Salta direttamente al contenuto

Il fratello brutto di "New Avengers: Breakout!"

la miniserie che dovrebbe iniziare i lettori di Spidey a "New Avengers"
Recensione di  |   | comics/


Il fratello brutto di "New Avengers: Breakout!"
Uomo Ragno 426-428 "Spider-Man: Breakout Limited di cinque numeri"


Il fratello brutto di "New Avengers: Breakout!"

Articolo

Recensione

  • Pura evasione!
    quando il medium fumetto svolge con perfezione il proprio compito

Perché?

Ci si chiede perchè la Marvel Comics debba a volte perdere colpi con prodotti scarsi come "Spider-Man: Breakout!", miniserie di cinque numeri nata con l'evidente intento di introdurre i lettori di Spidey al mondo dei Nuovi Vendicatori. Era necessario scrivere questa storia? "Breakout!" in New Avengers non era già sufficiente?
" Era necessario scrivere questa storia? "
Perchè un bell'avvenimento editoriale deve essere penalizzato da un prodotto insignificante? Questo avviene quando si decide di sfruttare un personaggio famoso per mere questioni di lucro! E chi si scomoda per un'operazione di questo tipo? Bendis? Jenkins? Stracinski? Ovviamente no!

Ricettina

    Ingredienti:
  • 1 personaggio famoso.
  • Almeno 4 supercriminali spietati. Meglio se si abbonda.
  • 2 o 3 situazioni disperate.
  • 5 o più ostaggi freschi.
  • Una dozzina di battute insipide.
  • 1 improvvisa vittoria finale del personaggio famoso.
  • 1 commento con retorica e/o morale.
  • Preparazione:
Prendi un personaggio famoso, fallo scontrare con i criminali mentre gli fai dire la dozzina di battute insipide. Fallo soccombre almeno due o tre volte utilizzando le situazioni disperate mischiate agli ostaggi. Prendi l'improvvisa vittoria finale e shakeri con il commento con retorica e/o morale. Portalo all'editore. Durata: 15 minuti a prescindere dalla lunghezza della storia.

Situazione disperata!
Spider-Man: Breakout! #2 Tavole 1 e 2

(c) 2005 Marvel Comisc / Panini Comics

Situazione disperata!<br>Spider-Man: Breakout! #2 Tavole 1 e 2 <br><i>(c) 2005 Marvel Comisc / Panini Comics</i>
Questa è la ricetta che di solito un autore di fumetti di supereroi utilizza quando non ha niente da raccontare. Tony Bedard, già scrittore di Route 666 e Kiss Kiss Bang Bang della Crossgen e titolare di Exile e Rogue per la Casa delle Idee, la utilizza senza pietà (e Lupoi, egualmente impietoso, la propone su L'Uomo Ragno) per raccontare una storia piatta, inutile e con personaggi privi di alcuno spessore psicologico.

Quindici morti? Ops!

Personaggi, dicevo, presentati con una banalità disarmante. L'Uomo Ragno, Capitan America e Iron Man
" I personaggi sono di una banalità disarmante."
sono solo sagome di cartone che si recitano il loro ruolo sparando frasi zeppe di luoghi comuni. I malvagi sono stereotipati, scontati, al limite del grottesco. Un esempio: Crossfire guida un autobus scolastico per sequestrare alcuni bambini indossando uno sgargiantissimo costume rosso e bianco che nessuno nota. Geniale!

Tutti a bordo!
Spider-Man: Breakout! #4 Tavola 13 Vignetta 5

(c) 2005 Marvel Comics / Panini Comics

Tutti a bordo!<br>Spider-Man: Breakout! #4 Tavola 13 Vignetta 5<br><i>(c) 2005 Marvel Comics / Panini Comics</i>

La stessa Roz Backus, l'ex guardia carceraria che è origine di tanto caos, sembra ebete. Addirittura quando scopre che quindici persone hanno perso la vita a causa del suo silenzio "ammette", grattandosi la testa, che forse avrebbe potuto confessare prima. Che biricchina!

Quindici...
Spider-Man: Breakout! #5 Tavola 22 Vignetta 6

(c) 2005 Marvel Comics / Panini Comics

Quindici...<br>Spider-Man: Breakout! #5 Tavola 22 Vignetta 6<br><i>(c) 2005 Marvel Comics / Panini Comics</i>

Il rovescio della medaglia

Meno male che i disegni di Garcia sono buoni, le anatomie azzeccate e le caratterizzazioni grafiche dei personaggi fedeli e costruite in modo da non confonderli gli uni con gli altri. Il disegnatore infonde Il dinamismo necessario nelle sequenze d'azione salvando la miniserie almeno sotto questo aspetto.

Soldi sprecati

Come detto prima "Spider-Man: Breakout!" è una storia inutile. Non porta nulla di nuovo, non sviscera alcun aspetto delle personalità dei protagonisti, è sceneggiata in modo anonimo ed è scontata al punto da risultare noiosa.
"Una miniserie inutile, sceneggiata in modo anonimo."
La Panini Comics ha presentato la miniserie nell'arco di tre numeri de "L'Uomo Ragno" per un costo complessivo di 7,5 euro (negli Stati Uniti il volume che raccoglie la miniserie costa quasi quindici dollari), soldi che, se non fosse per lo splendido episodio di Jenkins sul numero 428 e per le storie brevi tratte da "Spider-Man Unlimited n. 6" nel numero 426 sarebbero stati letteralmente buttati via. Uomo Ragno 426/427/428 - Novembre/Dicembre 2005 (Spider-Man: Breakout!" numeri da 1 a 5 di Bedard & Garcia - Giugno/Ottobre 2005) Panini Comics - 17 x 26 cm, spillato, colore, 2,5 € - quindicinale

Vedere anche...

Articolo

Recensione

  • Pura evasione!
    quando il medium fumetto svolge con perfezione il proprio compito

Condividi questa pagina...