ubcfumetti.com
Indice del SitoNovità !Cerca nel SitoScrivi a uBC
MagazineRecensioni




" Il passato di Gregory "

In questa pagina:
Testi
Disegni
Globale

Pagine correlate:

L'oscuro passato di Gregory
recensione di Giorgio Loi

Gregory affronta a viso aperto il Monaco Errante nella speranza di liberarsi dalla maledizione che lo perseguita. Non riuscirà nell'intento ma, in compenso, ritroverà una vecchia conoscenza che lo obbligherà a confrontarsi con le conseguenze delle sue gesta passate. Attraverso la rievocazione di vecchi ricordi conosceremo un insospettabile "passato oscuro" del ranger stellare.



TESTI
Sog. e Sce. Antonio Serra    

In questa seconda, lunga avventura Serra introduce parecchi elementi e si diverte a cambiare continuamente scenario, quasi volesse spingere al limite estremo le caratteristiche di dichiarata inverosimilità della saga. Passiamo così da un pianeta-crocevia popolato dalle creature più improbabili (Terminus) a un mondo di pacifiche creature schiavizzate da un grasso e prepotente governatore umano, a un altro mondo ancor più fantastico dove "abita" il fantasma di Gregory fino a uno sperduto pianeta cavo che sarà teatro di uno scontro fra pirati in piena regola, con tanto di galeoni e cannoneggiamenti.


Badger in azione - Disegno di A.Platano
(c) 2001 SBE
   
 

I singoli elementi sanno tutti di "già visto", compresa la metafisica "Nowhere City" (basterebbe citare il bonelliano Napoleone), ma il loro accostamento è senz'altro originale, quando non ardito. Pensiamo al n.4, speso interamente per spiegare (come dice il titolo) l'origine del fantasma che perseguita Gregory: per tre quarti ascoltiamo un racconto dall'ambientazione fantasy, mentre nell'ultimo quarto, inaspettatamente, ci viene proposto il racconto... del fantasma (!), ovviamente in un contesto talmente assurdo da far apparire Tarkos Quarto plausibile come il quartiere di casa nostra. Nel quinto volume ritorniamo nello spazio e ritroviamo Sandrach, che ci porta su un pianeta-deserto in stile "Guerre Stellari", ma non facciamo neppure in tempo ad ambientarci che veniamo catapultati nel bel mezzo di un film di cappa e spada!

Lo sforzo di Serra di ricreare le atmosfere avventurose, scanzonate e un po' ingenue dei fumetti di trenta e quarant'anni fa è evidente e ci sembra che si siano fatti passi avanti rispetto ai primi tre albi (come é logico: i personaggi hanno bisogno di tempo per svilupparsi e con i prossimi numeri dovremmo assistere a una sempre maggior definizione dei loro tratti caratteristici). L'importante è riuscire a coinvolgere il lettore, a convincerlo a "stare al gioco", a sorvolare sulle numerose forzature che costituiscono l'universo alternativo di Gregory e a lasciarsi trascinare dal puro e semplice divertimento, dall'avventura.

"Serra cerca di convincere il lettore a stare al gioco e a lasciarsi trascinare dal puro e semplice divertimento, dall'avventura"
   
Se lo sforzo è lodevole e la direzione corretta, i risultati sono però inferiori alle aspettative, aspettative peraltro create dall'autore stesso. I prologhi dei capitoletti, le tag-line di presentazione, gli stessi titoli degli albi sono scritti con un linguaggio volutamente roboante, evocativo, che anticipa chissà quali mirabolanti trovate. Peccato che queste "trovate" siano, alla fin fine, poca cosa, e per la maggior parte di natura grafica. Pensiamo agli stessi titoli degli albi: "Il pianeta dell'abisso", dove l'abisso si rivela essere poco più di una piscina con serpentone annesso, o "La vendetta di Helkeyon", vendetta che non sarà mai consumata poiché Helkeyon è un buon diavolo e tutto finisce a tarallucci e vino. Qualcosa ci è piaciuto, sicuramente, e apprezziamo l'evoluzione di Badger che qui non è solo una spalla comica e attaccabrighe ma comincia ad avere un suo ruolo ben definito, nonché un'innegabile carica di simpatia. Ma non è ancora abbastanza per rinnovare i fasti dei fumetti dei "tempi d'oro".



DISEGNI
Antonella Platano    

Gregory Hunter è stato sicuramente pensato come un fumetto "bello da vedere", dove il disegno ha una parte preponderante rispetto ai testi. Bisogna qui dare atto a Serra di aver colto nel segno: i fumetti una volta si leggevano principalmente per i disegni, la storia era quasi un pretesto. Oggi che molti fumettofili (o presunti tali) vanno in brodo di giuggiole davanti al tratto astratto ed ermetico di disegnatori "d'autore" che illustrano storie "iperscritte", didascaliche e intimistiche, Serra rinnega tutto ciò e ci offre, prima con la Pianta e poi con la Platano, tanti disegni e pochi fumetti: disegni immediati, di facile fruibilità, ma non per questo dozzinali, anzi. La Platano ha un tratto preciso, particolareggiato. Si muove con disinvoltura nel disegno sia di un'astronave sia di un galeone, sia di lineamenti e anatomie umani (maschili e femminili) sia di bizzarre e fantasiose creature spaziali.


Gregory incontra il Monaco Errante - Disegno di A.Platano
(c) 2001 SBE
   
 

Le espressioni sono molto nette: bocche spalancate, occhi spesso strabuzzati, a indicare stati d'animo precisi, ossia gioia, dolore, stupore, rabbia. Non c'è spazio per grandi sfumature psicologiche, né Gregory Hunter le richiede. L'interpretazione di Badger è un po' meno scimmiesca rispetto a quella dataci da Elena Pianta ma, nonostante tutto, convincente. Uomini e donne sono disegnati bene; probabilmente i primi sono più vari e caratterizzati ma Kora è comunque bellissima :-). Il fisico di Gregory è alle volte un po' statuario, come un dio greco, forse una sottile rivincita della Platano verso le giunoni supermaggiorate disegnate dai suoi colleghi maschi.



GLOBALE
 

In un fumetto che punta tutto sulla bellezza grafica le copertine giocano una parte essenziale, e bisogna dire che la Pianta si dimostra pienamente all'altezza delle aspettative. Molto colorate, attraenti, ricche di particolari (splendida quella del n.5), insomma: belle da guardare. In passato, e forse anche oggi, molti sceglievano che cosa acquistare in base all'attrazione che subivano dalla copertina; da questo punto di vista non si può dire che Gregory Hunter sia in difetto.

Questa seconda avventura segna una piccola evoluzione dei personaggi e si comincia capire che cosa potremmo aspettarci in futuro, anche se, ne siamo certi, Serra non rinuncerà a tentare di stupirci.


 

 


 
(c) 1996 uBC all right reserved worldwide
Top
http://www.ubcfumetti.com §