i libri che riserverà alla criminologa molte sorprese, alcune piacevoli altre decisamente meno...

Al di là di ogni ostacolo
recensione di Michele Morandi



TESTI
Sog. e Sce. Giancarlo Berardi e
Maurizio Mantero
   

Questa doppia storia ci regala una Julia formato Caterpillar, più forte delle sue paure più recondite e in grado di superare qualsiasi difficoltà pur di arrivare alla meta: la soluzione del caso.

Ma andiamo per ordine.

Già dal titolo, "Attentato nel Texas", si intuisce che Berardi ha voluto connotare questa storia con una precisa ambientazione, il Texas appunto. La prima tavola conferma l'impressione: un vignettone centrale dove si staglia un paesaggio aperto con sullo sfondo dei lunghi binari e un treno, una tavola che dà un forte senso di maestosità, di grandezza, a ricordare quali sono le caratteristiche di quella regione e di riflesso dei suoi abitanti ("Di solito i texani vengono descritti come vanitosi e fanfaroni. Mi chiedevo quanto potevano influire effettivamente i geni ereditari e quanto incideva invece la conformazione geografica. Vivere in un'immensa distesa verde sotto un immensa coperta azzurra alimentava di sicuro una certa propensione per la maestosità", Julia).

Questo aspetto contrasta in maniera evidente con quello che accade a Julia all'inizio del secondo albo: insieme al Marshall Gammon, rimane intrappolata sotto le macerie della prigione di Wylmeth, crollata in seguito alla fuga di Ike Chisholm. In quata occasione Julia vive una drammatica esperienza extracoporea ("...c'erano luce e colori...e c'erano mio padre e mia madre, come se li avessi raggiunti...ome se fossi morta...mi sarebbe piaciuto fermarmi là, ma papà non voleva...non m'ha nemmeno guardato in faccia...e m'ha rimandato indietro...") per poi tornare nel mondo dei vivi.

Durante la sua lunga degenza nell'ospedale di Wylmeth, Julia scopre di essere afflitta dalla claustrofobia, "un disagio che non avevo mai sperimentato, fatto di sudori freddi, fiato corto e un senso d'oppressione difficile da controllare", una malattia che la accompagnerà fino alla fine dell'albo, e che riuscirà a vincere grazie all'ippoterapia e ai verdi prati del Texas.

Purtroppo Julia viene anche informata da Leo del ritrovamento del cadavere di Saber, padre di Ahmed, un amico di Leo, la cui scomparsa qualche tempo prima aveva dato inizio a tutta l'avventura. A questo punto qualsiasi detective si sarebbe arreso, ma non la nostra Julia che nel pieno rispetto della tradizione ("quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare") riprende l'indagine da dove aveva dovuto interomperla.

""Per una donna, il timore dello stupro è un sentimento atavico, che la sicurezza del vivere civile odierno ha solo attenuato. Ma basta niente perchè deflagri, con il suo carico di orrore e di violenza" Julia
   
"L'unico dato positivo è che gli attentati contro di noi vanno avanti", così Julia stigmatizza Gammon ("Lei non molla mai, eh?"), ma a ben guardare sia lei che Leo sono stati oggetto di pesanti aggressioni nel corso dell'avventura texana: prima Leo è stato accoltellato, poi Julia minacciata e vicina ad essere stuprata ed infine mandati fuori strada con la loro auto. Di tutte queste aggressioni quella che segna di più Julia è la minaccia di stupro, un orrore che Julia riesce a lavare temporanemante solo con una prolungata doccia.

Ma, come dicevamo all'inizio, nonostante tutte gli imprevisti e le enormi difficoltà di Julia e Leo a raccogliere notizie ed elementi utili, l'indagine prosegue...e prosegue in una direzione assolutamente imprevista: entrando in contatto con la famiglia Chisholm, proprietaria del Ranch C3 e quindi la più importante del paese, Julia intuisce che tra Colin Chisholm, il primogenito, ex grande domatore di cavalli poi rimasto paralizzato in seguito ad una caduta, e Irina, ragazza di origine russa adottata dai Chisholm molti anni prima, c'è del tenero, "un amore impossibile, consumato clandestinamente, con troppa passione e poche precauzioni".

