Salta direttamente al contenuto

<dopolavoro> il blog di uBC

Mercoledí, 6 Maggio 2009

messaggio da P.Dionisio - 06/05/2009 20:05
Da un articolo di Nove.Firenze.it:
Lucca Comics & Games sbarca nell’Est Europa. Per tutto il mese di maggio, infatti, Lucca Comics & Games rappresenta l’Italia al festival Kommissia, il più importante festival di fumetto russo. Nella splendida location del Vinsavod, il gigantesco centro culturale ospitato in una ex fabbrica di vino (da cui il nome) che è ormai il centro indiscusso della scena artistica moscovita, una mostra illustra le varie attività del festival lucchese, che sta diventando un modello da seguire per molti altri eventi europei. In particolare, è l’esperienza di aver unito in un unico evento fumetto e gioco a fare scuola: non a caso, sia lo stesso Kommissia che il principale festival di fumetto polacco, che si tiene ogni anno a Lodz, hanno aperto al gioco, richiamando esplicitamente Lucca fin nel loro sottotitolo, che diventa quello ormai classico di "Comics & Games".
(..)
messaggio da P.Dionisio - 06/05/2009 19:30
Da un articolo su IlSole24Ore:
Nasce la dimensione digitale del fumetto ma resta tutta da sfogliare, toccare, leggere e rileggere. Gli Enhanced comics, i fumetti "potenziati", sfruttano le possibilità multimediali dei dispositivi portatili implementando il linguaggio tradizionale delle "strisce" con video, suoni d'ambiente e vere e proprie colonne sonore.
(..)

Martedí, 5 Maggio 2009

weblog/?4388
messaggio da Il Team di Collezioneggio - 05/05/2009 22:55
Il sito Collezioneggio ha pubblicato un'intervista a Fabio Civitelli realizzata da Raffaele Garcea.
La sua risposta alla domanda "25 anni con Tex, un traguardo importante per chi come lei ha contribuito in maniera preponderante al successo del ranger più amato dagli italiani. Un episodio di questi anni che ricorda con particolare emozione? ":
La fortuna editoriale di Tex è stata costruita da Gian Luigi e Sergio Bonelli con l’apporto fondamentale di Aurelio Galleppini e dei disegnatori che gli sono stati affiancati negli anni sessanta e settanta. Quando io sono stato chiamato a far parte di questo prestigioso staff, nel 1984, la collana godeva già dell’affetto di centinaia di migliaia di lettori e il mio compito, non facile peraltro, è sempre stato quello di non deludere questi lettori appassionati, facendo loro accettare il mio segno forse un po’ troppo moderno e, a detta di qualcuno, non molto adatto al genere western.
Questi 25 anni sono stati impegnativi ma pieni di soddisfazioni, l’ultima delle quali l’essere stato chiamato a realizzare l’albo a colori per i sessanta anni di Tex: è stato un momento emozionante e mi ha portato la consapevolezza di non essere più un giovane autore di belle speranze ma un disegnatore sul quale la casa editrice può contare nelle occasioni importanti (mi ha rammentato anche che il tempo passa e in un battibaleno ci siamo trovati a festeggiare un traguardo editoriale che pochi anni fa sembrava molto lontano, ma questo è un altro discorso).

Sabato, 2 Maggio 2009

weblog/?4420
messaggio da M.Galea - 02/05/2009 12:50
Da un articolo di Macity sulla nuova applicazione per iPod touch e iPhone dedicata a Diabolik:
(..) Le avventure più belle di Diabolik sono state trasposte in formato digitale per iPhone e touch e saranno rese disponibili su App Store a cadenza quindicinale. Il primo appuntamento è con Diabolik 1- Rapina Colossale.
Per portare Diabolik su iPhone e touch è stato escogitato un nuovo sistema per la lettura del fumetto. Il lettore può seguire la storia facendo apparire una dopo l'altra le nuvole dei dialoghi con un semplice tocco del dito sullo schermo, mentre per scorrere tra le pagine è sufficiente trascinarle nella direzione desiderata, in pieno stile multi-touch. (..)

Mercoledí, 29 Aprile 2009

messaggio da José Carlos Francisco - 29/04/2009 23:10
Intervista a Pasquale Frisenda -disegnatore di Magico Vento e Ken Parker- con alcune tavole in anteprima del suo gigante di Tex (ancora inedito) ed anche alcune tavole di prova di Dylan Dog nel blog portoghese di Tex in versione italiana e portoghese.
La sua risposta alla domanda "Secondo Gianfranco Manfredi, una delle cause dell'eliminazione di Magico Vento nel 2010 è la difficoltà che i disegnatori più giovani provano con il western in generale, cosa che ovviamente non è il tuo caso. Come riesci a disegnare tanto bene i cavalli, le diligenze, le città, i villaggi, insomma: il genere western nel suo complesso?":
La cosa curiosa è che io non mi ritengo un disegnatore western! Gente come D'Antonio, Ticci, Milazzo, Serpieri o Giraud, solo per citarne alcuni, hanno saputo rappresentare il west con una capacità più unica che rara, il perché è forse anche legato ad un discorso generazionale. In ogni caso, ognuno di loro conosce molto bene quello che sta disegnando, una conoscenza del genere che va ben oltre un semplice discorso di documentazione.
Io riesco a rappresentare il genere da un punto di vista credo solo "emotivo", amo molto il genere western e le caratteristiche e le atmosfere che gli sono proprie. Ma, da un punto di vista generazionale, il mio immaginario è stato "colonizzato" soprattutto dalla fantascienza. Un certo tipo di fantascienza, quella più legata al filone "umanistico" della letteratura e al cinema di quel genere, emersa all'incirca negli anni settanta/ottanta, insomma più vicino a "Blade Runner" che a "Guerre Stellari" (film che comunque amo). In ogni storia di Magico Vento, dopo trenta pagine, inevitabilmente cominciavo a disegnare da qualche parte astronavi in avvicinamento a qualche strano pianeta o minacciosi cyborg. Ma sono convinto che appena avrò la possibilità di disegnare una storia di SF, dopo trenta tavole comincerò a abbozzare un uomo a cavallo in una sconfinata prateria!

home Blog
più recenti
meno recenti

invia un messaggio
il blog è una sorta di "diario di gruppo" che vive delle vostre riflessioni e delle vostre segnalazioni... partecipate!

categorie:

news
posta
avvistamenti
eventi

messaggi dei giorni precedenti...