Salta direttamente al contenuto

<dopolavoro> il blog di uBC

visualizza solo se di categoria "posta" rimuovi

Giovedí, 19 Giugno 2008

weblog/?3915
messaggio da Moreno Burattini - 19/06/2008 19:40
Riguardo all'articolo "Lo strano caso di Zagor e Robert Gray", assolutamente interessante e ben informato (per il quale anzi mi complimento per l'autore), vorrei precisare che, nelle mie intenzioni, il "revisionismo" non voleva essere "politicamente corretto" (la "political correctness" è una pratica mistica contro cui mi sono scagliato anche in alcuni miei aspri commenti pubblicati in passato proprio da uBC) ma soltanto teso a risolvere delle innegabili incongruenze di sceneggiatura presenti nel vecchio albo di vent'anni fa. Si è trattata dunque di una operazione che, al di là del giudizio che si può dare sulla mia "revisione" (qualcuno potrà trovarla giusta, qualcuno sbagliata), era tesa unicamente a rimediare a delle falle logiche (o almeno, tali io le ho sempre ritenute), e mi rammarico che abbia potuto apparire un remake con intenti di edulcoramento. Cosa che è, al contrario, lontana dalla mia personale sensibilità (anche se poi, nel rispetto della tradizione, cerco di non esagerare mai con la "scorrettezza"). Per esempio, mi è sembrato inevitabile cercare di spiegare, sia pure a posteriori, perché i Mohawk del vecchio episodio non fossero comandati da Tonka, capostorico di quella tribù nella serie, oppure perché Cico pur avendo la pistola non intervenisse o perché Zagor, pur dicendo di avere un braccio rotto continuava a usarlo e non lo immobilizzava neppure a distanza di tempo, e molti diversi altri particolari di cui ho parlato in alcuni miei interventi nel forum www.spiritoconlascure.it, sezione "filo diretto con gli autori". Mi premeva dunque non tanto far sembrare Zagor una persona moralmente ineccepibile (e tutto io sono tranne che un moralista) quanto una persona intelligente. Peraltro, di solito vengo accusato di proporre uno Zagor troppo crudo e violento (ricordo le polemiche su un sacrificio umano azteco e su una trappola esplosiva su un battello nella storia "Catene"). Vero è che nell'articolo non si fa mai il mio nome e dunque non si tratta di un appunto personale (nel qual caso, comunque, non ci sarebbe stato niente di male). Un caro saluto Risponde C.Di Clemente, uBC Staff e autore del pezzo:
La ringrazio per i complimenti e per le note, con cui i lettori dell'articolo potranno avere un quadro più completo degli argomenti trattati. Come ha già osservato, nel pezzo non si sono fatti nomi e questo è stato voluto, poiché lo scopo era quello di dargli un significato più generale, basato sull'interpretazione del sottoscritto riguardo alla linea editoriale bonelliana, rimanendo svincolati dai singoli autori di cui conosciamo i trascorsi (e gli interventi su uBC, come ricorda).

Venerdí, 4 Aprile 2008

weblog/?3783
messaggio da Nando Vitale - 04/04/2008 08:25
Sono molto deluso dalla qualità di stampa della collezione "La Grande Dinastia dei Paperi" proposta dal Corriere della Sera. E’ mai possibile che dopo tanti anni di attesa per una edizione finalmente completa, cronologica e in italiano, ci si debba accontentare di una qualità di stampa così scadente?
Ho atteso l’uscita del decimo numero della collana per esternare il mio disappunto, nella speranza che con proseguire dell’iniziativa la qualità dei volumi migliorasse. Invece l’ultimo numero è stato addirittura peggiore dei precedenti: sbavature del colore, distorsioni, vignette scure e indecifrabili, nero eccessivo. Come può un vero collezionista ed appassionato tacere questi gravi inconvenienti?
Non sarebbe il caso di fare pressione sulla RCS per pretendere una migliore qualità del prodotto, minacciando eventualmente un boicottaggio dell’iniziativa. Per quello che riguarda me e alcuni amici collezionisti che ho sentito ieri, ci fermiamo qui. Sospendiamo l’acquisto della serie in attesa di una ristampa degna di questo nome. Risponde P.Dionisio, uBC Staff:
Possiamo comprendere il disappunto ma non lo condividiamo.
La pubblicazione del Corriere della Sera [cfr. avvistamento del 31 Gennaio 2008] non sarà infatti la Carl Barks Library, ma considerando che si tratta di un'edizione popolare da edicola è più che soddisfacente. Le uniche critiche negative che riteniamo di muovere sono quelle già riportate nell'avvistamento e riguardanti la nuova colorazione, il lettering e l'ordine "non propriamente" cronologico.