Quando Irina rimane incinta le cose precipitano perchè anche se "tecnicamente non sono fratelli" lo scandalo sarebbe enorme, da qui la decisione di Colin di chiedere consiglio al suo caro amico Peter Thompson. Peter è buon amico di Ahmed (sua sorella Therese è la sua fidanzata), ed è a conoscenza che suo padre Saber ha una relazione con Ruth Brennan, un'anziana ostretrica in pensione che aveva avutoin passato qualche guaio con la giustizia per casi di aborto clandestino: è facile per lui consigliare a Colin di rivolgersi a lei per "eliminare" il problema, e successivamente ricattarlo tramite un certo Magruder, un avanzo di galera, di divulgare la notizia.

"...il Grande Mare d'erba e il cielo del Texas m'erano entrati nel cuore..." Julia
   
Il povero Saber viene ucciso perchè deciso a denunciare lo sporco gioco quindi, senza nessuna implicazione razziale. Eppure tutta la storia è permeata dal sentimento del razzismo, sia quello di stampo campanilistico (come diremmo in Italia) da parte dei cittadini di Wylmeth, naturalmente diffidenti con "i cittadini", sia quello di chiara matrice religiosa che costringe Ahmed ad interrompere la sua carriera militare nell'aviazione USA. Ovviamente non è casuale la scelta di Berardi di raccontare le vicissitudini di una famiglia iraniana, quindi araba, negli USA post - 11 settembre, vicissitudini che come abbiamo visto portano alla morte del capofamiglia ma, e qui paradossalmente il finale acquista addirittura un'accezione positiva, tale tragedia è del tutto estranea alle meschinità proprie del razzismo.



DISEGNI
Laura Zuccheri    

Pur essendo divisa in due albi, la storia è del tutto uniforme dal punto di vista grafico grazie alle pregevoli tavole realizzate da Laura Zuccheri: il suo tratto è molto pulito e funzionale alla narrazione, in particolare le prime 10 pagine del secondo albo, contenenti uno dei principali climax della storia in cui Julia si trova sotto le macerie più morta che viva, trasmettono in maniera efficacissima l'oppressione e la disperazione di quei momenti.

Bella la caratterizzazione del Marshall Jay Gammon, un texano ipervitaminico con la faccia del Tom Selleck di Magnum P.I., sceriffo di provincia tipico del nostro immaginario collettivo e per questo subito simpatico (sarà per quella mascella volitiva ma anche Julia non rimane insensibile al suo fascino...)

Una nota particolare per la bella copertina del secondo albo, quella che raffigura una terrorizzata Julia mentre viene sommersa dalle macerie, un'immagine che rende bene l'idea della claustrofobia che non a caso la ossessionerà una volta uscita.



GLOBALE
 

Episodio ricco di ingredienti: ci sono tutti gli elementi classici del noir (omicidio, indagine, sospetti, sabotaggi, il ricatto etc...), l'attualità (il razzismo, la demonizzazione di tutto ciò che attiene al mondo islamico), i sentimenti (l'evidente simpatia tra Julia e Gammon, che non si concretizza in qualcosa di più solo perchè il Marshall di Wylmeth aveva già una relazione importante in piedi, ma allo stesso tempo la necessità di Julia di sentire una voce amica, quella del tenente Webb, di cui parla, pur senza nominarlo espressamente, anche a sua madre durante l'esperienza extracorporea).

Berardi dosa sapientemente tutti questi temi e ne tira fuori una appassionante avventura, in cui spesso e volentieri la caccia all'assassino passa in secondo piano (tanto prima o poi Julia lo becca di sicuro :-)) proprio per la presenza di numerosi temi e e delle situazioni contingenti che servono a rendere la storia meno cinematografica e più romanzesca del solito.

Un ultimo inciso sulla vita sentimentale di Julia, sempre più fragile e confusa: come già detto anche in questo albo Julia non nasconde di provare una forte simpatia per un altro uomo, anche se, come ci viene proposto chiaramente nel suo sogno-delirio, il suo vero amore è il tenente Webb, per il quale ha un grande affetto (come dimostra il fatto che quando è lontana da casa lo chiama per sentire una voce amica), stima (sia come uomo che come collega di indagini nonostante i frequenti scontri, ma questo le succede immediatamente anche con il Marshall Gammon) ...a quando la risoluzione?

Aspettiamo novità nelle prossime puntate con la stessa famelica curiosità di una casalinga che aspetta lo scoppio di un nuovo amore nella sua soap opera preferita. :-)


 

 


 
(c) 1996 uBC all right reserved worldwide
Top
http://www.ubcfumetti.com §