Salta direttamente al contenuto

<dopolavoro> il blog di uBC

visualizza solo se con tag "Hugo Pratt" rimuovi

Mercoledí, 4 Maggio 2005

messaggio da Stefano Gorla - 04/05/2005 08:05
Sul sito di Famiglia Cristiana è in rete un'intervista a Sergio Bonelli tratta dal numero 18 del settimanale:
La fabbrica dei sogni: Da oltre mezzo secolo l’autore-editore nutre la voglia d’avventura dei lettori inventando personaggi: come Mister No, che dopo 30 anni si congeda, o il nuovo Brad Barron (..)
Inoltre, sul sito di Letture un dossier su Hugo Pratt tratto dal numero 617:
"Non lo voglio vedere dai libri! I paesi dell’anima non si possono vedere con gli occhi a prestito. Se mai li immagino o li sogno. Nessuno ha occhi lucidi e chiari come la fantasia o il sogno". Così Primo Mazzolari nel 1941 pensando a una, per lui lontanissima, Emmaus. Una verità che deve aver in qualche modo incrociato Hugo Pratt che ha fornito molto materiale per i sogni di una moltitudine di lettori. Non solo. Viaggiatore curioso, ha fatto del viaggio, come dell’accurata documentazione, uno dei punti di forza del suo affascinante narrare. E se il suo pellegrinare per il pianeta, rispondendo ai richiami dell’avventura e della sete di conoscenza, ha contribuito a rendere palese una vocazione cosmopolita inserita nei suoi geni, la sua vastissima biblioteca con gli oltre 25.000 volumi, testimonia come Pratt sapesse viaggiare anche tra le pagine dei libri, spaziando dalla filosofia alla poesia, saggistica e letteratura, romanzi d’avventura e dotti trattati filologici. (..)

Venerdí, 29 Ottobre 2004

messaggio da C.Di Clemente - 29/10/2004 08:00
L'epopea dell'eroe di Pratt dai mari esotici alla magia è il titolo dell'articolo di Luca Raffaelli dedicato a Corto Maltese apparso oggi su Repubblica per il volume de "I Classici del Fumetto di Repubblica - serie oro" in uscita domani, che raccoglie le avventure caraibiche del fascinoso marinaio. Un estratto:
L'ambientazione è la stessa, ma non solo. Vivono queste avventure ai Carabi anche gli stessi coprotagonisti: Tristan Bantam, il professor Steiner, Bocca Dorata nonché, ovviamente, il travolgente, perfido Raspuntin. Dal punto di vista narrativo ci sono grandi novità, maturate nell´arco di ventidue anni di storie: da personaggio colto di un´avventura da sogno, Corto si trasforma in un personaggio che sogna l´avventura colta. (..) La trasformazione di Corto è anche, ovviamente, quella del suo autore: e Hugo Pratt muta radicalmente lo stile del suo tratto. Nelle storie del Settanta ci sono molte ombre, c´è molto tratteggio. Con Mu, Pratt trova un equilibrio meraviglioso in cui le vignette contengono solo l´essenziale, lasciando ad ogni tratto di pennarello un respiro, uno spazio di vita.
Gli altri articoli alla pagina delle Idee.

Martedí, 10 Giugno 2003

messaggio da afNews - 10/06/2003 11:45
Sabato 14 giugno alle 15,00 in rue du Gond/rue Vigier de la Pile ad Angouleme, la città dei fumetti, il Sindaco Philippe Mottet inaugurerà la statua dedicata ad Hugo Pratt realizzata da Luc e Luvio Benedetti.

Domenica, 15 Settembre 2002

messaggio da G.Gentili - 15/09/2002 13:16
Il genio di Hugo Pratt ritorna in edicola : recensione de Il Nuovo della ristampa Lizard de "Gli scorpioni del deserto. Brise de mer" di Hugo Pratt
Tag:

home Blog

invia un messaggio
il blog è una sorta di "diario di gruppo" che vive delle vostre riflessioni e delle vostre segnalazioni... partecipate!

categorie:

news
posta
avvistamenti
eventi