Giovedí, 3 Aprile 2008

weblog/?3767
messaggio da Barbara - 03/04/2008 10:35
Salve a tutti, sono una grande appassionata de Il Grande Sogno di Maya, e vorrei sapere se e' prevista un'ulteriore uscita dei suoi fumetti, ovvero n.43..44..ecc. Il fumetto non e' mai stato finito e volevo sapere se l'autrice ne ha l'intenzione, oppure lo vuole lasciare incompleto. Risponde P.Dionisio, uBC Staff:
Purtroppo non ci sono ancora novità sulla conclusione del fumeto di Suzue Miuchi: l'opera è ancora incompleta e l'ultimo albo uscito per l'edizione italiana è e rimane il n.42 del 14/03/2005. Ti consigliamo di provare a contattare l'editore licenziatario in Italia -Star Comics- per ulteriori informazioni.

Martedí, 1 Aprile 2008

weblog/?3784
messaggio da Valentina De Poli, direttore di Topolino - 01/04/2008 21:30
Reduce dall'ultima estenuante missione nei panni del supereroe Iron Ciccius (Topolino 2731), direttamente dalla sua stanzetta a Villarosa Ciccio dichiara di non potersi impegnare in alcuna campagna pro-bufala. Non può abbandonare la squadra degli Ultraheroes proprio nel momento in cui la battaglia contro i Bad7 si sta facendo davvero dura (vedi Topolino 2732). Suggerisce, in alternativa, di provare a recarsi sul Cucuzzolo del Misantropo e di chiedere di un certo Dinamite Bla che non vede l'ora di ricevere visite. Soprattutto oggi, 1° aprile!

Sabato, 29 Marzo 2008

weblog/?3706
messaggio da scanto - 29/03/2008 13:50
Recentemente ho acquisito l'intera serie di Legs Weaver, compresi speciali e spin off, ma so che la bellissima agente è apparsa anche in molti episodi di Nathan Never. Quindi avrei bisogno di conoscere una lista completa di tutti gli albi di NN (regolari, speciali, giganti, almanacchi, ecc.) in cui sia apparsa lei o la sua amica May per avere un quadro il più completo possibile della sua vita e carriera, senza dover anche comprare un'altra serie completa. So che non sarà facile, ma qualcuno può aiutarmi? Grazie fin da ora. Risponde C.Di Clemente, uBC Staff:
Per farti un'idea delle apparizioni di Legs nella serie di Nathan Never puoi navigare nella sezione "personaggi" del nostro database di annotazioni sui vari episodi. Essendo Legs spesso coprotagonista sin dall'esordio di Nathan, un elenco completo sarebbe in sé poco significativo. Ti evidenziamo, invece, gli episodi "fondamentali" usciti al di fuori della serie intitolata a Legs che chi ha amato "gambelunghe" non può non avere.
Il n.1 di Nathan (prima apparizione di Legs, nell'impostazione originale piuttosto diversa da quella definitiva, sia fisicamente che caratterialmente), gli albetti allegati agli Speciali di Nathan Never n.2, 3 e 4, con lei protagonista in solitario per la prima volta e basati, rispettivamente, sul suo passato in prigione, su un'avventura nel deserto e su un prologo alla sua serie personale. Poi, di nuovo lo Speciale 3 di Nathan Never (prima apparizione di May e della sorella April), il n.50 (May e April fanno i conti la loro famiglia), la doppia 76-77 (importante chiarimento tra Legs e May) e Agenzia Alfa n.2 (April esce di scena). Attualmente Legs ha lasciato la serie regolare di Nathan dopo la saga della guerra con le stazioni orbitanti dei n.157-161 mentre May ne è tuttora una colonna portante al fianco del suo uomo, Branko, e della figlia adottiva Kay. Legs è tornata nello Speciale 16 di Nathan e, dalle informazioni tratte dal sito Bonelli, si può intuire che in futuro avrà per sé un filone narrativo dello spin-off "Universo Alfa".

home Blog
più recenti
meno recenti

invia un messaggio
il blog è una sorta di "diario di gruppo" che vive delle vostre riflessioni e delle vostre segnalazioni... partecipate!

categorie:

news
posta
avvistamenti
eventi

messaggi dei giorni precedenti...