Salta direttamente al contenuto

Scrigno di Manito, Lo

Zagor contro gli sciamani senza volto
Scheda di  |   | zagor/


Scrigno di Manito, Lo
Zagor 551


uBCode: ubcdbIT-ZG-551

Scrigno di Manito, Lo
- Trama

La misteriosa Congrega degli sciamani Senza Volto minaccia la foresta di Darkwood. Zagor, insieme a Tonka e Winter Snake, parte alla volta dello Scrigno di Manito, il covo degli avversari.

Valutazione

ideazione/soggetto
 4/7 
sceneggiatura/dialoghi
 4/7 
disegni/colori/lettering
 4/7 
 60
data pubblicazione Giu 2011
testi (soggetto e sceneg.) di ubcdbMoreno Burattini
disegni (matite e chine) di ubcdbGallieno Ferri
copertine
Zagor 551<br>copertina di Gallieno Ferri<br><i>(c) 2011 Sergio Bonelli Editore</i>
tag

Annotazioni

Cinquanta candeline

Dopo il primo gigante, i festeggiamenti per i 50 anni di Zagor proseguono con un albo della serie regolare straordinariamente a colori, come negli ultimi anni è capitato solo ad altri "pezzi da 90" della Bonelli Editore come Dylan Dog e Tex.

Moreno Burattini concepisce un soggetto celebrativo quanto mai ricco per lo spazio limitato a disposizione, inserendoci una gag iniziale tra Cico e Drunky Duck, agguati, duelli, esplorazioni ed una grave minaccia su Darkwood, rappresentata da una inconsueta cospirazione di una congrega di stregoni mascherati, i cui echi provengono dal passato.
La carne al fuoco probabilmente è anche troppa, poiché i ritmi narrativi sono così concitati da non permettere ad alcuna vignetta delle 94 tavole di essere superflua o non recitare un ruolo preciso. Così, la presenza al fianco di Zagor per la quasi totalità della storia di due figure carismatiche del calibro di Tonka e (soprattutto) Winter Snake (indimenticabile antagonista dello Spirito con la Scure ne "La marcia della disperazione") risulta alla fine soltanto "funzionale" per la trama (Zagor ha bisogno di compagni tosti che lo aiutino a "menare le mani") e si sente l’assenza di qualche dialogo che caratterizzi e differenzi i due capi tribù. Allo stesso tempo, però, la loro principale essenza (l’abilità guerriera pari quasi a quella di Zagor) è colta nell’episodio, perché è plausibile che questo trio di combattenti possa fronteggiare e sconfiggere, senza aiuti esterni, un avversario nettamente superiore da un punto di vista numerico.

Tavola tratta dal numero 551
disegni di Gallieno Ferri

(c) 2011 Sergio Bonelli Editore

Tavola tratta dal numero 551<br>disegni di Gallieno Ferri<br><i>(c) 2011 Sergio Bonelli Editore</i>

La folgorante copertina dell’82enne Gallieno Ferri, ancora ai pennelli dopo aver "battezzato" la serie il 15 giugno 1961, è degna dei suoi anni migliori. I disegni dell'episodio confermano le incertezze che, inevitabilmente, affiorano da qualche anno nel tratto del Maestro, capace comunque di sfornare una prova più che dignitosa in cui può ritrarre un significativo campione delle bellezze naturalistiche di Darkwood (foreste, rapide, vertiginose spaccature e grotte), con il meglio, come da tradizione, riservato alle atmosfere oscure (lo "Scrigno di Manito" e il lago di lava).

Note

  • L'albo, episodio autoconclusivo eccezionalmente a colori per festeggiare il 50esimo compleanno della serie, viola la regola del colore riservato ai soli numeri centenari. In ambito zagoriano era capitato soltanto con "Indian Circus" (n.84).
  • Per l'occasione, al fianco di Zagor, oltre al ricorrente fratello di sangue Tonka (leader dei Mohawk), combatte anche Winter Snake. Il fiero capo Kiowa, dopo l'indimenticabile esordio come avversario di Zagor ne "La marcia della disperazione" (n.112-116), era tornato (ininfluenti camei a parte) soltanto ne "La grotta delle mummie" (n.236-237), questa volta al fianco dello Spirito con la Scure.
  • La congrega dei senza volto, triade di stregoni a conoscenza di oscuri segreti di magia, si ricollega alla figura di Devil Mask, lo sciamano mascherato affrontato da Zagor nell'omonimo n.201 ed eliminato definitivamente proprio nell'ultimo albo a colori, "Magia indiana" (n.500). La loro minaccia, alquanto inconsueta e con un taglio a metà tra società segrete e mafiose, riguarda l'imposizione degli stregoni loro adepti come capi delle tribù di Darkwood e l'eliminazione fisica di chi si oppone, con tanto di attentati intimidatori preventivi per dare un segnale ai dubbiosi.

Incongruenze

La frase

  • C:"Sgrunt! ... E così, secondo te, io dimostro cinquant'anni?"
    DD: "Ehm... beh... sì!... forse perfino qualcuno di più!"
    Cico e Drunky Duck strizzano l'occhio al compleanno della serie, pag.11

Personaggi

Zagor
Cico
Tonka
Winter Snake
Molti Occhi
Drunky Duck
Doc Lester
Rochas
Senza Volto [+] stregoni cospiratori
Osawi [+] giovane stregone allievo di Molti Occhi
Namtar giovane stregone kiowa

Locations

Capanna nella palude
Scrigno di Manito grotta
Foresta di Darkwood

Condividi questa pagina...