ubcfumetti.com
Indice del SitoNovità !Cerca nel SitoScrivi a uBC
DatabaseSchede





  Incubi
Codice: [160] 513pp
Rating:
scheda di Daniele Alfonso

    Soggetto/Sceneggiatura:
    Tiziano Sclavi
    Disegni/Copertina:
    Gallieno Ferri

    SERIE REGOLARE
    n.275 "Incubi" - 43pp - 88.06
    n.276 "Il demone della follia" - 94pp - 88.07
    n.277 "Titan risorge!" - 94pp - 88.08
    n.278 "Il ritorno di Hellingen" - 94pp - 88.09
    n.279 "Ai confini della realtà" - 94pp - 88.10
    n.280 "La fine del mondo" - 94pp - 88.11
    (6k)(6k)(6k)
    (6k)(6k)(6k)


In due parole. .

Tormentato da raccapriccianti visioni, Zagor teme di essere vittima di Ah-eh-nai, la follia, ma deve lasciare da parte i suoi problemi quando viene chiamato dal suo vecchio amico Perry, che gli chiede di raggiungerlo a Fort Pitt. Sulla strada, Zagor passa per il monte Naatani, dove Akoto tenta di guarire la sua mente. In realtà, dietro le visioni di Zagor si cela la mano del suo antico nemico, Hellingen...


Perché è da ricordare

Tra tutte le avventure dello Spirito con la Scure, "Incubi" è forse quella che più ha fatto discutere. Basti citare il nome dello sceneggiatore: Tiziano Sclavi. Ex curatore della testata dell'eroe di Darkwood e già autore di alcune storie zagoriane più o meno riuscite, Sclavi nel 1988 è ormai un astro di prima grandezza nel panorama fumettistico nazionale, grazie al travolgente (e meritatissimo) successo ottenuto col suo Dylan Dog. La sua tanto decantata genialità è sufficiente a far sì che gli venga lasciata carta bianca, permettendogli di scrivere una storia come questa, così estranea ai convenzionali canoni zagoriani, con la certezza che "comunque vada, sarà un successo".

Il titolo della storia, "Incubi", è tutto un programma: Sclavi proietta Darkwood in un universo narrativo simile a quello che è tipico dell'Indagatore dell'Incubo, dove il reale convive con l'impossibile senza che si riesca a capire dove finisca uno e dove cominci l'altro. Allontanandosi dalla rassicurante nolittianità della serie, l'autore ci offre un inedito Zagor, dapprima preda di Ah-eh-nai, poi impotente avversario di un Hellingen imbattibile, infine sconfitto nella sua missione di pacificatore. Lo Zagor che qui vediamo in azione è un eroe sempre valoroso, ma preda di avvenimenti molto più grandi di lui, e che non ha la minima possibilità di controllare, tanto che alla fine è necessario un deus ex machina (nel vero senso della parola) per riportare le cose al loro posto. Hellingen, che ormai aveva raggiunto l'apice della sua carriera di mad doctor, viene trasformato in una vera personificazione del Male, e dotato di nuovi e terrificanti poteri, lasciandosi alle spalle tutti i cliché narrativi usati da Nolitta nelle precedenti avventure che lo vedevano scontrarsi con Zagor. Perfino il buon Cico abbandona il suo umorismo paperinesco a favore di una comicità basata su quei surreali giochi di parole che caratterizzano Groucho, la spalla di Dylan.

cliccare (43k)
Hellingen risorge
(c) 1988-2000 SBE
cliccare (75k)
La morte di Zagor
(c) 1988-2000 SBE

Nonostante "Incubi" rimanga un caso isolato nella produzione zagoriana, il segno lasciato nell'universo dello Spirito con la Scure è indelebile, anzitutto perché Hellingen è definitivamente dichiarato morto. Operando un'evidente forzatura su quanto preventivato da Nolitta nella precedente "Terrore dal sesto pianeta" (ZG 178/182), Sclavi fa sì che la cabina di teletrasporto akkroniana che avrebbe dovuto portare in salvo lo scienziato divenga, invece, lo strumento della sua morte. Da questo momento, per il principale nemico di Zagor niente potrà più essere come prima. In più viene introdotto, e in modo decisivo, il personaggio di Manito, che pure compariva in "Terrore dal sesto pianeta", ma solo come evanescente presenza priva di una sua personalità, se non quasi un'allucinazione; stavolta, invece, Manito è un personaggio fondamentale e il suo ruolo nella storia è determinante. Ormai non ci può più essere alcun dubbio: Manito esiste realmente.

