ubcfumetti.com
Indice del SitoNovità !Cerca nel SitoScrivi a uBC
MagazineRecensioni




" Springfield
calibro 58 "


In questa pagina:
Testi
Disegni
Globale

Pagine correlate:

La rivincita dell'uomo con la pistola
recensione di Andrea Bigi

"Quando un uomo col fucile incontra Tex Willer, l'uomo col fucile è già morto!" Così, parafrasando per l'occasione il mitico aforisma di "Per un pugno di dollari", si potrebbe riassumere l'essenza della filosofia texiana. E per comancheros, maliarde e indiani in rivolta non c'è più scampo...



TESTI
Sog. e Sce. Claudio Nizzi    

Iniziamo con la scoperta dell'acqua calda: sì, Tex è vecchio, molto vecchio, e dopo cinquant'anni gli sceneggiatori hanno oramai raccontato tutto quello che potevano raccontare. Lo stesso Nizzi lo ha confermato in più di un'intervista, sostenendo che le avventure del ranger si possono dividere in quattro-cinque grandi categorie, con le minime variazioni del caso.

Ebbene, la prima parte di questa storia è un esempio perfetto dell'omologazione nizziana, la vera depositaria della continuity della saga: un Tex superclassico, che fa rivivere agli appassionati storie già viste e riviste nel corso della serie, naturalmente con "le minime variazioni del caso". Stavolta, l'elemento parzialmente nuovo è dato solamente dall'oggetto del contendere che dà spunto alla vicenda, un carico di carabine scomparso dai tempi della Guerra di Secessione.

C'è anche un'altra verità assolutamente ovvia da ricordare. E cioè che Nizzi non è affatto stupido, ed è ben consapevole dei pregi e dei limiti della sua omologazione. Così, se non sgarra mai sul soggetto, eccolo inserire qua e là qualche chicca nella sceneggiatura per strappare il sorriso al lettore più smaliziato, quello che rischia magari di annoiarsi leggendo una storia che in realtà, su 442 numeri, ha già letto (ma sempre divertendosi!) almeno quindici volte. Chicche, ad esempio, come vedere Tex sbugiardato (per ben due volte in poche pagine, un record!) dal suo vecchio pard.

Eppure, a rileggere il dialogo fra i due ranger mentre sono asserragliati fra le rocce durante il milionesimo agguato della loro carriera, con pallotole maligne che piovono da tutte le parti, un dialogo così "tradizionale", eppure così attuale, così deliziosamente "minimalista", riusciamo ancora a pensare che di quelle chicche non ci sia tutto sommato bisogno.

Nella seconda parte i comancheros vanno incontro alla loro prevedibile fine e l'ingresso della maliarda nella vicenda sembra più un escamotage per allungare il brodo che altro. Insomma, anche la seconda parte si rivela troppo scontata e ripetitiva malgrado i colpi di scena che Nizzi cerca di distribuire qua e là nella sceneggiatura.

"Le primavere sulle spalle dello spremutis-
simo schema narrativo texiano sono davvero troppe"
   

Le primavere sulle spalle dello spremutissimo schema narrativo texiano sono davvero troppe, e per gli autori si pone seriamente il dilemma di escogitare un elisir di vita eterna per il capo bianco dei Navajos. Come? Più i mesi passano e più ci convinciamo che anche i vecchi lettori finiranno per apprezzare il rinnovamento soft alla Boselli, almeno finché il Tex vecchia maniera sarà rappresentato da storie come queste, senza dubbio ben strutturate ma in definitiva senza grandi idee dietro. Per quanto ci riguarda, è dai tempi di "Oklahoma!" che sponsorizziamo volentieri il mitico Berardi di nuovo alle prese con un avventura di Tex.



DISEGNI
Victor De La Fuente    

Bei disegni, non c'è che dire, ma con un imperdonabile difetto, secondo noi: la faccia di Tex non ci è piaciuta assolutamente, è una maschera stanca e senza troppa personalità che solamente nei primi piani riesce a recuperare la consueta verve.

Per il resto, Tex (ma anche Carson) ci ha ricordato (in peggio, però) il Muzzi di tanti anni fa.



GLOBALE
 

Per quanto riguarda le copertine, una prestazione definibile come nella media (!) per un autore di questo livello. Il suo stile potrà anche non fare impazzire tutti quanti, ma il fatto è che i disegni sono sempre perfetti. Quanti sono quelli che si riguardano la copertina dopo aver finito di leggere un albo? Dobbiamo confessare che a noi, con il grande Villa, capita spesso.

Ci aspettavamo qualcosa di più dalla seconda parte della storia (con l'entrata in gioco della maliarda), ma non è comunque il caso di esagerare con le critiche. Beh, magari il lettore di luna storta potrebbe definire quest'ultima fatica di Nizzi come una minestra riscaldata, una vicenda che avrebbe potuto concludersi tranquillamente in un solo albo e che così sembra un po' stiracchiata, ma noi siamo dei fedelissimi, e per di più di buon umore.

Così, preferiremo sempre sederci in poltrona ricordardo i momenti di relax che i due ranger riescono tuttora a regalarci. Non ci credete? Una conclusione troppo "buonista"? Andate a rileggervi la gag dei pards con il cameriere al ristorante (sarà forse la millesima della serie?) e poi non venite a raccontarci che abbiamo torto.
 

 


 
(c) 1996 uBC all right reserved worldwide
Top
http://www.ubcfumetti.com §