ubcfumetti.com
Indice del SitoNovitÓ !Cerca nel SitoScrivi a uBC
MagazineRecensioni




" La via del Nero"

In questa pagina:
Testi
Disegni
Globale


Pagine correlate:











 
Pierino torna a casa con la pagella: un collezione di insufficienze. La madre, mantenendo il controllo a stento gli domanda: "Bene! Questa volta che scusa pronta hai, a tua discolpa!" Pierino con fare maturo e serioso risponde: "Francamente mamma, questa volta sono proprio in imbarazzo..." di fronte a questo incipit la madre ha un moto di sorpresa e di rinnovata speranza e dopo un attimo di riflessione Pierino conclude "...non riesco a decidermi fra le cause ereditarie e l'influenza dell'ambiente familiare".

Occhio malocchio amanita muscaria e finocchio
recensione di Daniele J.Farah



TESTI
Sog. e Sce. Luca Enoch    

Nelle pagine di Gea n.5 possiamo mettere a fuoco almeno tre sottotrame.

  • 1) Il Nero ha nel sangue un'eredit´┐Ż "oscura" che in conseguenza di un preciso input (l'incontro con Ardat-Lili) pu´┐Ż affiorare e possederlo determinandone tutte le sue future azioni.
  • 2) Gea ha nel sangue l'ascendenza matrilineare che affiora gradualmente al livello cosciente di Gea, influenzandone la crescita e favorendone l'apprendimento.
  • 3) I nuovi nati della comunit´┐Ż Naga hanno nel sangue il dono di trasformarsi in serpente. Questo ne influenza inevitabilmente l'esistenza.
Per quanto questi tre sentieri conducano a mete differenti ´┐Ż importante notarne le similarit´┐Ż. Da un secolo la psicologia cerca di comprendere, dove e in che misura, ereditariet´┐Ż e ambiente sono causa preponderante delle azioni di ogni singolo individuo. Ognuno di noi nasce con dei talenti e per contraltare, anche delle deficienze. Buon sangue non mente, tale padre tale figlio, le colpe dei padri ricadono sui figli. La saggezza popolare ci insegna a suo modo l'atavico principio del peccato originale: oltre agli occhi azzurri e i capelli ricci esiste qualcosa d'altro che ci trasciniamo dietro di generazione in generazione. E' giusto? E' sbagliato? Influenza il nostro libero arbitrio? Non ha importanza dice Enoch. Limitiamoci ai fatti, ed i fatti sono che ci portiamo sulle spalle il nostro bel fagottino. E non ´┐Ż tutto: dove la roulette genetica ci ha risparmiato, pu´┐Ż sempre segarci le gambe l'ambiente in cui cresciamo con tutti i rischi e le implicazioni del caso.

"Mai piangersi addosso! Ognuno di noi ´┐Ż al posto giusto e al momento giusto. Nel sangue abbiamo tutto ci´┐Ż che ci serve per condurre il nostro cammino!"
   

A Leonardo ´┐Ż proprio capitato questo. Ridotto su una sedia a rotelle a causa di un autista distratto. Che fare? Piangere per la propria sfi... ehm... sfortuna? Certo che no! Godersi la vita ´┐Ż quello che fa, anche se deve farlo guardando il mondo da una prospettiva pi´┐Ż... bassa, ma fisicamente. Intellettualmente sicuramente pi´┐Ż elevata. Piangersi addosso vuol dire abbandonarsi al lato oscuro, esattamente come abbandonarsi al lato oscuro ´┐Ż anche non avere aderenza terapeutica per chi ha contratto la sindrome da immunodeficienza (AIDS). Che fare? Piangersi addosso in quest'altro caso? No, andare avanti, lungo il sentiero della vita. Fermarsi non si pu´┐Ż, si pu´┐Ż solo scegliere se percorrere la via luminosa oppure quella del nero. Non esiste meglio o peggio. Tutto rientra in un disegno pi´┐Ż vasto. Il Nero, sceglie di percorrere la via oscura? Bene! Nel far questo uccide Naga fino al momento di trovarsi di fronte ad un ragazzino che non vuole perdere la madre. Questo sentimento protettivo risveglia nel fanciullo un antico dono celato nel sangue e creduto ormai perduto. Se il Nero non avesse imboccato il suo sentiero, il giovane Naga non avrebbe neppure potuto cominciare il proprio di cammino personale verso una pi´┐Ż profonda conoscenza di se stesso. Il Grande Disegno ha cos´┐Ż voluto che la conclusione di un sentiero oscuro fosse anche il principio di un sentiero luminoso.