Infine, è doveroso citare quello che è l'aspetto più spinoso dell'intera faccenda. Per la prima volta, si mette realmente in discussione la legittimità dell'operato di Zagor, che si è autodichiarato difensore del popolo rosso, ingannando le anime semplici dei pellerossa proponendosi come immortale inviato di Manito (anche se, inutile dirlo, tutto a fin di bene). Per la prima volta, si guarda in faccia la triste realtà, facendo notare che la missione di pacificazione di Zagor è destinata al fallimento, poiché un giorno i pellerossa saranno sterminati dai bianchi. Per la prima volta, si costringe Zagor a scegliere da che parte stare, lui che -pur avendo la pelle bianca- si è sempre mantenuto equidistante dal mondo degli uomini bianchi e da quello degli uomini rossi, perseguendo un superiore ideale di giustizia. (Per approfondimenti su questo aspetto, vedere l'articolo "Zagor: l'eroe e il super-eroe")

Tirando le somme, non si può negare che Sclavi abbia scritto un capolavoro, sia per il soggetto sorprendente e rivoluzionario, sia per la sceneggiatura con cui riesce a coinvolgere il lettore e insieme a raggiungere vette di lirismo eccezionali. Tuttavia, riteniamo che l'autore, pur essendosi sempre dichiarato "uno zagoriano", abbia un po' tradito gli aficionados dello Spirito con la Scure, discostandosi eccessivamente dal modello classico della serie, e modificando in modo irreparabile un personaggio fondamentale come Hellingen.


Note e citazioni

  • Con le sue 531 tavole, è la più lunga storia zagoriana mai pubblicata.
  • E' l'ultima storia scritta da Tiziano Sclavi per la serie regolare di Zagor. L'autore tornerà in quel di Darkwood con l'albo fuori serie "Horror Cico" (ci 6) nel 1990.
  • La sceneggiatura di Sclavi ha "costretto" Gallieno Ferri a realizzare tavole dall'impostazione inconsueta, cfr. ad esempio N.277 p.97 e N.278 p.59. Tuttoggi, il disegnatore ligure è abituato a disegnare le tavole zagoriane striscia per striscia, come faceva nei lontani anni '60.
  • Il lavoro svolto da Ferri è eccezionale, soprattutto considerando il tour de force a cui si è sottoposto il creatore grafico di Zagor per disegnare questa storia fiume, e sono numerose le tavole di impatto straordinario. Tuttavia, anche se spiace dirlo, i disegni sono lontani dalla perfezione, e qua e là soffrono di numerosi errori di prospettiva e di proporzioni.
  • Vengono recuperati quasi tutti i personaggi principali delle precedenti avventure hellingeniane, ad eccezione di Fishleg. Teseka proviene da "Sulle orme di Titan" (ZG 11/12), mentre Perry, La Plume, Tonka Makuaty e Akoto affiancavano Zagor in "Terrore dal sesto pianeta" (ZG 178/182).
  • Akoto è ormai diventato un uomo, e Teseka ha i capelli bianchi. Devono essere passati almeno dieci anni da "Terrore dal sesto pianeta", e più ancora da "Sulle orme di Titan".
  • N.276, p.7: Zagor esclama "Diosanto!", proprio come fa abitualmente Dylan Dog.
  • Zagor muore per ben due volte: la prima volta si suicida sulla tomba di Hellingen, la seconda viene ucciso da Shalak. Sclavi aveva già fatto morire Zagor nella storia "Il Signore Nero" (ZG 194/196).
  • Le parole usate da Akoto per invocare Manito (N.280, p.64 e seguenti) sono quasi le stesse usate da Keokuk (N.182 pp.41-42) con qualche piccola (e strana) differenza.
  • Hellingen ritornerà in "Ombre su Darkwood" (ZG 376/379).
Incongruenze
  • Quasi tutta la storia si svolge in universi paralleli al nostro, ed è inutile cercare incongruenze in realtà alternative e "impossibili".
La frase

    "Maledetto! Siate tutti maledetti! Che colpe avevano queste donne e questi bambini? Che senso può avere tutto questo!? Io vendicherò i miei fratelli! D'ora in avanti NON SONO PIU' UN BIANCO!"
    Zagor, N.280, p.34


Personaggi

Zagor Cico Druncky Duck il postino di Darkwood Tonka sakem dei Mohawk e fratello di sangue di Zagor Colonnello Perry ufficiale medico Hellingen [+] scienziato pazzo Akoto [+] custode del monte Naatani Rakum [+] l'Eroe Rosso, sciamano dei Mohawk La Plume, Icaro bizzarro aviatore Capitano Forbes comandante di Fort Pitt Titan gigantesco automa costruito da Hellingen Teseka sakem degli Ottawa Kiki una delle forma di Manito, il Grande Spirito dei pellerossa Makuaty sciamano dei Mohawk Arkon braccio destro di Shalak Shalak guerriero Mohawk

Locations

Darkwood Capanna di Zagor Monte Naatani Fort Pitt forte militare Lago Erie Accampamento Ottawa Astronave l'aldilà personale di Hellingen Accampamento Mohawk Piana dei Corvi luogo del Raduno dei capi Celesti Praterie l'aldilà nella tradizione pellerossa

Elementi

Ah-eh-nai follia, in lingua pellerossa Incubi Magia Dimensioni parallele Energia atomica Ultra Flying Object (U.F.O.) macchina volante di Icaro La Plume Suicidio di Zagor Morte di Zagor ucciso da Shalak Akkroniani alieni provenienti dal pianeta Akkron Programmatore mentale strumento capace di trasmettere al cervello degli impulsi che riescono a condizionare il comportamento di un individuo Modulatore macromolecolare a campo ionizzato cabina di teletrasporto akkroniana Raduno dei capi riunione di tutti i sakem di Darkwood
 

 


 
(c) 1996 uBC all right reserved worldwide
Top
http://www.ubcfumetti.com §