ubcfumetti.com
Indice del SitoNovità !Cerca nel SitoScrivi a uBC
DatabaseSchede





  Mondo senza stelle
Codice: [4] 46pp
Rating:
scheda di Pierfilippo Dionisio

    Soggetto/Sceneggiatura:
    Pierre Christin
    Disegni/Copertina:
    Jean-Claude Mézières
    Lettering:
    Renata Tuis
    Traduzione:
    Ferruccio Giromini

    Pilot - Ed. Nuova Frontiera
    n.1-4 "Mondo senza stelle" - 46pp - 81.12/82.03
    (cliccare 74k)
    (cliccare 64k)
    (cliccare 59k)
    (cliccare 72k)

    Gli Albi di Pilot - L'isola trovata
    n.41 "Valerian - Mondo senza stelle" - 46pp - 88.07
    (cliccare 69k)

    Pilote Magazine (settimanale) - Dargaud
    n.570-592 "Le Pays sans Étoile" - 46pp - 70.10/71.03

    Raccolta in albo
    n.3 "Le Pays sans Étoile" - 46pp - 72.
    (cliccare 65k)

    Collana 16/22
    n.42 "Le Pays sans Étoile" - 46pp

    Copertina inedita
    "Le Pays sans Étoile" - 91.
    progetto di modernizzazione delle copertine della serie (mai attuato); l'immagine è contenuta in "Les Extras de Mézières" (Dargaud 1995)
    (cliccare 58k)


In due parole. .

Durante una missione di comitato nel sistema solare di Ukbar appena colonizzato, Valerian e Laureline si accorgono della imminente catastrofe: un planetoide è in rotta di collisione con il sole e ciò può provocare un'immane esplosione che coinvolgerà i pianeti. Decisi a impedirlo, i due agenti atterrano sul masso spaziale e scoprono che l'interno è cavo e abitato. All'interno due città: una governata dagli uomini, l'altra dalle donne.

cliccare per ingrandire
(cliccare 84k)

L'addestramento maschile
cliccare per ingrandire
(cliccare 90k)

Il concorso femminile


Perchè è da ricordare

Interessante è il tema che governa la trama di questa avventura: la Guerra dei Sessi.
Quella che comunemente viene definita guerra o lotta, nella nostra società in realtà è uno scontro di posizioni e di interessi, operata generalmente da una parte, quella femminile, verso l'altra, la maschile, per una giusta e paritetica ripartizione di diritti, in un periodo in cui il mondo patriarcale è ancora dominante - la storia è dei primi anni del '70 - ma in fase calante.
Stavolta il duo di autori decide di trasporre letteralmente su carta questo conflitto, che non può risolversi che in un modo: la mutua collaborazione, altrimenti la fine inevitabile dei due sessi.

Strana è la rappresentazione di un terzo polo, il popolo Lemm, che si distacca da ogni posizione ideologica e ha il compito di alimentare la lotta degli altri: invece di condannarli, Christin e Mézières li fanno apparire costretti a mantenere questo ruolo, non conoscendo altro motivo di esistenza. Più che trafficanti d'armi, paiono - e sono - nomadi che non possono permettersi altro, probabilmente alla ricerca della loro identità e del loro fine.

Nulla è lasciato al caso: Christin è ben coadiuvato da Mézières, tanto da rappresentare anche graficamente la differenza tra il popolo governato dagli uomini di Valsennar e quello governato dalle donne di Malka.
Infatti quando Valerian e Laureline si dividono per raggiungere le due città, anche il sentiero si divide e si viene a creare come un bivio, una divisione netta costituita dalla faglia dove crescono i flogum, le armi di questa guerra dei sessi. Questa faglia non può che rappresentare la distanza tra le due mentalità! E dove vive il popolo Lemm, quel popolo che non prende posizione? Proprio sulla faglia...
Dalla separazione dei due protagonisti, la struttura narrativa segue un parallelismo di eventi - la vita nelle due città - che culmina nella contemporanea chiamata tra Valerian e Laureline.

