Salta direttamente al contenuto

<dopolavoro> il blog di uBC

Venerdí, 20 Giugno 2008

messaggio da P.Dionisio - 20/06/2008 10:15
Da AnimeClick.it:
La società coreana Tewon Media ha stipulato un contratto con l'editore giapponese Kodansha per la realizzazione di una serie animata sul popolare manga di Masashi Tanaka: Gon.
(..)
Il manga originale, che ha esordito nel 1991 sul magazine nipponico Morning, prende il titolo dal un piccolo dinosauro arancione che vive al giorno d'oggi le sue quotidiane avventure nella natura selvaggia, sopravvissuto all'era dei dinosauri. Caratteristica principale del manga è la mancanza totale di dialoghi che dà all'interazione tra animali un certo senso di realismo.
Tag: ,
messaggio da G.Gentili - 20/06/2008 09:50
Da Telefilm Cult:
Quello che si preannuncia come l'evento dell' autunno televisivo americano avrà un prequel a fumetti. J.J. Abrams secondo la rivista on line di USA Today ha infatti raggiunto un accordo con la DC Comics per produrrre una miniserie che racconta gli antefatti della serie televisiva "Fringe". La casa editrice di Batman e Superman sbarcherà nelle fumetterie il 27 agosto, circa due settimane prima della messa in onda della serie sul canale Fox il 9 settembre.
(..)
Si può dire di tutto riguardo a J.J. Abrams - genio o grande bluff? - ma la cosa certa, almeno dopo "Cloverfield", è che ci troviamo di fronte ad uno dei più grandi strateghi di marketing della storia cinematografica e televisiva dai tempi di George Lucas.
Tag:

Giovedí, 19 Giugno 2008

weblog/?3915
messaggio da Moreno Burattini - 19/06/2008 19:40
Riguardo all'articolo "Lo strano caso di Zagor e Robert Gray", assolutamente interessante e ben informato (per il quale anzi mi complimento per l'autore), vorrei precisare che, nelle mie intenzioni, il "revisionismo" non voleva essere "politicamente corretto" (la "political correctness" è una pratica mistica contro cui mi sono scagliato anche in alcuni miei aspri commenti pubblicati in passato proprio da uBC) ma soltanto teso a risolvere delle innegabili incongruenze di sceneggiatura presenti nel vecchio albo di vent'anni fa. Si è trattata dunque di una operazione che, al di là del giudizio che si può dare sulla mia "revisione" (qualcuno potrà trovarla giusta, qualcuno sbagliata), era tesa unicamente a rimediare a delle falle logiche (o almeno, tali io le ho sempre ritenute), e mi rammarico che abbia potuto apparire un remake con intenti di edulcoramento. Cosa che è, al contrario, lontana dalla mia personale sensibilità (anche se poi, nel rispetto della tradizione, cerco di non esagerare mai con la "scorrettezza"). Per esempio, mi è sembrato inevitabile cercare di spiegare, sia pure a posteriori, perché i Mohawk del vecchio episodio non fossero comandati da Tonka, capostorico di quella tribù nella serie, oppure perché Cico pur avendo la pistola non intervenisse o perché Zagor, pur dicendo di avere un braccio rotto continuava a usarlo e non lo immobilizzava neppure a distanza di tempo, e molti diversi altri particolari di cui ho parlato in alcuni miei interventi nel forum www.spiritoconlascure.it, sezione "filo diretto con gli autori". Mi premeva dunque non tanto far sembrare Zagor una persona moralmente ineccepibile (e tutto io sono tranne che un moralista) quanto una persona intelligente. Peraltro, di solito vengo accusato di proporre uno Zagor troppo crudo e violento (ricordo le polemiche su un sacrificio umano azteco e su una trappola esplosiva su un battello nella storia "Catene"). Vero è che nell'articolo non si fa mai il mio nome e dunque non si tratta di un appunto personale (nel qual caso, comunque, non ci sarebbe stato niente di male). Un caro saluto Risponde C.Di Clemente, uBC Staff e autore del pezzo:
La ringrazio per i complimenti e per le note, con cui i lettori dell'articolo potranno avere un quadro più completo degli argomenti trattati. Come ha già osservato, nel pezzo non si sono fatti nomi e questo è stato voluto, poiché lo scopo era quello di dargli un significato più generale, basato sull'interpretazione del sottoscritto riguardo alla linea editoriale bonelliana, rimanendo svincolati dai singoli autori di cui conosciamo i trascorsi (e gli interventi su uBC, come ricorda).

Mercoledí, 18 Giugno 2008

messaggio da P.Dionisio - 18/06/2008 14:00
Dall'articolo su LaStampa.it:
È appena uscito il primo numero della nuova serie del magazine a fumetti «Isa & Bea Streghe», la rivista che torna in edicola per iniziativa della casa editrice Asmi, nuovo editore in Italia su licenza della Editing Communications.
Destinata a un pubblico di pre-adolescenti tra gli 8 ed i 12 anni, la rivista racconta la storia di due ragazze dotate di poteri magici, una nata nel Medioevo e l’altra nel futuro, che si ritrovano grandi amiche ai giorni nostri.
messaggio da P.Dionisio - 18/06/2008 11:40
XL dedica uno speciale per CRACK! Fumetti Dirompenti, festival internazionale di fumetti e arte disegnata e stampata dal 19 al 22 giugno a Roma, giunto alla quarta edizione.

home Blog
più recenti
meno recenti

invia un messaggio
il blog è una sorta di "diario di gruppo" che vive delle vostre riflessioni e delle vostre segnalazioni... partecipate!

categorie:

news
posta
avvistamenti
eventi

messaggi dei giorni precedenti...