ubcfumetti.com
Indice del SitoNovitÓ !Cerca nel SitoScrivi a uBC
DatabaseAutoriSchede




In questa pagina:
Biografia
Dicono di lui
Index

Pagine correlate:
Legs Weaver
Nathan Never
Scheda Serra
Scheda Vigna

Sceneggiatura
12 pagine di sceneggiatura
da NN 39


Dopolavoro
Medda sulla "filosofia bonelliana"

  Michele Medda
Nato a: Cagliari
Data di Nascita: 07.12 1962
scheda di Fabrizio Gallerani

Biografia

La passione per il fumetto, lo porta, nei primi anni ottanta, ad entrare a far parte del gruppo Bande Dessin´┐Że, una associazione cagliaritana che riunisce giovani aspiranti fumettisti. Qui conosce Antonio Serra e Bepi Vigna (che assieme ad altri autori di origine sarda, tra i quali Vanna Vinci, sono i fondatori del gruppo) e ha l'occasione di tentare le sue prime esperienze in campo professionale.

1983| I suoi primi lavori sono di autore completo e indirizzati al fumetto umoristico. Le storie, che denunciano un debito evidente, sia dal punto di vista grafico che da quello dei contenuti, nei confronti dell'opera di Quino (di cui Medda ´┐Ż grande estimatore) penalizzano eccessivamente le ottime qualit´┐Ż di scrittura che Medda riveler´┐Ż in seguito.

1984| Alterna gli studi universitari con una collaborazione con alcune radio private locali. Conseguita la laurea in Lettere Moderne con una tesi sul romanzo poliziesco italiano, dedice di dedicarsi esclusivamente alla sceneggiatura.

(11k)
Medda in una caricatura di Claudio Castellini
   
 
1985| Medda, Serra e Vigna, incontrano Alfredo Castelli, in sardegna per registrare una trasmissione televisiva negli studi RAI di Cagliari, e gli propongono un soggetto di ambientazione locale per il suo detective dell'impossibile, ispirato ad una vecchia sceneggiatura dello stesso Vigna. Castelli, pur prendendosi la libert´┐Ż di rimaneggiare pesantemente il soggetto originale, lo accetta: la storia, intitolata "Il mistero del nuraghe", uscir´┐Ż nei numeri 34/35 di Martin Myst´┐Żre e costituir´┐Ż il punto di svolta de "la banda dei sardi" (come ormai vengono soprannominati) inaugurando una proficua collaborazione con la Sergio Bonelli Editore.

1988-94| Il trio contribuir´┐Ż successivamente alla stesura dei soggetti di altri episodi della serie di Castelli (MM nn.76/77 e MM. nn.79/80) e, nel 1991, verr´┐Ż loro concessa anche la realizzazione completa (soggetto e sceneggiatura) di una lunga storia, "La macchina della follia", che verr´┐Ż pubblicata nel n.107bis, inaugurando la serie dei Bis (supplementi alla collana regolare) di Martin Myst´┐Żre. Nello stesso periodo scrivono anche il soggetto e la sceneggiatura di "Ukbar" un episodio pensato per la futura Zona X, che, a causa dei continui slittamenti del progetto di Castelli, verr´┐Ż pubblicato solamente nel 1994.

1989| Nel frattempo, la loro attivit´┐Ż si estende anche alla collana dell'indagatore dell'incubo. Sempre collettivamente firmano infatti i numeri 29, 35 e 48 di Dylan Dog.

1989-95| Medda si dimostra ben presto il pi´┐Ż eclettico del trio e inizia ad occuparsi anche di altri characters all'interno della casa editrice. Sempre nel 1989 firma da solo il suo primo episodio di Nick Raider "L'enigma delle bambole" (NR n.16) al quale seguiranno un buon numero di altri albi, tutti caratterizzati da una robusta narrazione.

1989| Impegnati anche sul fronte della saggistica, il trio dei sardi, firma, insieme a Michele Masiero (anche lui futuro collaboratore della Bonelli), il saggio "Raccontare Martin Myst´┐Żre" edito da Alessandro Distribuzioni.

(5k)
autoritratto dei "tre sardi", Medda al centro
   
 
1989| Partendo dall'embrione di una idea covata fin dai tempi della loro associazione, Medda, Serra e Vigna propongono a Bonelli il progetto di una nuova serie di genere fantascientifico (una novit´┐Ż nell'allora panorama della casa editrice). La serie, imperniata sulle gesta di un agente del futuro che si sarebbe dovuto chiamare Nathan Nemo, viene approvata a sopresa l'11 novembre 1989 e gli studi preliminari vengono affidati a Dante Bastianoni e Claudio Castellini con i quali avevano avuto gi´┐Ż occasione di collaborare per le loro storie, rispettivamente, di Martin Myst´┐Żre e Dylan Dog.

1991| Su consiglio di Castelli il nome del personaggio verr´┐Ż successivamente modificato nel definitivo Nathan Never, ed ´┐Ż con questo titolo, che nel giugno del 1991, supportata da un preventivo numero zero (distribuito gratuitamente in occasione della presentazione della serie nella libreria bolognese di Alessandro Distribuzioni e destinato a raggiungere le alte vette del mercato del collezionismo) e da un discreto battage pubblicitario (insolito per la casa editrice) esce il primo numero della nuova testata.