(cliccare 71k)
Il Nero con il suo arco
(c)2001 SBE

(cliccare 70k)
Il Nero in azione
(c)2001 SBE

Nella realt´┐Ż disegnata e scritta da Enoch, vi ´┐Ż quindi tutto ed il contrario di tutto. Essere sieropositivi non impedisce di imboccare il sentiero della luce. Avere la capacit´┐Ż di proiettarsi astralmente non vuol dire essere per forza dalla parte del bene, pu´┐Ż farlo anche il Nero. Non essere capaci di proiettare il proprio corpo astrale non vuol dire non poter servire la causa del bene, il Pesante pu´┐Ż farlo pur avendo lo spirito vincolato al corpo. Fumare erbe strane non vuol dire essere per forza schiavi di un vizio, i Naga lo fanno perch´┐Ż non abituati alla concentrazione di azoto presente nella nostra atmosfera. Mangiare pur´┐Ża di amanita muscaria non vuol dire essere tossicodipendenti, Gea lo fa per ragioni funzionali, legate alla sua personale tradizione.

Vedere anche l'articolo "Sotto il segno della croce" che approfondisce alcuni temi collegati.



DISEGNI
Luca Enoch    

Questo albo ´┐Ż ricco di soluzioni grafiche che appagano l'occhio. Primo fra tutti il viaggio astrale di Gea nella dimensione estatica.

Vi sono inoltre rappresentate molte nuove entit´┐Ż intrusive ed un nuovo incontro coi baluardi adulti da non poter dimenticare.

(cliccare 61k)
Gea nella citt´┐Ż araba
(c)2001 SBE

(cliccare 82k)
Sacrificio dei serpenti
(c)2001 SBE

Da notare inoltre lo sforzo di infrangere ogni tanto la gabbia bonelliana proponendoci tavole panoramiche molto piacevoli. Il tutto senza osare troppo. Nel complesso un'ottima prova grafica per questo autore completo.



GLOBALE
 

Storia complessa ed articolata, non c'´┐Ż che dire. La filosofia enochiana ´┐Ż evidente nella sua forma pi´┐Ż manifesta: bene e male sono facce della stessa medaglia, ma concepire la realt´┐Ż come bipolare ´┐Ż anch'esso un limite mentale da cui ci dobbiamo svincolare.

"Occhio per occhio e il mondo diventa cieco"
(Gandhi)
   

La realt´┐Ż ´┐Ż molto pi´┐Ż simile ad un prisma che ad una medaglia. Un prisma con un numero di facce elevatissimo... tante quanti sono gli occhi che lo osservano. Per avere la visione del prisma, bisogna interpolare tutti gli infiniti punti di vista, ma attenzione! C'´┐Ż chi il proprio punto di vista vuole imporlo, a costo di cavarvi gli occhi... per poi darvi del cieco.

Enoch ´┐Ż un bambino! S´┐Ż, un bambino!! Per sua stessa dichiarazione, da piccino, scopr´┐Ż quale fosse il suo sentiero artistico divertendosi a colorare le pareti del bagno di casa usando le sue feci prelevate a mani nude dal vasino che nella sua fantasia si trasform´┐Ż nella tavolozza di un grande pittore. Come ci ha ricordato Forrest Gump, "La merda capita". Solo un orbo non si accorgerebbe che ne siamo circondati.

Con occhio clinico possiamo invece accorgerci che Enoch, ormai adulto ed autore affermato, persevera coi giochi di bambino. Afferra noncurante nelle sue mani tutte le guerre, le ipocrisie, le discriminazioni, le malattie, le ingiustizie, tutte le brutture insomma e con candida passione le sparge sulle sue tavole, riuscendo a divertirci, commuoverci, insegnarci, ammonirci: aiutandoci a vedere il mondo con occhi nuovi insomma. Enoch ´┐Ż il Re Mida del fumetto: trasforma la m*#%a in arte! :-)

Vedere anche la scheda della storia.
 

 


 
(c) 1996 uBC all right reserved worldwide
Top
http://www.ubcfumetti.com §