Salta direttamente al contenuto

Spawn, la marionetta

comincia a delinearsi una nuova, subdola trama
Recensione di  |   | comics/


Spawn, la marionetta
 


Spawn, la marionetta

Scheda US-SPWN-101

"Ci pensi? Di nuovo insieme... I tre fottuti porcellini!"
Esordisce così il finale della prima saga di Spawn targata dal duo demoniaco Hine/Haberlin, quando i tre grandi amici, Twitch, Spawn e Sam si ritrovano riuniti ai piedi di un edificio in fiamme.
Molte rivelazioni e novità infarciscono l'ultimo numero dell'angelo dell'inferno e su tutte quella della presenza di molti nemici da tempo persi nelle numerose vicissitudini di cui siamo stati testimoni.

Mammon è sempre Mammon

L'ambientazione è sempre la stessa: una terra irreale il cui colore principale è un grigio persistente che attanaglia la vita dei protagonisti, il grigio del cemento, del pallore dei cadaveri e di un cielo opprimente. La violenza nasce da un edificio posseduto da Violator, il nemico per eccellenza di Spawn, ma stavolta lo scontro è quasi pacato, ragionato, colmo d'odio, ma senza il superamento della soglia di violenza dinamica a cui gli autori precedenti ci avevano abituato. E questo perché Hine ha esattamente centrato l'obbiettivo di questo nuovo corso: rendere il tutto vagamente apatico, grigio come il colore che pervade le tavole magistralmente disegnate da Haberlin.
Non ci sono più sensi di colpa, né inibizioni, né coscienza e né limiti ad una violenza che sembra diffondersi come un virus purulento: eppure, ognuno di questi elementi sembra accadere in base ad una forza d'inerzia quasi naturale, come se tutto debba dolorosamente ed inevitabilmente succedere.
E allora l'Inferno apre le sue porte, trovando terreno fertile per allestire i suoi giochi di potere: ritorna Mammon, il demone che offrì a Spawn la corona di Malebolgia, colui che lo incatenò e lo torturò prima dell'Armageddon, il cospiratore che riuscì a strappare a Nyx, la strega concubina di Al Simmons, i poteri e ad usarli per cancellare la memoria del povero generale infernale. Sembra quindi non esserci tregua per Spawn e per le trame che Mammon continua a tessere alle sue spalle.

Spawn e Violator: di nuovo "insieme"
pag. 39

(c) 2007 Image Comics / Panini Comics

Spawn e Violator: di nuovo "insieme"<br>pag. 39<br><i>(c) 2007 Image Comics / Panini Comics</i>

...e alla fine arriva Nyx

Hine reimpasta tutto e in modo convincente trova anche la maniera di reinserire la strega Nyx, un personaggio che ormai sembrava destinato a non entrare più nella vita (o meglio nella "non vita") dell'Hellspawn. Un aspetto interessante emerge dalla lettura dell'ultimo episodio dell'albo, come conseguenza delle azioni di Spawn in questa prima saga (The voice-hearers, mentre la storia di Nyx è un episodio a se stante). Spawn, come creatore del mondo attuale, sembra rendersi conto che non può esimersi dalla responsabilità di guidarlo e tenerlo costantemente sotto controllo, intervenendo quando necessario e prendendo decisioni sagge a seconda degli eventi che si verificano. Probabilmente tutto ciò è legato ad una sorta di senso di colpa che lo pervade a causa della consapevolezza di aver plasmato un mondo non perfetto, ma in ogni caso questo comporta la nascita di nuove sfaccettature del suo carattere e del suo ruolo: non più quindi combattente demoniaco, scatenato contro i nemici e interessato solo alle persone da lui prescelte (ricordiamo che Spawn era il Re dei Vicoli e il difensore dei clochard), ma come assennato e ancora acerbo vigilante di tutto il mondo conosciuto. Pertanto, il perdono rivolto a Nyx e al tradimento che questa attuò ai danni di Simmons sembra essere una prova convincente del nuovo Spawn.
Inoltre, le parole di Sam con cui abbiamo introdotto questa critica potrebbero confermare questa intenzione nella direzione della trama generale, anche se gli autori ci hanno abituato a non fidarci troppo di quello che riusciamo ad intuire e questo sinceramente è un bene. Sia per noi che ci divertiamo a leggere le loro storie, sia per loro che trovano sempre il modo di "maltrattare" il nostro eroe preferito.

Spawn 101, di David Hine (testi) e Brian Haberlin (disegni) - 17x26, 75 pp, colore - 3,30 euro, in fumetteria - Dicembre 2007

Vedere anche...

Scheda US-SPWN-101

Condividi questa pagina...