Salta direttamente al contenuto

<dopolavoro> il blog di uBC

visualizza solo se di categoria "posta" rimuovi

Giovedí, 8 Novembre 2007

messaggio da Lettore di Fumetti - 08/11/2007 07:50
Non sono d'accordo con il lettore [vedi dopolavoro del 7 novembre] che accusa i fumetti di essere troppo cari: non sono solo i fumetti ad essere troppo cari. Non è facile fare concorrenza a pubblicazioni che riempiono le pagine di messaggi promozionali e articoli senza senso. Riviste mensili che costano ben più di 2.70/3 euro vanno bene per essere lette in bagno o sotto l'ombrellore. Un fumetto è qualcosa di più, va letto e riletto, va analizzato nella sua forma artistica, e studiato quando riporta fatti storici e reali. Io sono uno studente universitario, a volte quei pochi euro che spendo per il fumetto mensile mi pesano, però poi, non appena finisco di leggerlo, non vedo l'ora che passi il mese per poterlo riacquistare. E poi, dopo qualche anno, si può rileggere tutto, senza dover aspettare che esca il numero successivo, dato che già si trova alla destra di quello appena riposto. Il tutto senza una riga di pubblicità.
Tag:

Mercoledí, 7 Novembre 2007

messaggio da Toni - 07/11/2007 10:00
Ormai e' una realta' tangibile: il fumetto oggi e' diventato un bene di lusso, a cominciare dai costi ormai proibitivi per la grandissima parte delle pubblicazioni. Cito per esempio Alan Ford, Edizioni If e persino la grande Bonelli non perde tempo. E naturalmente le vendite calano paurosamente ed i giovani preferiscono alla lettura di un sano fumetto una serata in pizzeria o un film in prima visione. Proprio così: ormai il fumetto e' morto. I mass media oggi offrono alternative molto piu' evasive. Purtroppo per me e tantissimi altri ex ragazzi il fumetto e' diventato davvero un bene di lusso.
Tag:

Lunedí, 17 Settembre 2007

messaggio da Dario Smiderle - 17/09/2007 00:22
Gentile redazione di uBC, ho trovato su una bancarella il numero 19 di Kiwi con all'interno una storia di Zagor dal titolo: "Zagor - L'ècharpe du Cerf sacrè¨". Potrei per favore avere maggiori delucidazioni su questa storia dato che in internet non ho trovato niente?
Grazie Risponde C.Patruno, uBC Staff
Zagor fu pubblicato nella serie regolare di Kiwi dal numero 81 al 156, e l'albo in questione è, in realtà, lo speciale Kiwi n.19, un trimestrale. Si tratta del secondo degli speciali Kiwi in cui Zagor compare: c'era infatti uno speciale n.15 col numero zero di Zagor e lo zero di Zembla. Sul mercato dei bédéphiles il numero è quotato 6 euro.
Tag:

Giovedí, 30 Agosto 2007

messaggio da Roberta - 30/08/2007 00:18
Vorrei porvi una domanda: ho letto tutto Il grande sogno di Maya, tranne l'ultimo numero... il negoziante mi ha detto che non è mai uscito, è vero o invece devo cercarlo altrove?
Grazie mille. Risponde M.Galea, uBC Staff
Il tuo negoziante ha ragione: ad oggi non esiste ancora una conclusione per il celebre manga "Glass no kamen", noto in Italia come "Il grande sogno di Maya".
L'autrice, Suzue Miuchi, non ha infatti ancora deciso come concludere la sua opera più celebre, iniziata ormai nel lontano 1975, più di 20 anni fa, quindi.
Non resta perciò che attendere e sperare che prima o poi la Miuchi decida di porre la parola fine a questa lunghissima saga.

Giovedí, 2 Agosto 2007

messaggio da Bea - 02/08/2007 12:55
Gentile redazione,
sono una studentessa di lingue e culture moderne che sta realizzando una tesi sulle difficoltà e modalità di traduzione del dialetto o dello slang inglese. Ho pensato di interessarmi della forma fumetto perché penso che non goda ancora della dovuta considerazione all'interno del mondo universitario, anche se penso si tratti di una forma d'arte di grande interesse. Non sono un'esperta, quindi ho difficoltà a reperire informazioni: mi chiedevo se poteste indicarmi qualche titolo di un fumetto interessante per un'analisi di questo tipo, o fornirmi indicazioni su pubblicazioni e siti.
Grazie per l'aiuto. Risponde M.Galea, uBC Staff
Tra i titoli anglofoni disponibili anche in italiano e con alcune peculiarità linguistiche possiamo segnalare The Boondocks (scheda Wikipedia in italiano e in inglese), nel quale lo slang dei giovani ragazzini protagonisti contrasta col registro più borghese degli altri personaggi, oppure 100 Bullets (scheda Wikipedia in inglese), anch'esso caratterizzato da una svariata moltitudine di registri dialettici. Altrimenti, ci sono gli immortali classici, come Calvin e Hobbes, Peanuts, Pogo di Walt Kelly (scheda Wikipedia in inglese), Krazy Kat di Herriman (scheda Wikipedia in italiano) o Popeye di Segar, che per vari motivi rappresentano sempre una sfida per la resa in italiano.

home Blog
più recenti
meno recenti

invia un messaggio
il blog è una sorta di "diario di gruppo" che vive delle vostre riflessioni e delle vostre segnalazioni... partecipate!

categorie:

news
posta
avvistamenti
eventi

messaggi dei giorni precedenti...