ubcfumetti.com
Indice del SitoNovità !Cerca nel SitoScrivi a uBC
MagazineRecensioni




" Il coraggio di scegliere"

TESTI
Paola Mulazzi
DISEGNI
Graziano Barbaro (matite)
Marina Baggio, Roberta Zanotta (chine)


Pagine correlate:

L'amicizia e l'amore salvano le cinque ragazze, che affrontano Luba e riscoprono l'importanza del loro legame.

Tutti per uno, uno per tutti!
recensione di Martina Galea

Si conclude in un tempo sorprendentemente breve quella che, almeno a giudicare dalle premesse dello scorso numero, sembrava essere la nuova saga, con Cornelia nei panni del cattivo di turno. Rimane invece aperta una porta per qualche nuovo avvicendamento: Luba, infatti, fugge inferocita, e tutto lascia presagire che sarà lei la prossima nemica di Kandrakar e delle cinque guardiane.

Gli elementi che erano stati introdotti precedentemente portano all'inevitabile scontro tra Cornelia e Luba, che è il punto centrale della vicenda: il conflitto è appassionante, e ben gestito sia a livello di dialoghi (abbastanza sferzanti) sia di disegni. Cornelia è formalmente in torto, e Luba dalla parte della ragione, quindi risulta difficile schierarsi nettamente.

E' solo quando ricompare Caleb che questo equilibrio si spezza e Luba diventa un cattivo a tutto tondo: la frase che uno dei saggi pronuncia (Strano...a me era sembrata innamorata!) è indicatrice del vero motore delle azioni di Cornelia ( non solo): l'amore.

E difatti il tema dell'amore domina l'intera storia, il cui fascino sta nella riscoperta dell'amicizia da parte delle cinque ragazze, che superano l'impasse in cui si erano bloccate grazie ai dubbi di Will e al ritorno di Irma. Certo, gli Orsi giulivi vengono resi in modo anche troppo demenziale, però il contrasto con l'amicizia che Irma ha già deve essere evidente, per cui vengono accentuate tutte le possibili differenze. Più sfumate le introspezioni di Will, che portano tutte le ragazze a riflettere su loro stesse in modo costruttivo.

La psicologia dell'intero albo è elementare, senza eccessive pretese, però il risultato è efficace: non occorre utilizzare sempre Freud o Nietzche per spiegare concetti semplici (L'amicizia non ammette distrazioni!) ;-), e questo è il gran pregio della serie.

(22k)
Persino Irma e Cornelia si abbracciano!
di Barbaro (c) 2002 Disney

Buoni i disegni di Barbaro, che è molto abile nel rendere le sensazioni e i sentimenti dei vari personaggi attraverso intensi primi piani: Cornelia è resa attraverso una vasta gamma di espressioni, Luba mostra sempre la sua rabbia, e anche tutti gli altri sono sempre ben rappresentati. Molto efficace anche la copertina, che illustra il senso dell'intero albo.

Complessivamente, una storia mediocre, necessaria per risolvere le tensioni interne, e che ha come maggior difetto quello di aver ammazzato un'ottima potenzialità narrativa, riconducendo troppo velocemente Cornelia alla normalità. Scontato quindi l'happy ending, così come è scontato che non lo sia totalmente: la fuga di Luba è un aggancio per nuove problematiche e difficoltà, che sicuramente creeranno altre minisaghe (speriamo di ben altro respiro).
 

 


 
(c) 1996 uBC all right reserved worldwide
Top