Salta direttamente al contenuto

<dopolavoro> il blog di uBC

Sabato, 30 Aprile 2005

messaggio da DbRm - 30/04/2005 10:00
Il nuovo volto dell'uomo d'acciaio sarà quello di Brandon J.Routh, attore sconosciuto ai più, nell'ambiente di Hollywood. Ecco una prima immagine di Routh col nuovissimo costume. Il cast vede Kevin Spacey nei panni di Lex Luthor, Kate Bosworth in quelli di Lois Lane e Frank Langella nel ruolo di Perry White. La trama riprenderà le mosse da SUPERMAN II. Sei anni saranno passati dall'episodio precedente: l'uomo d'acciaio sarà visto come una specie di "messia" ritornato da un misterioso esilio spaziale, a seguito dell'invasione del generale Zod e compagni; la gente vorrà però che Superman, non fosse mai esistito, perché dopo la sua scomparsa, all'inizio del film, il mondo è piombato nel caos più completo. Nel frattempo Luthor, uscito di galera, si è ravveduto, diventando una delle persone più ricche di Metropolis. Il regista, Bryan Singer, dice che questo quinto episodio della saga scaverà nei rapporti tra Superman e l'umanità. Davvero una sfida molto più grossa rispetto al classico "superhero movie", per intenderci. La pellicola, dal titolo "Superman Returns", è prevista per il 2006.

Venerdí, 29 Aprile 2005

messaggio da S.Mancosu - 29/04/2005 22:40
Dal 1° al 31 maggio, organizzata dalla EsaExpo, in collaborazione con Sergio Bonelli Editore ed il Canale di cinema Studio Universal (SKY), è ospitata presso Palazzo Colonna a Roma la mostra “Sulle tracce di Tex”.
Un’esposizione che ripercorre, con puntuale ricostruzione filologica, la grande avventura di Tex Willer, icona del fumetto del Novecento. Oltre 200 i pezzi, con un centinaio di tavole originali molte delle quali firmate da Aurelio Galleppini ed esposte per la prima volta al pubblico romano, accompagnate dagli albi originali, preziosi elementi di scenografia e materiali video.
Per orari e informazioni: www.tamatete.it , alla voce mostre.
messaggio da S.Mancosu - 29/04/2005 20:15
Da Repubblica, venerdì 29 aprile 2005:
“Nell’Italia del fumetto c’è un prima e un dopo Linus. Prima le pagine a strisce sono fatte di humour e di avventura. Dopo, l’orizzonte cambia radicalmente. Prima di Linus la memoria corre alle strisce del Grande Blek, o al Tex Willer di Gianluigi Bonelli, l’albo che ha modellato il sogno di un’America maschia e leale. Ma quando nell’aprile del 1965 l’incompreso Giovanni Gandini, animatore della piccola editrice Milano Libri, riuscì finalmente a pubblicare il mensile di fumetti che aveva in mente, dopo avere inutilmente portato per mesi in giro per Milano un menabò che nessuno voleva vedere, fu subito chiaro che si trattava di una svolta autentica.”
Questo l’incipit dell’articolo di Edmondo Berselli nella sezione “Diario” del quotidiano, che ospita, nel quarantennale della nascita della mitica rivista Linus, inoltre, gli interventi di Umberto Eco, di Michele Serra, di Luca Raffaelli, di Stefano Bartezzaghi.
messaggio da Associazione Biblioteca delle Nuvole - Perugia - 29/04/2005 13:00
Sabato 30 aprile alle 17,00, presso la Rocca Paolina di Perugia, sarà inaugurata la mostra "Little Nemo - Omaggio al genio grafico di Winsor McCay nel centenario del suo Little Nemo in Slumberland", organizzata dall’associazione Biblioteca delle Nuvole. I visitatori della mostra, aperta tutti i giorni dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 20 a ingresso libero, potranno ammirare le splendide tavole originali di McCay relative alle sue serie più famose. Tra i pezzi più pregiati in mostra, ben 4 tavole di Little Nemo del 1906, alcuni magnifici "Dream of the Rarebit Fiend" e un raro esempio della serie "Hungry Henrietta". Ma ci saranno anche gli originali di Vittorio Giardino per la sua famosa Little Ego, e una serie di omaggi resi dai più grandi disegnatori contemporanei (Moebius, Enrique Breccia, Mattotti e tanti altri) al famoso personaggio che a ottobre compirà cento anni. L’evento conclusivo della mostra, la giornata di studio su Winsor McCay del 14 maggio (Perugia, Rocca Paolina, ore 16,00), vedrà come relatori Alfredo Castelli (che cura anche una sezione della mostra dedicata ai precursori e agli emuli di McCay), Daniele Barbieri, Moreno Barboni, Fabio Gadducci, Gatti, Vittorio Giardino. Per informazioni: www.bibliotecadellenuvole.it - [email protected].

Giovedí, 28 Aprile 2005

messaggio da Diabolik Club - 28/04/2005 23:35
Il Diabolik Club è lieto di presentare: “Eva Kant: Quando Diabolik non c’era - La sceneggiatura originale” di Tito Faraci. Un elegante volume brossurato di 196 pagine che riproduce la sceneggiatura del bellissimo albo fuori serie dedicato al passato dell’affascinante e intelligente compagna del Re del Terrore, scritta nel 2003 da Tito Faraci su soggetto di Sandrone Dazieri. Un libro imperdibile per chiunque desideri intraprendere la carriera di sceneggiatore di fumetti e voglia avere sottomano un ottimo esempio di sceneggiatura professionale su cui imparare e confrontarsi... ma anche un’ottima lettura per ogni appassionato di fumetti, grazie alla prosa vibrante con cui l’autore dà vita ad una storia ad alto tasso di drammaticità. A corredo del testo, viene presentata un’ampia selezione di vignette della storia, realizzate da Giuseppe Palumbo e Emanuele Barison, oltre ad una decina di tavole riprodotte integralmente e ad alcuni schizzi preparatori inediti di Palumbo. Per informazioni: [email protected] - www.diabolikclub.it.

home Blog
più recenti
meno recenti

invia un messaggio
il blog è una sorta di "diario di gruppo" che vive delle vostre riflessioni e delle vostre segnalazioni... partecipate!

categorie:

news
posta
avvistamenti
eventi

messaggi dei giorni precedenti...