Salta direttamente al contenuto

<dopolavoro> il blog di uBC

visualizza solo se con tag "Delisle" rimuovi

Lunedí, 27 Ottobre 2008

messaggio da P.Dionisio - 27/10/2008 22:55
Da un articolo su Repubblica.it di Matteo Tonelli, corredato di galleria fotografica:
Ha trasformato la sua matita in una telecamera puntata su mondi in cui la censura ha imposto un controllo ferreo sulla vita di tutti i giorni. Ha raccontato, parlando di se stesso e della sua famiglia, cosa significa vivere nell'orwelliana Corea del Nord e nella Birmania della repressione contro i monaci. E' quello che fa Guy Delisle, 42enne canadese che vive in Francia, uno degli esponenti più importanti del filone della graphic novel (in pratica un vero e proprio romanzo grafico). Dopo aver disegnato la vita in una megalopoli cinese in pieno sviluppo economico (Shenzen. Edizioni Fusi Orari. euro 16) e aver dato vita all'angoscia dell'esistenza in Corea del Nord (Pyongyang. Edizioni Fusi Orari. 176 pagine. euro 16), racconta, a colpi di vignette, la Birmania (Cronache Birmane. Edizioni Fusi Orari. 262 pagine. euro 18,50). Quella del regime, quella dei monaci e del premio nobel Aung San Suu Kyi da anni segregata in casa dai militari.
Potremmo chiamare i suoi libri "cronache da una dittatura". Da cosa nasce l'idea di raccontare questi paesi?
"Non ho scelto intenzionalmente di raccontare questi Paesi, ci sono capitato, anche a causa del mio lavoro. L'animazione si fa in outsourcing, in pratica dove costa meno la manodopera, e va da sé che i Paesi meno costosi sono proprio la Cina, il Vietnam, la Corea del Nord. Per la Birmania è diverso: seguivo mia moglie che lavora in una Ong e le Ong operano raramente a Roma o a New YorK, purtroppo..."
(..)
Ci sono state reazioni ai suoi libri da parte dei regimi? Ha subito censure? "In Birmania non so, lì non sono stato pubblicato. Anche se quando in Francia è uscito un mio articolo sulla Birmania ho davvero capito cosa significhi vivere in un regime. In Corea, invece, so che hanno pubblicato il mio album e so che non è piaciuto. Non è piaciuto ai capi dell'azienda per cui ho lavorato e non è piaciuto alle persone che ho conosciuto. Da quel momento mi è stato vietato l'ingresso in Corea, potrebbe succedere la stessa cosa con Birmania, chi lo sa..."
(..)
Le graphic novel stanno prendendo sempre più piede, secondo lei perché? "Secondo me tutto inizia in Francia quando delle piccole case editrici hanno avuto molto successo attirando un nuovo segmento di pubblico che prima non leggeva i fumetti. Il fenomeno da quel momento si è espanso a macchia d'olio".

Venerdí, 9 Maggio 2008

weblog/?3845
messaggio da M.Galea - 09/05/2008 09:50
Dopo la Corea del Nord e la Cina di Pyongyang e di Shenzhen, esce in Italia il nuovo reportage a fumetti del canadese Guy Delisle, Cronache Birmane. Si tratta di un libro - sospeso fra graphic journalism e graphic novel - ironico e pungente, in cui si parla di buddismo e repressione, Aids e miniere, monsoni e Ong.
Delisle, che ha vissuto per più di un anno in Birmania con la sua famiglia, tavola dopo tavola ci restituisce un paese oppresso dalla dittatura militare, dalla povertà e dalle malattie, ma allo stesso tempo rievoca la verità di un popolo generoso e aperto. Cronache Birmane di Guy Delisle - Fusi Orari, 263 pp., 18.50 euro
Tag:

Domenica, 30 Luglio 2006

weblog/?4314
messaggio da P.Dionisio - 30/07/2006 21:25
Pyongyang è la capitale della Corea del Nord, un Paese totalmente -o quasi- chiuso al mondo esterno, governato da una dittatura comunista. Guy Delisle è canadese ed è un autori di fumetti che per lavoro si è recato in quel Paese.
Da questo viaggio è nato un libro a fumetti, un diario personale costituito da appunti di viaggio, da impressioni, da critiche assolutamente soggettive che l'autore ha maturato durante questa esperienza. Una particolarissima visione personale condita da un tratto semplice ed essenziale che segue in parallelo la narrazione senza per forza trasformarsi in reportage giornalistico ma capace di evidenziare con pochi segni le caratteristiche di un mondo isolato e sconosciuto ai più, tra anacronismi e contraddizioni. Pyongyang di Guy Delisle, (Fusi orari), 176pp in toni di grigio, formato 16,5 x 23,5 cm, 16.00 €, luglio 2006
Tag:

home Blog

invia un messaggio
il blog è una sorta di "diario di gruppo" che vive delle vostre riflessioni e delle vostre segnalazioni... partecipate!

categorie:

news
posta
avvistamenti
eventi