ubcfumetti.com
Indice del SitoNovità !Cerca nel SitoScrivi a uBC
MagazineTexArticoli




"FAKE" TEX

Introduzione
Le storie

Històrias do Oeste em quadrinhos "Fake" Tex
di Fabrizio Gallerani
da un'idea di Julio Schneider
e Marco Gremignai

DOWNLOAD:
Introduzione e indice delle storie   (109 Kb)
Storie del West #1: "Un giovane pistolero"
TESTO (71 Kb)
IMMAGINI (966 Kb)
Storie del West #2: "Il ritorno fatale"
TESTO (72 Kb)
IMMAGINI (998 Kb)
  cliccare per scaricare le pagine dello speciale in ZIP

Alcuni anni fa, la casa editrice brasiliana Editora Press Ltda pubblicò, all'interno della collana mensile Histórias do Oeste em quadrinhos (Storie del West a fumetti), due avventure scritte e disegnate da Wilson Fernandes, intitolate rispettivamente Um jovem pistoleiro e O retorno fatal (Un giovane pistolero e Il ritorno fatale).

I numerosissimi brasiliani appassionati di fumetti Bonelli restarono letteralmente a bocca aperta: il protagonista delle due avventure era proprio lui, Tex Willer! Naturalmente il nome del protagonista era un altro, ma le "coincidenze" (per non chiamarli plagi: basti vedere le vignette che abbiamo proposto in anteprima a luglio) erano talmente tante che non era possibile sbagliarsi. Inoltre, ad una lettura anche superficiale delle due storie, risultava evidente che l'autore si era ispirato in entrambi i casi alla classica storia di Tex Caccia all'uomo di Nolitta/Fusco anche per quanto riguardava i testi.

"...l'autore si era ispirato alla classica storia di Tex Caccia all'uomo..."
   

Adesso, ad anni di distanza, il nostro corrispondente brasiliano Julio Schneider ci ha segnalato questo episodio e, oltre a fornirci il materiale iconografico nonché la traduzione in italiano, si è mosso da vero segugio (non per niente è avvocato di professione :-) ) per avere quante più informazioni possibili su questa "curiosa" iniziativa editoriale.

Risultato della ricerca: i nuovi responsabili della casa editrice del "falso Tex" affermano di non saper niente di queste due storie "particolari", l'autore è sparito da tempo e l'unica testimonianza interessante sull'argomento è stata quella di un giornalista della Gazeta Mercantil di São Paulo, secondo il quale "Fernandes, tempo fa, ha compiuto altri lavori "prendendo in prestito", senza il dovuto permesso, perfino i disegni di Hugo Pratt ed altri. Si tratta di un vero e proprio plagio, il quale purtroppo ci fa vergognare all'estero per l'evidente violazione dei diritti d'autore". Un'affermazione piuttosto perentoria ma certo condivisibile: nelle due storie qui esaminate, Fernandes si ispira talvolta a Ticci, talvolta a Trevisan, talvolta - ed era inevitabile, visti i continui riferimenti a Caccia all'uomo - a Fusco arrivando a copiare intere vignette.

(15k)
Ticci, Trevisan, Fusco: una rapida carrellata fra gli ispiratori del brasiliano Wilson Fernandes.

Inoltre, i continui cambiamenti di stile da una vignetta all'altra rendono spesso irriconoscibili i personaggi (soprattutto quando, non ispirandosi a qualcuno in particolare, Fernandes disegna fisionomie francamente improbabili), per non parlare della frammentarietà delle stesse storie, con stacchi talvolta poco comprensibili, personaggi che appaiono e scompaiono in modo casuale e immancabili quanto gratuite "parentesi femminili".

Restano comunque queste due brevi storie (23 pagine l'una) che, nonostante tutto, incuriosiranno certamente gli appassionati italiani. D'altronde non è il primo caso del genere successo all'estero: Sergio Bonelli stesso segnalava, nella posta del n. 380 di Zagor, una "strana" storia dello Spirito con la Scure, pubblicata in Francia nel 1963, "in cui si è ricorso per i disegni a un incredibile collage di figure tratte dagli albi di Tex, ricalcando sbrigativamente i disegni di Galleppini" (in quel caso, comunque, la storia era conosciuta dall'editore, visto che poco oltre Bonelli afferma ancora che "probabilmente, il giorno in cui ha concesso l'autorizzazione a compiere un tale scempio il sottoscritto doveva avere bevuto un bicchiere di troppo...").

(13k)
Colt Miller, apocrifo argentino di Tex
   
Senza dimenticare l'apocrifo argentino Colt Miller, pubblicato dalla Editorial Abril nel 1949 sul settimanale Rayo Rojo e recentemente "restaurato" per la pubblicazione in appendice al volume "Cinquantex", edito da Lo Scarabeo in occasione delle celebrazioni del ranger. In quel caso, tuttavia, si trattò di una vera e propria produzione parallela, realizzata in Argentina dalla Abril, per far fronte alla mancanza di materiale originale (Il Tex di Bonelli e Galleppini, ribattezzato Colt Miller o Colt el justiciero, era infatti pubblicato regolarmente dalla casa editrice sia su Rayo Rojo che sul fratello maggiore Misterix). I testi delle storie argentine di Colt vennero affidati a Julio Almada (pseudonimo di Julio Portas) ed i disegni a Carlos Cruz, i quali, grazie alla loro professionalità, ma soprattutto mantenendosi abbastanza fedeli allo spirito originale della serie, realizzarono un prodotto onesto, senza pretese, ma non privo di fascino.

Insomma, se è vero che il successo di un fumetto si misura anche dai "tentativi di imitazione", non c'è dubbio che Tex sia molto amato anche all'estero... Vi lasciamo quindi alla lettura di queste due "Storie del West a fumetti".

Continua... nella pagina successiva: le storie a fumetti
 
 


 
(c) 1996 uBC all right reserved worldwide
Top
http://www.ubcfumetti.com §