1991-1997| La versione scelta per il look di Nathan Never ´┐Ż quella proposta da Claudio Castellini, che sar´┐Ż scelto anche per disegnarne le copertine; lo staff iniziale dei disegnatori, oltre agli stessi Castellini e Bastianoni, ´┐Ż costituito quasi esclusivamente da nuovi acquisti per la casa editrice. Tra questi, Mario Atzori, Francesco Bastianoni (fratello di Dante), Germano Bonazzi, Nicola Mari, Stefano Casini, Roberto De Angelis, i fratelli Esposito, Pino Rinaldi e Romeo Toffanetti. L'apporto di Medda, significativo soprattutto nei primi anni della serie, evidenzia immediatamente uno spessore ed una profondit´┐Ż (con una attenzione particolare all'introspezione del personaggio) assenti nelle storie degli altri due sardi: in questo periodo Medda scrive in solitaria albi memorabili come "Gli occhi di uno sconosciuto" (NN n.9), "Vampyrus" (NN n.26) e "Dirty Boulevard" (NN n.32), o fondamentali come il doppio "L'abisso delle memorie"/"L'undicesimo comandamento" (NN nn.18/19).

1991| Un suo breve racconto umoristico, "L'invasione degli Squirk", disegnato da Sergio Masperi, viene pubblicato da Fumo di China, mentre l'effimera Creepy, rivista antologica nata sulla scia del successo dei fumetti horror e solo parzialmente ispirata all'originale americana, pubblica un altro suo breve racconto.

1994| A Medda, il cui stile, ormai maturo, pare adattarsi a pi´┐Ż di un personaggio all'interno della casa editrice, vengono affidate anche un paio di storie del personaggio simbolo della Bonelli: Tex. Suoi sono infatti il soggetto e la sceneggiatura degli episodi dei numeri 403/405 e 410/411, disegnati rispettivamente da Jesus Blasco e Guglielmo Letteri.

1994| Medda ha un riflusso nostalgico e rispolvera la sua vena comica, per lo speciale "C'era una volta.. un Klonz", numero unico, uscito come supplemento a Nathan Never nel dicembre del 1994 per i disegni di Leone Cimpellin.

1995| La vena comica di Medda ha modo di sbizzarirsi, successivamente, sulla testata di Legs Weaver, nata da una costola di Nathan Never, e che fin dall'inizio punta decisamente su toni ironici. Il suo primo albo ´┐Ż il n.3 "Il Giustiziere".

1995-99| Medda ritorna anche sulle pagine di Dylan Dog, dopo la prove collettive firmate assieme a Serra e Vigna, firmando alcune belle storie che restituiscono un lato piuttosto insolito dell'indagatore, quasi antitetico alla filosofia sclaviana. C'´┐Ż un insistito intento dissacratorio nei riferimenti di Medda al mondo delle fiabe (la sua prima sceneggiatura in solitario per Dylan, "C'era una volta" [DD al94b] ´┐Ż una parodia di Cappuccetto Rosso, mentre la sua ultima "Il battito del tempo" [DD n.154] ´┐Ż l'ideale seguito del Peter Pan di Barrie) che appare come una accusa rivolta proprio al personaggio di Dylan, eterno bambino che mai si decider´┐Ż a crescere.

1996| In coppia con Stefano Casini pubblica, per i tipi della Magic Press, Digitus Dei, numero zero di una ipotetica serie (a tutt'oggi non sono previsti altri numeri) ambientata in Italia, fra demoni ed esorcismi. La pubblicazione, che esce sia in versione brossurata che cartonata, ´┐Ż elegante e di grande formato.

1999| Il 1999 vede il ritorno in grande stile di Medda sulle pagine di Nathan Never. Suoi sono infatti i testi del quarto gigante disegnato da Casini, che rompe il monopolio della gestione Serra delle tre uscite precedenti e il n.102 della serie regolare "Una canzone per Sara", che dovrebbe essere il preludio ad una saga che vedr´┐Ż rivoluzionato l'intero universo dell'agente Alfa.


Dicono di lui..

"(..) Medda ´┐Ż il pi´┐Ż introverso dei tre sardi, nelle storie che scrive privilegia l'atmosfera e quel retrogusto che, al di l´┐Ż dell'azione e dei colpi di scena, riesce ad arrivare direttamente ai sentimenti del lettore."

Roberto Genovesi, in Comic Art n.133

"Michele Medda ´┐Ż un narratore incredibile. Questo ´┐Ż uno schiaffo in faccia ai lettori, un'ottima sveglia per gli appassionati del genere. Mescolando elementi e ispirazione da fonti quali l'ALIEN di Giger, l'HELLBOY di Mignola, gli X-FILES di Carter ed il DRACULA di Bram Stoker, questo albo prende l'orrore per la gola e lo soffoca fino alla sottomissione!"

Brian Scot Johnson,
a proposito di "Vampyrus" edito dalla Dark Horse negli USA


Index Personale

Testi
Dylan Dog 1989| 29' 35'
1990| 48'
1994| al94b
1996| 114
1999| 154
2000| 168
2001| 179
2003| 203
Legs Weaver 1993| NNsp3al
1995| 3 4
1996| 8 10
1997| 19
1999| 42
2000| ''50' 56
2001| 67
Martin MystŔre 1985| '34/35'
1988| '76/77' 79/80'
1991| 107bis'
Nathan Never 1991| 2' 5 7al'
1992| 9 13' 14/15 16 17 18/19
1993| sp2 26
1994| 32 34/35 36 rb4 38 39 os1
1995| rb5 52/53 55
1996| 67/68
1997| 70 72 73
1999| g4 102
2000| 104 aa6a 111 113
2001| 120 122 al01
2002| 129
2003| al03
Nick Raider 1989| 16
1990| 24 25
1991| 33 40 43
1992| ''47 48
1995| rb5
Tex 1994| 403/405 410/411
Zona X 1994| 9a'


 

 


 
(c) 1996 uBC all right reserved worldwide
Top
http://www.ubcfumetti.com §