ubcfumetti.com
Indice del SitoNovitÓ !Cerca nel SitoScrivi a uBC
MagazineTexuBC Presenta




Adiˇs G.L.Bonelli



Adiˇs G.L.
30 anni di Tex


Pagine correlate:
Tex
G.L.Bonelli
Tex in Brasile

Adiˇs G.L.Bonelli
di Julio Schneider e Marco Gremignai

La morte di Gian Luigi Bonelli ha avuto ampia risonanza anche in Brasile, nazione nella quale Tex continua ad avere un grande successo: proprio in quest'anno, infatti, si celebrano i 30 anni di "avventure texiane", con la riproposizione della prima, "mitica" storia pubblicata in Brasile ("Il segno del serpente").
Ecco il testo integrale dell'epitaffio apparso sugli albi della Mythos, a firma dell'editore Dorival Vitor Lopes e del nostro collaboratore (nonchÚ traduttore di Tex e Ken Parker) Julio Schneider.

ADIËS, AMIGO
Lutto nel mondo dei fumetti per la morte del creatore di Tex
di Dorival Vitor Lopes e Julio Schneider



cliccare per ingrandire
(nonchÚ per leggere il testo in portoghese)

Si Ŕ spenta lunedý mattina, 12 gennaio 2001, la vita di Giovanni Luigi Bonelli, creatore di Tex e padre di Sergio Bonelli, il pi¨ grande editore europeo di fumetti. Da tempo ricoverato ad Alessandria, "Gianluigi" aveva compiuto 92 anni il 22 dicembre scorso. Con lui ci lascia uno dei grandi miti del fumetto mondiale, legato un fantastico ed ineguagliabile mondo di avventure ed emozioni.
La triste notizia era sulle prime pagine della grande stampa italiana: "Morto il papÓ di Tex Willer". Il cineasta Roberto Benigni e altri grandi nomi dell'arte e della politica hanno sempre venerato Tex ed ora hanno reso omaggio al suo creatore; tra questi Sergio Cofferati, dirigente della CGIL, per il quale "con la scomparsa di Gianluigi Bonelli si chiude un'epoca".
Lo scrittore Umberto Eco ha invece affermato: "Quando Ŕ arrivato Tex ero giÓ uscito dai fumetti, quindi non ha fatto parte della mia infanzia. Ci˛ non toglie nulla alla grandezza di Bonelli, che ha creato un ciclo interminabile con la sua fantasia sfrenata. Un personaggio mitico, come il suo Tex". Renato Gaita, del Messaggero, ha scritto: "Tex Willer Ŕ rimasto senza padre, il West a fumetti non ha pi¨ il suo cantore. Se esiste un Paradiso del West, adesso ci piace immaginarcelo seduto accanto al fuoco di un bivacco con i suoi eroi John Ford e John Wayne. Sullo sfondo la Monument Valley e Fort Apache, mentre al tramonto si levano gli squilli di tromba e da lontano si vede arrivare la diligenza".
Nato a Milano il 22 dicembre 1908, G. L. Bonelli, il Disney italiano, inizia presto la sua carriera letteraria, scrivendo poesie sul Corriere dei Piccoli. Poi pubblica racconti e romanzi avventurosi su riviste popolari e riesce a far conoscere il suo talento come sceneggiatore della famosa rivista Audace, della quale diviene proprietario nel 1940. Finita la Seconda Guerra Mondiale, Bonelli e l'editore Giovanni de Leo lanciano Il Cowboy, un giornalino settimanale sul quale scrive storie western disegnate dai migliori artisti italiani dell'epoca, compreso Aurelio Galleppini - che sarebbe poi diventato suo grande amico e creatore grafico di Tex - insieme al quale ora Bonelli galoppa nelle praterie celesti.


la pubblicitÓ dell'Almanaque 6:
"30 anni di emozioni - Edizione commemorativa dei 30 anni di Tex in Brasile
Due storie in una: 'Il segno del Serpente' e 'La valle dei dinosauri'
Nelle edicole dal 19 gennaio"


 
 


 
(c) 1996 uBC all right reserved worldwide
Top
http://www.ubcfumetti.com §