Salta direttamente al contenuto

<dopolavoro> il blog di uBC

visualizza solo se con tag "Pazienza" rimuovi

Venerdí, 16 Maggio 2008

messaggio da P.Dionisio - 16/05/2008 10:00
Da un articolo con galleria fotografica apparsi su Repubblica.it Parma:
Una mostra, la prima realizzata in Italia, su "Il Male", l'irriverente rivista fondata nel 1978 da Pino Zac e da un gruppo di giovani disegnatori. Andrea Pazienza, Tanino Liberatore, Filippo Scozzari, Vincino, Vauro, Angese, furono tra i protagonisti di una vera e propria fucina di creatività che ha rivoluzionato il linguaggio della satira. L'esposizione si inaugura venerdì 16 maggio alle ore 21 (ingresso libero), alla Galleria delle Colonne del Cinema Edison d'essai, accompagnata da un incontro con Vincenzo Sparagna, che fu tra i direttori della rivista.

Lunedí, 19 Febbraio 2007

weblog/?2952
messaggio da P.Dionisio - 19/02/2007 09:35
Da lunedì 19 febbraio ore 19.30 a lunedì 26 febbraio, presso il foyer del Teatro Puccini a Firenze (Via delle Cascine, 41) si terrà la mostra dedicata ad Andrea Pazienza, il noto autore di Zanardi e Penthotal (e non solo), morto nel 1988, a soli 32 anni. Inaugurazione alle 19.30, proiezione del film "Paz e il '77" alle 20.30, intervento di Sergio Staino e Marina Comandini (illustratrice e moglie di Pazienza) alle 21.45, pièce teatrale "Il Pompeo" per la regia di Davide Grassetti alle 22.15. La mostra conta ventuno tavole originali esposte ed è organizzata dagli Studenti di Sinistra per far conoscere l'opera di Paz, con orario Lun-Ven 15.30-23.00 e Sab. 10.00-13.00, ingresso libero. L'ultimo giorno sarà proiettato il film "Paz!" alla presenza del regista Renato De Maria (ore 21).

Martedí, 13 Giugno 2006

messaggio da C.Di Clemente - 13/06/2006 09:03
"Fumoon", la video rubrica settimanale di Luca Raffaelli per Repubblica Multimedia, parla del progetto "Uffa! Che pazienza", una serie di cartoni animati tratte dalle "Favole" di Andrea Pazienza, storie per i più piccoli che l'autore realizzò per il figlio del suo amico ed editore Mauro Paganelli.

Venerdí, 7 Aprile 2006

messaggio da G.Sidoni alias MultiPi3tro - 07/04/2006 00:30
Il Partigiano di Andrea Pazienza, una delle storie meno note fra quelle disegnate dall'autore di Zanardi, Pentothal, Pompeo ecc. andrà in scena al Teatro Fiorani di Canale Monterano dal 7 fino al 9 aprile. «Non si tratta di una pièce politica - precisa il regista Giampietro Sidoni alias MultiPi3tro - nessuna ideologia partitica e sovversiva accompagnerà le avventure del protagonista, un ragazzo solitario, estremo, dolce, dolente, che ha deciso di opporsi con fermezza all'avanzata del "pericolo rosso", un supereroe dei nostri tempi tinto da eccessi fanciulleschi. Un' operazione rischiosa quella di estrapolare da un fumetto una piecé. Ma lo scopo è soprattutto leggere, "sentire", amare Andrea e condividerne la consapevole ingenuità, il disagio giovanile personale, scoprire il suo carisma nella poesia e nei tratti "chiari" della sua anima far conoscere Andrea proprio nel suo "sentire" la vita e i suoi cari raccontando il mare, i pesci, gli uccelli, i bagnanti, la spiaggia, la natura, le battute di caccia con il padre». Nel ruolo del protagonista, il ventiquattrenne Domenico Laddaga, incaricato di dare voce a un personaggio che, secondo il regista, «potrebbe essere un alter ego di Andrea». Lo spettacolo sarà accompagnato da musiche originali composte per l'occasione e da proiezioni video su due schermi sui quali scorreranno le immagini dei fumetti di Pazienza accanto a un video realizzato a San Severo e San Menaio, i luoghi dove è ambientata la storia de Il Partigiano.

Lunedí, 13 Marzo 2006

messaggio da C.Di Clemente - 13/03/2006 00:12
Da venerdì 17 marzo il settimanale L'espresso proporrà le storie di Andrea Pazienza. Il piano editoriale prevede quattro volumi cartonati: Zanardi, Tormenta, Pertini e altre satire, Pompeo. Così Michele Serra nell'articolo "Brutti, sporchi e Paz" (pag.122 de L'Espresso in edicola dal 10 marzo):
"I suoi romanzi a fumetti sono un'intensa rappresentazione del furibondo vitalismo di quell'epoca. Così intensa da essere uno dei migliori paradigmi possibili della gioventù come età che non conosce e non tollera limiti, età del desiderio senza argini e (dunque) anche età della sconfitta e del dolore. I suoi ragazzi di vita, in tavole di strabiliante fantasia grafica (Renato Barilli ha scritto che Pazienza faceva "fiorire la pagina"), inseguono le notti e l'eros, le occasioni e le violazioni, come picari votati all'autodissoluzione. Che in tutto questo smaniare e disobbedire, desiderare e fallire, Pazienza sia riuscito a indurre anche una potentissima vis comica, è un vero e proprio miracolo artistico, ed è probabilmente ciò che lo ha reso amatissimo, in vita, e indimenticabile dopo la morte.

home Blog
più recenti
meno recenti

invia un messaggio
il blog è una sorta di "diario di gruppo" che vive delle vostre riflessioni e delle vostre segnalazioni... partecipate!

categorie:

news
posta
avvistamenti
eventi

messaggi dei giorni precedenti...