ubcfumetti.com
Indice del SitoNovità !Cerca nel SitoScrivi a uBC
MagazineZagorArticoli




I maestri del fantastico
di Marco Zucchi

Facendo riferimento a quanto scrive Mauro Boselli a pag.4 di Zagor n.386, vediamo di approfondire un attimo il discorso sui maestri del fantastico cui rende omaggio nell'avventura appena terminata.

William Hope Hodgson, inglese, nacque nel 1877. Sin da giovane conobbe l'elemento che più di ogni altro influenzò la sua opera letteraria: il mare. Tra i suoi libri, oltre a "Naufragio nell'ignoto", si possono ricordare "I pirati fantasma", dove nel mare, per la precisione nel già inquietante triangolo delle Bermude, entità mostruose insediano coloro che transitano nelle acque da loro dominate, e "La casa sull'abisso", dove, come il titolo recita, da una certa casa ci si può portare in un'altra dimensione, che non è detto che sia peggiore del mondo a cui la casa appartiene.

Hodgson viene da tutti riconosciuto come colui che più ha influenzato Howard Phillips Lovercraft, il secondo autore cui Boselli fa riferimento. Personaggio inquietante, nacque a Providence, nel Rhode Island, nel 1890. Per cause contingenti dedicò molto del suo tempo a svolgere il ruolo di correttore di scritti, ma al tempo stesso produsse una mole notevole di racconti, creando un mondo tutto suo, al di fuori della realtà ma al tempo stesso fuso in esso, dominato da entità malvagie, che accompagnarono la sua esistenza sino alla sua morte avvenuta nel 1937.

In casa Bonelli sono diversi gli omaggi resi all'autore: in Dylan Dog n.18 viene ritratto a pag.45; in Martin Mystère n.5 si fa riferimento esplicitamente al racconto "Le montagne della follia", mentre ai Grandi Antichi (ed al mito di Cthulhu, il suo ciclo forse più famoso, ispiratore anche di un famoso gioco di ruolo), entità mostruose create da Lovercraft, si fa riferimento nei numeri 126/127 ("Orrore tra i sumeri"), ed infine nel n.103 ("Necronomicon") tutta la storia é un chiaro omaggio all'autore statunitense (ed anche ad A. Hitchcock).

Infine Robin Erwin Howard, morto suicida a trent'anni nel 1936, scrittore texano famoso per avere creato il personaggio di Conan il Barbaro, ma creatore di molti altri eroi letterari. Autore assai prolifico, spaziò in tutti i generi, dai racconti polizieschi ai racconti storici, attraverso incursioni nel western, nel mondo del pugilato e realizzando anche un ciclo ispirato ai miti di Cthulhu; ma certamente ciò che gli diede più fama furono i racconti ed i romanzi di heroic fantasy, dove alla fantasia si mescola l'utilizzo della magia.

La figura di Andrew Cain è un chiaro riferimento a Solomon Kane, lo spadaccino puritano caratterizzato da un oscuro passato, mosso da un desiderio di giustizia che passa tranquillamente attraverso la lama della sua spada (il primo dei dodici racconti con lui protagonista appare nel 1928 su Weird Tales: "Red Shadows"). Inglese di nascita, braccia lunghe ed ampie spalle, vestito di nero, si muove tra la seconda metà del '500 e i primi anni del '600, attraverso l'Europa e l'Africa, qui in particolare per cercare la cugina di un avversario, venduta dal medesimo ad un pirata senza scrupoli. La rintraccierà nella città sperduta di Negari, giusto in tempo prima del suo sacrificio ordinato dalla regina del Popolo del Teschio: l'apparizione di Cain in Zagor avviene proprio nell'opera di salvataggio di una soave fanciulla, che stava per essere sacrificata ad una entità demoniaca, proprio come nel racconto di Howard. La vicenda in Zagor si apre nel cuore dell'Africa più nera, nel regno di Kush: "Caos nella terra chiamata Kush" è un'avventura a fumetti di Conan, scritta da Roy Thomas e disegnata da John Buscema ed Ernie Chan, pubblicata originariamente su Conan The Barbarian 108 del gennaio 1980 ed in Italia su Conan il Barbaro 27, del maggio 1991.

I racconti di Kane ebbero anche una loro trasposizione a fumetti, per conto della Marvel, oltre che in diversi liberi, anche in una miniserie di 6 numeri pubblicata originariamente dal settembre 1985 al luglio 1986 e proposta in Italia dalla Marvel Italia sui numeri 63/68 di Conan il Barbaro.

Di tutti questi autori si possono recuperare opere in formato economico nella defunta collana Il fantastico economico classico della Newton. Per Lovercraft la Mondadori curò anche in quattro volumi la raccolta completa di tutti i suoi racconti.
 

 


 
(c) 1996 uBC all right reserved worldwide
Top
http://www.ubcfumetti.com §