Salta direttamente al contenuto

Speed Loop

la Disney continua a sperimentare
Recensione di  |   | disney/


Speed Loop
Speed Loop 0 "Episodio zero"


Speed Loop

Reno Albarn è un ragazzo prodigio: analitico, reattivo, coraggioso... non avesse un caratteraccio sarebbe perfetto.
Paula Johanna, detta PJ è un disastro ambulante: sventata, emotiva, leggermente dislessica... fosse perfetta sarebbe perfetta.
Gilliam è alto, atletico, bello, generoso, strapieno di soldi... non fosse perfetto sarebbe perfetto.
Entrambi hanno appena fatto il loro ingresso a Pool Deeps House il più esclusivo, tecnologicamente avanzato, e "perfetto" college della nazione. Peccato che la perfezione non sia di questo mondo...

Fase 1: inizializzazione

In giro per la rete


Speed Loop
il sito ufficiale
Reno Albarn
su MySpace.com
Walt Disney Co. Italia
il sito ufficiale della Casa Editrice
Presentato come Episodio 0 In occasione del Lucca Comics dalla Disney Italia/Buena Vista Lab, Speed Loop si presenta come un fumetto per ragazzi con tematica fantascientifica-cyberpunk. I riferimenti sono, più che l'opera di William Gibson, Matrix e, perchè no, Tron.
Questo episodio introduttivo, firmato da Fausto Vitaliano ai testi e Claudio Sciarrone ai disegni, fornisce al lettore tutto quello che gli occorre sapere. Il "collegio dei prodigi" che, se pensiamo a Wondercity, sta diventando un topos di successo nel campo del fumetto italiano per ragazzi, viene presentato rapidamente ma significativamente. Il lettore ne capisce tanto la natura "palese" fatta di disciplina e controllo, quanto quella occulta: il Pool Deeps che, riflesso allo specchio diviene Speed Loop, luogo virtuale in cui incombono minacce reali.
Anche i personaggi acquistano in fretta "dimensione", grazie anche a piccoli tocchi caratterizzanti, quali la capigliatura di Reno che si "rizza" appena questi s'infuria, l'atteggiamento ironicamente serafico di Gilliam, il "fuori onda" di PJ, in cui ella "ridisegna" le situazioni in cui si trova. Dei non protagonisti quello che per ovvia necessità attira le attenzioni del lettore è il Preside Goodbert T. Skullion, inquietante custode dei segreti di Pool Deeps, antagonista praticamente certo dei tre ragazzi.

Fase 2: Interfaccia Grafica

Se il mestiere di Vitaliano produce una introduzione esaustiva (forse, come vedremo, anche troppo), l'esperienza di Sciarrone la dota di una più che adeguata veste grafica.
La caratterizzazione dei personaggi è efficace e, se vogliamo, "trasparente". In Reno è impossibile non cogliere l'omaggio di Sciarrone alla nutrita schiera degli "adolescenti eroi loro malgrado" del manga, a partire da Ushio Aotsuki di Ushio e Tora. Il preside Skullion si richiama con evidenza alla larga famiglia degli "Uomini in Nero", qui non intesi in senso prettamente "Mysteriano", ma più allargato: il riferimento è certamente l'Agente Smith del già citato Matrix, ma anche il misterioso "uomo con la valigia" del videogioco Half Life. Citazioni "efficaci", appunto e che vanno oltre la semplice "copia carbone".
Le tavole, da parte loro, scorrono fluenti e praticamente "invisibili", rendendo alla sceneggiatura il miglior servizio possibile. Menzione d'onore poi all'uso del colore, steso in maniera eterogenea in modo da evitare quelle "cristallizzazioni" che danno l'impressione del prodotto seriale.

Reno, Gil e PJ
Speed Loop - Episodio zero - pag.33 - disegni di Claudio Sciarrone

(c) 2006 Disney

Reno, Gil e PJ <br>Speed Loop - Episodio zero - pag.33 - disegni di Claudio Sciarrone<br><i>(c) 2006 Disney</i>

Fase 3: Controllo d'errore

Completo successo, quindi? Beh, sì e no. Come "episodio pilota", siamo certamente ad un ottimo standard e il lettore quasi certamente nutrirà interesse per la serie regolare, attualmente non ancora programmata. Ma per ottenere questo risultato, sono state poste alcune ipoteche sugli sviluppi futuri.
Come "episodio pilota", siamo certamente ad un ottimo standard e il lettore quasi certamente nutrirà interesse per la serie regolare. Ma per ottenere questo risultato, sono state poste alcune ipoteche sugli sviluppi futuri.
La prima è sicuramente causata dalla sovrabbondanza di dati su ambientazione e personaggi, gestita, peraltro quasi completamente dai "dossier" che accompagnano l'episodio. Dei protagonisti, di Pool Deeps e della sua storia il lettore viene a sapere troppe cose. Da dettagli intriganti quali la scomparsa dell'ultimo erede del fondatore di Pool Deeps, a dettagli di background sulle famiglie di P.J. e Gilliam e su quanto queste influiscano sulla loro vita, fino ad una completa descrizione delle circostanze in cui è scomparsa la madre di Reno.
Tutte informazioni che non variano di una virgola il gradimento del lettore per questo episodio e che avrebbero avuto, nella nostra opinione, un valore certamente superiore se narrate nel corso della serie e non in dossier a fondo volume. Anticipazioni, detta come va detta, che rischiano di rendere banali le successive rivelazioni.
La seconda, in parte correlata, è l'aver immediatamente lanciato i protagonisti in mezzo al mistero e l'aver posto immediatamente "l'antagonista" sulle loro tracce. Ancora prima del numero 1, si ha l'impressione che i "giochi siano fatti" ed ai "buoni" non resti che subire le trame dei "cospiratori" fino al ribaltamento finale. Fare i confronti è sempre spiacevole, ma dobbiamo ammettere che il diretto concorrente (Wondercity) è stato molto più parsimonioso nel gestire la "teoria del complotto" soggiacente.
Infine c'è un dubbio di fondo sul target effettivo di quest'opera. Tratto e sceneggiatura lo dirigono quasi naturalmente verso un pubblico adolescente, magari appassionato di manga, ma alcune citazioni (tra cui quella dello storico videogame Wonder Boy) sono più patrimonio della generazione degli autori.

Fase 4: Ok. Starting

Ma, in realtà, nessuna di queste ipoteche può essere considerata preoccupante, in quanto Speed Loop deve ancora trasformarsi in serie regolare ed affrontare la vera prova del pubblico.
E le premesse, dall'esperienza degli autori alle qualità di soggetto e disegno, fanno sperare in una bella prova. Speed Loop - Episodio Zero, di Fausto Vitaliano (testi) e Claudio Sciarrone (disegni e colori) - Disney Comics n.1 (Walt Disney), trimestrale, 19x28, 94 pp, colore - 6.90 €, in edicola e fumetteria da Novembre 2006

Condividi questa pagina...