ubcfumetti.com
Indice del SitoNovità !Cerca nel SitoScrivi a uBC
MagazineRecensioni




" Classico:
Cleopatra 2000
"


In questa pagina:
Testi
Disegni
Globale

Facce

Pagine correlate:


Ma quale regina d'Egitto!
recensione di Luigi Ferrini

Durante una gita scolastica a Parigi, una ragazza francese scopre di essere nientemeno che la reincarnazione della regina Cleopatra. Il suo amico Daniel si trova così coinvolto in una girandola di avventure tra ricchi egiziani, sette segrete ed immani cataclismi...



TESTI
Sog. e Sce. Federico Memola    

Potenzialmente un'idea come quella di Cleopatra che si reincarna nei primi anni del XXI secolo è molto interessante. Peccato solo per il fatto che in realtà la povera Cleopatra rimanga quasi del tutto in ombra nello sviluppo della storia, trasformandola in una semplice storia d'azione e di spionaggio.

Peccato anche per la caratterizzazione dei personaggi, che risultano essere stereotipatissimi, e non riescono ad esprimere affatto le loro potenzialità. In particolare Yvette non acquisisce quei toni epici che la trama le avrebbe richiesto. Anche il finale sembra tagliato improvvisamente, forse per fare entrare in 70 pagine un storia che ne avrebbe richieste di più.

La sceneggiatura si salva in corner dall'abisso dei voti bassissimi grazie ad alcune perle di umorismo, come il dialogo in geroglifici a pag.155 e al ritmo tutto sommato abbastanza frenetico.

A prescindere da queste considerazioni, è però doveroso notare come in questo episodio compaiano dati storici che specificano indiscutibilmente come universo narrativo lo stesso universo della miniserie Legione stellare, naturalmente qualche secolo prima. Ciò dovrebbe fare parte di un progetto più a lungo respiro cui Memola e gli altri sceneggiatori stanno lavorando, progetto che consisterebbe nel creare continuità tra alcune delle serie, facendole sviluppare tutte all'interno dello stesso "universo". Un po' come accade, insomma, per i supereroi Marvel o anche per altri personaggi bonelliani, che ogni tanto si incontrano, ma che generalmente conducono vite (e serie) separate.

E` bene notare che in questo caso l'universo narrativo non è lo stesso degli altri personaggi Bonelli, né è quello della Magic Patrol: potremmo chiamarlo invece "universo Memoliano", visto che proprio a questo universo fanno capo tutte le miniserie ed i classici prodotti da Federico Memola. Per adesso, i legami sono molto esili, in futuro ci ripromettiamo però di parlarne più diffusamente.



DISEGNI
Giacomo Pueroni    

Eccolo qua, uno dei rarissimi autori italiani che si ispirano al tratto francese anziché a quello americano. Onore al coraggio, visto il trend attuale. Peccato che i risultati non siano il massimo. Sembra quasi che Pueroni abbia cercato di contenere uno stile umoristico (se ne notano le potenzialitè in alcune vignette in cui le espressioni grottesche sono eccellenti), a favore di una maggiore attinenza ai canoni del disegno bonelliano, forse inadatti al suo stile. Il risultato è abbastanza alterno, tra buon disegno, tratti sproporzionati e vignette con poca profondità. Da notare come anche il lettering, opera di Ileana Colombo, sia un po' diverso dai canoni classici, adattandosi perfettamente allo stile di Pueroni.



GLOBALE
 

In definitiva, un episodio che non si farà ricordare nonostante eccellenti premesse, collegamenti con la Legione Stellare e il deus ex machina più apocalittico della storia del fumetto (i protagonisti vengono salvati dal cattivo di turno grazie all'esplosione della Luna!), soprattutto per la poca originalità del soggetto.
 

 


 
(c) 1996 uBC all right reserved worldwide
Top
http://www.ubcfumetti.com §