Un ultimo argomento va preso in analisi: la ristrettezza di vedute verso il mondo esterno.
Troppe volte poniamo noi stessi al centro dell'universo, non considerando altri elementi che partecipano come noi - se non di più - al grande "gioco dell'Essere". Ma a quanto pare l'uomo non può fare a meno di questa sua visione. Un esempio è costituito dai coloni del sistema di Ukbar - e dai due agenti spaziotemporali, anche se di mentalità più elastica e di ampie vedute - che ritengono di dover annientare il planetoide che li sta per colpire. Eppure l'interno è abitato! E che dire del popolo tutto di Zahir - il planetoide, appunto - che non conosce e non comprende concetti come lo spazio esterno, essendo in tutto e per tutto una monade? Per fortuna il raziocinio e l'abilità della coppia del Servizio Spaziotemporale riescono a risolvere la situazione e a rimettere tutto a posto, anche le orbite dei pianeti.


Note e citazioni

  • In Italia questa storia fu pubblicata per la prima volta sulla neonata rivista Pilot, la versione nostrana della celebre rivista francese. Le altre 3 copertine - eccetto quella del n.3, di Valerian - si riferiscono a "Le falangi" di Bilal e Christin, "L'uomo di carta" di Manara e "Cronache della grande isola" di Lauzier.
    In seguito, le varie serie contenute in Pilot furono raccolte, alternate in ordine di uscita, ristampate e "proseguite" nei monografici Gli Albi di Pilot (prima per le edizioni Bonelli/Dargaud, poi per le edizioni L'isola trovata ma sempre sotto la guida di Sergio Bonelli).
  • Il nome dell'imperatore di Valsennar è stato erroneamente tradotto da Alzafar in Alzafrar.
  • L'ultima tavola è firmata per i testi con il nome Linus: questo è l'alias usato da Christin (come descritto nella scheda autore).
Incongruenze
La frase

    (59k)
    Valerian e Laureline, particolare
  • Laureline: "Ma... a proposito, cosa stai facendo? Cos'e questa puzza..."
  • Valerian: "Io?... niente! Ho finalmente trovato il tempo di gustare i prodotti zahiriani... e poi ci ho pensato su... non sono contrario al matriarcato... la prova? sarai tu a guidare fino a Galaxity!... e che crepi il lupo!..."
  • FINE
Tavola 46b


Personaggi

Valerian, agente spazio-temporale Laureline, agente spazio-temporale e compagna di Valerian Coloni dei pianeti del sistema Ukbar Lemm, popolo nomade di Zahir Mutahar, del popolo Lemm Popolazione di Valsennar Nadjika, vecchia della bottega della fortuna Popolazione di Malka Alzafrar, imperatore di Valsennar Klopka, regina di Malka

Locations

Sistema solare di Ukbar, composto da 4 pianeti Astronave di Valerian e Laureline Scialuppa spaziale dei due agenti Zahir, pianeta cavo Skromm, insetto casa mobile Faglia lunare Malka, città governata dalle donne Caserma delle mille virtù femminili Valsennar, città governata dagli uomini Palazzo della virilità risplendente

Elementi

Colonizzazione terrestre del sistema Ukbar Missione di comitato di Valerian e Laureline Collisione di Zahir contro il sole di Ukbar Traduttori automatici Flogum, frutto esplosivo Guerra dei sessi Addestramento maschile Cannoni di Gruff, sparano insetti "armi viventi" dall'aculeo micidiale Kuciuk animali "armi viventi" lanciafiamme Talam animali "armi viventi" sputaveleno Klamip animali "armi viventi" dalla lingua tagliente Fiore di Saphaniol, ornamento femminile per capelli Concorso femminile Granate carnivore Sniark strangolatore Balestra lanciapilip Paralizzatore leggero Salti spazio-temporali Matrimonio tra Klopka e Alzafrar


Trama

3. La colonizzazione dello spazio da parte dei Terrestri è sempre più pressante: l'ultima conquista è il sistema solare di Ukbar, costituito dalla stella che ne dà il nome e da quattro pianeti, ora abitati. La missione di Valerian e Laureline è quella di salutare un'ultima volta i coloni che si sono impegnati nello sviluppo degli insediamenti, esaltando il valore dell'impresa. A termine di ogni incontro Valerian viene ripetutamente distratto da altri particolari che hanno poco dell'eroico: la distillazione di alcoolici indigeni...
D'un tratto un evento riporta l'attenzione allo spazio: un planetoide, come impazzito, si sta dirigendo verso la stella. Le conseguenze non possono che essere catastrofiche: la trasformazione del sole in una supernova gigante che annienterà i pianeti.
L'unico rimedio è distruggere l'intruso!

