Salta direttamente al contenuto

<dopolavoro> il blog di uBC

Domenica, 9 Aprile 2006

weblog/?2097
messaggio da C.Di Clemente - 09/04/2006 00:30
Primo fumetto ad aver vinto il prestigioso Premio Pulitzer (1975), Doonesbury è un vero e proprio spaccato della società americana, una celebrata e temuta strip satirica di Garry Trudeau che, da decenni, dipinge con pungente sarcasmo e grande attualità la società e la politica americana. Ora Doonesbury torna in libreria con questo volume che raccoglie la produzione degli ultimi anni incentrata sulla guerra in Iraq e, in particolare, su uno dei protagonisti della striscia, il campione di football B.D., che perderà una gamba a Fallujah ed abbandonerà il casco con cui era sempre stato raffigurato sino ad allora. Come disse Henri Kissinger, "C'è solo una cosa peggiore di essere presi in giro da Doonesbury: non esserlo". Doonesbury, la lunga strada verso casa di Garry B. Trudeau, con prefazione di Sergio Staino - da marzo 2006 in libreria, 178 pagine b/n, brossurato orizzontale, €16,50, Arcana Libri - Collana Controculture

Sabato, 8 Aprile 2006

messaggio da G.Gentili - 08/04/2006 00:30
Su questo numero di Ankonmagazine, il quindicinale on-line del comune di Ancona, è possibile scaricare il primo fascicolo della Storia di Ancona a fumetti. Scritta da Rodolfo Bersaglio e disegnata da Fabio Marini, la storia era stata precedentemente pubblicata nel volume "Ancona: eroi, storia e detti a fumetti", edito e distribuito nel capoluogo marchigiano dalla Confcommercio. Nell'arco di quattro fascicoli viene narrata la storia della città, partendo dalla cornice fantastica di un IV millennio in cui, per ripulire la terra dall'inquinamento, la popolazione intraprende un viaggio nel tempo ripercorrendo le vicende fondamentali di Ancona nei secoli.
Tag:

Venerdí, 7 Aprile 2006

messaggio da G.Sidoni alias MultiPi3tro - 07/04/2006 00:30
Il Partigiano di Andrea Pazienza, una delle storie meno note fra quelle disegnate dall'autore di Zanardi, Pentothal, Pompeo ecc. andrà in scena al Teatro Fiorani di Canale Monterano dal 7 fino al 9 aprile. «Non si tratta di una pièce politica - precisa il regista Giampietro Sidoni alias MultiPi3tro - nessuna ideologia partitica e sovversiva accompagnerà le avventure del protagonista, un ragazzo solitario, estremo, dolce, dolente, che ha deciso di opporsi con fermezza all'avanzata del "pericolo rosso", un supereroe dei nostri tempi tinto da eccessi fanciulleschi. Un' operazione rischiosa quella di estrapolare da un fumetto una piecé. Ma lo scopo è soprattutto leggere, "sentire", amare Andrea e condividerne la consapevole ingenuità, il disagio giovanile personale, scoprire il suo carisma nella poesia e nei tratti "chiari" della sua anima far conoscere Andrea proprio nel suo "sentire" la vita e i suoi cari raccontando il mare, i pesci, gli uccelli, i bagnanti, la spiaggia, la natura, le battute di caccia con il padre». Nel ruolo del protagonista, il ventiquattrenne Domenico Laddaga, incaricato di dare voce a un personaggio che, secondo il regista, «potrebbe essere un alter ego di Andrea». Lo spettacolo sarà accompagnato da musiche originali composte per l'occasione e da proiezioni video su due schermi sui quali scorreranno le immagini dei fumetti di Pazienza accanto a un video realizzato a San Severo e San Menaio, i luoghi dove è ambientata la storia de Il Partigiano.

Giovedí, 6 Aprile 2006

weblog/?2091
messaggio da M.Siccardo - 06/04/2006 00:30
Gentili Signori, in gioventù ho molto amato un personaggio poco noto nel nostro paese: RIC ROLAND pubblicato negli anni sessanta e primissimi settanta da "Classici Audacia" e poi "Albi Ardimento". Di lui so soltanto che in Francia si chiama "Ric Hochet". Mi piacerebbe sapere se è ancora pubblicato e in che forma e dove posso eventualmente procurarmi le storie che non conosco anche se in lingua francese. Grazie.

Risponde Camilla Patruno, uBC Staff:
Ric Roland è la trasposizione italiana di RIC HOCHET, personaggio apparso nei Classici Audacia e negli Albi Ardimento, come ricorda il nostro lettore, che recuperavano in volume storie pubblicate sul Corriere dei Piccoli negli anni '60. Questo personaggio nasce nel 1955, comparendo per la prima volta in copertina del "Journal de Tintin" con la storia dal titolo "Ric Hochet mène le jeu". All'epoca, è un venditore di giornali tredicenne, ma ben presto diventerà un giornalista-detective di 25 o 35 anni, a seconda che parliate col disegnatore (Tibet) o con lo sceneggiatore (André-Paul Duchâteau)! Nelle sue indagini, i personaggi più ricorrenti sono il simpatico commissario Bourdon e sua nipote Nadine. Cinquant'anni dopo, è sempre la stessa coppia di autori a scriverne le avventure, ancor oggi pubblicate dall'editore belga LeLombard (che le ristampa regolarmente, garantendo così l'integralità della serie). I nuovi volumi appaiono al ritmo di uno ogni 8 mesi (siamo oggi a quota 71) e possono essere acquistati on line dal sito indicato.

Mercoledí, 5 Aprile 2006

messaggio da YATTAAA - 05/04/2006 00:10
In occasione della mostra mercato di Bologna, che si svolgerà nei giorni 8 e 9 aprile presso il Palanord, Giuseppe Di Bernardo, autore de L'insonne e Diabolik, terrà una conferenza sabato 8 alle ore 16:00.

home Blog
più recenti
meno recenti

invia un messaggio
il blog è una sorta di "diario di gruppo" che vive delle vostre riflessioni e delle vostre segnalazioni... partecipate!

categorie:

news
posta
avvistamenti
eventi

messaggi dei giorni precedenti...