ubcfumetti.com
Indice del SitoNovità !Cerca nel SitoScrivi a uBC
MagazineRecensioni




" Scorta armata"

In questa pagina:
Testi
Disegni
Globale

Castleman

Pagine correlate:

Due bodyguards contro tutti
recensione di Andrea Bigi

La vendetta è un piatto che va consumato freddo. A ricordarcelo è il malefico colonnello Olivera, che, sfuggito alla giustizia messicana, costringe i due pards a un incarico per loro inedito: fargli da scorta lungo la sua fuga verso gli Stati Uniti. Di mezzo ci sono il figlioletto rapito della bella Conchita, una valigia che sembra piena di diamanti e un'agguerrita schiera di bandoleros. Un'avventura quasi tutta action che chiude definitivamente la vicenda di Chihuahua!



TESTI
Sog. e Sce. Claudio Nizzi    

Nizzi ritorna sugli avvenimenti di Chihuahua! per coinvolgere i due pards in una vicenda il più possibile originale. E in effetti, quella di Tex e Kit costretti nel ruolo di guardaspalle di un loro nemico giurato non è un'idea da buttare. Se non altro regala il pretesto per un'avventura action sulla scia del classico filone texiano "due contro cento", con tutto il campionario di inseguimenti, agguati e assedi, senza che nessuno possa aver qualcosa da ridire.

(13k)
Olivera conduce il gioco
(c) 1998 SBE
   

Detto questo, se il ritmo della storia nel complesso è buono (un'ampia parte introduttiva, comunque ben fatta, e poi il modello "tragico assedio", che cambia location dalla diligenza all'ottima scena dell'agguato sul ponte, fino alla vecchia missione, prima del finale un po' frettoloso) questa volta sono i dialoghi a deludere. Intendiamoci: i duetti Tex-Carson sono godibili come al solito, ci mancherebbe. Ma solo per la parte standard, cioè battute & similia. Per il resto, cioè tutto il parlato che coinvolge i personaggi della storia, ha spesso un che di ridondante, di stiracchiato. In sostanza, anziché dedicare un briciolo di spazio in più all'approfondimento dei personaggi, si ha l'impressione che l'autore voglia spiegare fino alla noia degli avvenimenti che al lettore sono invece già fin troppo chiari. Insomma, il naturale sospetto che quell'autore non sappia effettivamente cosa dire appare abbastanza lecito.

Chiudiamo con un appunto sulla congruenza della trama. Perché Olivera, anche nei momenti più concitati, si tiene sempre stretta la falsa valigia dei diamanti come se contenesse veramente qualcosa di prezioso? A pensarci bene, non ne avrebbe avuto il ben che minimo motivo. Accidenti, forse l'unica spiegazione è che Nizzi doveva far credere a tutti che quella valigetta contenesse davvero i diamanti.



DISEGNI
Ferdinando Fusco    

Fusco, uno dei grandi veterani di Tex, ci è sembrato in buona forma. Del resto, il suo tratto dinamico è particolarmente adatto a questo tipo di vicende: dalla Carica dei Navajos ai Ribelli del Canada il genere "corri & spara" è sempre stato pane per i suoi denti. In più, Conchita è davvero molto bella. Unico neo, il bandito Emiliano Ruiz, che sembra stranamente più vecchio e goffo nella seconda parte della storia.



GLOBALE
 

Le due copertine sono discrete, soprattutto ben colorate. Forse la prima si fa preferire per la sua dinamicità. Nel complesso, una storia gradevole, anche se, come spesso accade, sembrava prevedere sviluppi più interessanti nella prima parte. Tuttavia, a parte i cronici limiti di Nizzi, è comunque un Tex che mantiene una dignitosa linea di galleggiamento.
 

 


 
(c) 1996 uBC all right reserved worldwide
Top
http://www.ubcfumetti.com §