Partiti con la loro astronave e passata la sbronza, i due agenti spazio-temporali si avvicinano alla superficie scoprendo che, sotto una coltre rocciosa e morta, all'interno si apre un mondo cavo e abitato: Zahir! Qui, dopo averli aiutati nel recupero di una casa Skromm, fanno la conoscenza del popolo Lemm, ed in particolare di Mutahar. Questi sono nomadi che percorrono la lunga Faglia Lunare alla ricerca dei Flogum esplosivi.
Intanto l'atmosfera è fortemente disturbata da grandi esplosioni: è la guerra tra le due uniche città presenti: Valsennar e Malka. Ad alimentare questa lotta con le forniture di armi sono proprio i Lemm - che si dichiarano pacifici - con i Flogum.
E proprio le continue deflagrazioni hanno scombussolato l'equilibrio e l'asse di rotazione di Azhir, facendolo cadere nello spazio!
A questo punto non rimane che fermare la guerra in atto.

Valerian e Laureline si dividono: infatti solo le donne possono entrare a Valsennar e gli uomini a Malka.

Il primo ad arrivare è Valerian. Una volta intrufolatosi, la città di Malka si presenta bellilssima ma strana: per le vie si trovano solo uomini, dall'aspetto trasandato. Ad un tratto arrivano le donne: affascinanti e nerborute amazzoni - padrone della città - che reclutano forzatamente i maschi per la guerra. Tra questi viene scelto il nostro agente. Segue un duro ed estenuante addestramento all'uso delle armi viventi, animali adatti all'offesa grazie alle caratteristiche fisiche.

All'arrivo a Valsennar, Laureline si accorge della sola presenza femminile, intenta anche a duri lavori cittadini. Viene fermata dalla vecchia Nadjika che la scambia per una partecipante al concorso femminile a palazzo dell'imperatore Alzafrar. Qui le prove vengono affrontate dalla ragazza in maniera disastrosa ma, proprio per questo, viene notata dal regnante che decide di introdurla nell'harem. Ha quindi occasione di visitare la maestosa città, dove gli uomini oziano e vivono nel lusso lasciando i gravosi compiti alle donne, e le viene illustrata la flotta pronta ad una nuova battaglia contro Malka e la regina Klopka.

È l'ora della battaglia e le due flotte si scontrano: grandi perdite si susseguono su entrambi i lati e ad assistere sono presenti anche Valerian e Laureline che quasi rischiano di ferirsi a vicenda. Una volta terminato lo scontro e tornati alle rispettive città, i due agenti di Galaxity, tramite un contatto radio, si rassicurano amorevolmente sulla loro salute e progettano il da farsi: rapire Alzafrar e Klopka.
Catturati i due, li conducono nello spazio esterno per convincerli di cosa esiste oltre il loro piccolo mondo - la rivelazione è folgorante e sconvolgente - e per avvisarli del pericolo che loro stessi corrono. L'unico rimedio è interrompere immediatamente la guerra, raccogliere tutte le riserve di flogum ed utilizzarle per farli esplodere - simultaneamente grazie allo spaziotempo - su Zahir per stabilizzarlo in orbita nel sistema di Ukbar.
Seguono difficili calcoli e poi l'astronave di Valerian salta: la minaccia è debellata e Zahir diventa il quinto pianeta del sistema.

Inoltre la società sul neopianeta si è fusa e Klopka e Alzafrar si sposeranno!



 

 


 
(c) 1996 uBC all right reserved worldwide
Top
http://www.ubcfumetti.com §