Salta direttamente al contenuto

<dopolavoro> il blog di uBC

Venerdí, 25 Novembre 2005

weblog/?1840
messaggio da Carlo Antonio Rossi - 25/11/2005 00:00
E' da parecchio tempo che non scrivo piu' recensioni (oppure, piu' modestamente, pensieri sparsi su un fumetto). Ma "Dampyr" mi ha fatto uscire dal torpore in questo senso; e vedere l'ultimo numero, "Danza con la morte" recensito, mi ha stimolato a scrivere qualche riga. Qualche riga dedicata soprattutto alla figura del Condor: ammetto che, in tutti i fumetti che leggo, l'antagonista e' la figura che mi ha sempre colpito di piu', forse proprio per il fatto che, al contrario del protagonista, e' destinato, a breve o lungo termine, a sparire, quindi a mio parere merita un'analisi piu' approfondita, proprio per evitare che ci abbandoni anche nella memoria.
Il Condor si propone, forse, come il miglior antagonista nella serie di Harlan (certo, forse bisognerebbe attendere la trasferta sudamericana e vederne gli esiti, ma almeno per ora, qualche considerazione si puo' fare): finora, ogni maestro della notte, pur avendo interagito con la storia, lo ha fatto in modo forse distante, vuoi nel tempo, vuoi nei modi. O chi, lo ha fatto, lo ha fatto con "nobilta'", vedi Draka o Erlik Khan, o Amber. Oppure, e' talmente lontano dalle umane faccende da risultarne estraneo, vedi Nergal.
Il Condor, invece, ha scelto di interagire in un panorama politico vicino a noi, temporalmente e fisicamente (non parlo della distanza fra Europa e argentina, ma della distanza culturale che c'e'); e lo ha fatto in modo sottile, torbido. Trasformare un martire in un torturatore: cosa c'e' di peggio? In fin dei conti, molti maestri si limitano a trasformare in servi carogne (come disse Draka, "arruolo carogne", in senso letterale e metaforico), il Condor trasforma in sconforto la speranza e in vigliaccheria il coraggio.
Pochi cattivi, nella storia della Bonelli, sono stati cosi' efficaciemente caratterizzati in cosi' poche pagine; pochi cattivi hanno espresso in poche battute delle verita' scomode. In fin dei conti, il Condor e' forse il maestro, finora, che conosce meglio l'animo umano, e che lo sa pervertire meglio per i suoi scopi; meglio di Draka, figura lontana e un po' astratta.
Mi auguro solo che gli autori decidano di non porre fine alla sua esistenza troppo in fretta, e che riescano forse a trovare l'unica cosa che ancora mancava a Dampyr, ovvero un antagonista d'eccezione, dotato di solidita' nella caratterizzazione. Almeno, questo e' quel che spero io.

Giovedí, 24 Novembre 2005

messaggio da Fondazione Teatro dell'Archivolto - 24/11/2005 00:00
"Nuvole parlanti, Fumetto in palcoscenico" è il titolo del primo festival dedicato alla "letteratura disegnata" in cui il fumetto incontra il palcoscenico non solo con messe in scena o produzioni teatrali, ma allargando il raggio di azione a incontri con gli autori, seminari, mostre, laboratori, dibattiti, concerti, riflessioni su un mondo e una forma di comunicazione che si intreccia ormai costantemente con le varie arti, con la politica e la società civile e che influenza intensamente narrativa e cinema, disegno animato e letteratura, teatro e architettura. Il programma prevede una serie di incontri con disegnatori italiani e stranieri (la francese Claire Brétecher, l’iraniana Marjane Satrapi, Lorenzo Mattotti, Francesco Tullio Altan, Sergio Staino), scrittori (Niccolò Ammaniti e Antonio Manzini), studiosi e giornalisti (Vincenzo Mollica, Ernesto Franco, Ferruccio Giromini). Al teatro Gustavo Modena di Genova dal 3 al 19 dicembre 2005.

Lunedí, 21 Novembre 2005

messaggio da Diabolik Club - 21/11/2005 00:00
La Biblioteca Borgo Panigale e l'Associazione Krazy Kat, in collaborazione con Diabolik Club e Astorina srl, presentano la MOSTRA CONVENTION DI DIABOLIK presso la Biblioteca di Borgo Panigale in Via M.E. Emilio Lepido 25 a BOLOGNA. In mostra 50 tavole originali di Giuseppe Palumbo, Enzo Facciolo e Sergio Zaniboni, disegnatori d’eccezione dello storico personaggio. L'inaugurazione è prevista per Sabato 26 novembre alle ore 16.00 fino a mercoledì 7 dicembre, tutti i giorni tranne la domenica, dalle 8.30 alle 18.45.
Sabato 26 Novembre 2005 alle ore 13 è previsto inoltre presso il Ristorante Il Randagio (Via M.E. Lepido 7/c – Bologna), un pranzo con gli autori. Per prenotazioni telefonare allo 051-6415336 entro e non oltre il 25 novembre (orario consigliato dopo le 17,30). I soci del Diabolik Club possono prenotare al numero: 368-3668728 entro il 24 novembre. Per altre informazioni: tel. 051 6418233 e-mail: [email protected] o [email protected]

Sabato, 19 Novembre 2005

weblog/?1835
messaggio da F.Gallerani - 19/11/2005 00:00
Dopo il grande successo di Smalville (da noi si concluderà a giorni la quarta serie, mentre la quinta è in programmazione negli USA) Miles Millar e Alfred Gough, produrranno sempre per la Warner Bros una nuova serie televisiva ispirata questa volta ad Aquaman, personaggio DC creato nel 1941 da Paul Norris and Mort Weisinger.
Le uniche indiscrezioni riguardo la serie, girata in Florida, riferiscono che il character non sarà la diretta derivazione di quello recentemente apparso nel quarto episodio della quinta serie di Smalville (intitolato "Aqua") ma parlano di un Aquaman ventenne e della centralità del mistero del triangolo delle bermuda. Tuttavia, ancora non è stato precisato quale sarà la storyline adottata: verranno recuperate le antiche origini degli anni '40 (con Aquaman figlio di uno scienziato con acquisisce la capacità di respirare sott'acqua grazie agli studi del padre) quelle ridefinite negli anni '60 (con Aquaman figlio del guardiano del faro Tom Curry e di Atlanna, sopravvissuta alla distruzione di Atlantide) o ancora quelle recentemente aggiornate da Peter David (con Aquaman ultimo discendente della casa regnante e quindi erede al trono di Atlantide, figlio della regina Atlanna e di Atlan, e scacciato dal proprio popolo)?

Venerdí, 18 Novembre 2005

messaggio da J. Schneider - 18/11/2005 00:00
È online sul Portale Bonelliano Brasiliano TexBR il reportage fotografico del Festival Internazionale di Quadrinhos (Fumetti) avvenuto in Brasile dal 5 al 9 ottobre 2005. In risalto la mostra “L'Arte di Andrea Pazienza”, curata da Marina Pazienza, vedova dell'artista, e quella di Magico Vento, con la presenza del creatore Gianfranco Manfredi. Il tutto in italiano.

home Blog
più recenti
meno recenti

invia un messaggio
il blog è una sorta di "diario di gruppo" che vive delle vostre riflessioni e delle vostre segnalazioni... partecipate!

categorie:

news
posta
avvistamenti
eventi

messaggi dei giorni precedenti...