ubcfumetti.com
Indice del SitoNovità !Cerca nel SitoScrivi a uBC
DatabaseSchede





  L'uomo dalle quattro dita
Codice: [46] 131pp
Rating:
scheda di Fernando Congedo

    Soggetto/Sceneggiatura:
    Gianluigi Bonelli
    Disegni/Copertina:
    Galep

    Tex Striscia (serie Kansas)
    10 "L'uomo dalle quattro dita" - 32pp - 57.05
    11 "La morte aspetta nel buio" - 32pp - 57.05
    12 "L'enigma delle tracce" - 32pp - 57.05
    13 "Veleno!" - 32pp - 57.06
    14 "Intrighi nell'ombra" - 32pp - 57.06
    15 "La trappola di fuoco" - 32pp - 57.06
    16 "Caccia notturna" - 32pp - 57.06
    17 "Il cerchio si stringe" - 32pp - 57.07
    18 "Un delitto misterioso" - 32pp - 57.07
    19 "Agguato mortale" - 32pp - 57.07
    20 "Luis il meticcio" - 32pp - 57.07
    21 "Partita chiusa" - 32pp - 57.07

    Albo d'oro (5° serie)
    16 (sono riportati i titoli delle striscie) - 32pp - 58.08
    17 (sono riportati i titoli delle striscie) - 32pp - 58.09
    19 (sono riportati i titoli delle striscie) - 32pp - 58.09
    20 (sono riportati i titoli delle striscie) - 32pp - 58.10

    Tex Raccoltina (2°serie o bianca)
    55 "Veleno!" - ~1960
    56 "Partita chiusa" - ~1960

    Tex Gigante 1°serie (o 1/29)
    22 "L'uomo dalle quattro dita" - ~1959
    23 "Tex chiude il conto" - ~1960

    Tex Raccoltina (3°serie o rossa)
    70 "Intrighi nell'ombra" - ~61.11
    71 "Caccia notturna" - ~61.12

    Serie regolare
    32 "La morte aspetta nel buio" - 118pp - 63.06
    33 "La valle tragica" - 13pp - 63.07
    (5k) (5k)

    Tex tre stelle
    ristampa dal 66.10 al 66.11

    TuttoTex
    ristampa 88.07

    Nuova ristampa
    ristampa dal 98.09 al 98.10


In due parole. .

Cedarville. Tex, Carson e Kit sono fatti oggetto di numerosi ed improvvisi attentati, commissionati da un misterioso uomo dalle quattro dita. I pards, coadiuvati da Teo Bartell, il sindaco, e dallo sceriffo, indagano: troppe, insistenti domande attendono risposta. Chi è l'uomo dalle quattro dita? Quale sporco gioco Tex non deve assolutamente scoprire? Di chi ci si può, realmente, fidare?


Note e citazioni

  • Pag.19, n.32, vign.2, Jim Horne, telegrafista di Cedarville. Per buona parte della storia, fino alla sua morte ingloriosa, non adempie all'obbligo che gli è proprio: mantenere il più assoluto riserbo sul contenuto dei messaggi inviati da Tex. L'essere sul libro paga dell'uomo dalle quattro dita, lo spinge a spifferare tutto a quest'ultimo. Deontologia professionale? Zero! Il povero Jim, tuttavia, si riscatta, partim, ai nostri occhi di texiani incalliti fornendoci una preziosa informazione: all'epoca dei fatti narrati, il giovane Kit aveva circa diciassette anni. Anche i cattivi, in fondo in fondo, riescono a fare qualcosa di buono!
  • Pag.21, n.32, vign.1, per chi fosse interessato a conoscere i meccanismi che regolavano la stragrande maggioranza dei rapporti di amicizia nel West, rivolgersi al signor Red Merril, autore del celebre "De amicitia inter pravos". Con una frase riuscitissima e di disarmante attualità, G.L.Bonelli definisce l'amicizia negli ambienti della malavita: un qualcosa che, lontano anni luce da ogni parvenza di nobile e sincero sentimento, si manifesta come un reciproco, comodo sfruttarsi, pronto a trasformarsi in un perverso gioco di tutti contro tutti non appena il dio denaro proietta la sua ombra sul terreno di gara.
  • Pag.22, n.32, vign.4, Kit Willer, anni diciassette, circa: campione con la Colt, cavallerizzo provetto, segugio dall'olfatto finissimo ed infallibile. Però... Sì, c'è un però! Non ha ancora quella che si definisce "maggiore età": di conseguenza, Tex, padre premuroso, ordina per lui solo una innocua birra; per sè e Carson, tetragoni ai colpi di ventura, ecco, invece, pronti due bei bicchieri di whisky.
  • Pag.29, n.32, vign.4, quindici giorni: questo il tempo che, secondo il dottore, sarà necessario a Carson, ferito in uno scontro a fuoco con dei malviventi, per rimettersi completamente. Pag.59, n.32, vign.2, non sono trascorse nemmeno ventiquattro ore che i giorni di prognosi quasi si dimezzano, diventando otto; pag.95, n.32, vign.4, il miracolo continua: altro giro della Terra su se stessa e da otto si passa a due! Pag.108, n.32, vign.6, altre dodici ore et voilà: Carson back in action! Potenze del Fumetto!
  • Pag.30, n.32, vign.5, se qualcuno, ancora, si chiede come mai Carson si sia procurato la fama di menagramo e quanto, in ogni caso, questa sia meritata, può avere risposta leggendo la frase che l'anziano ranger pronuncia in questa vignetta. Con annessa adeguata faccia da funerale, Carson annuncia a Tex "altre sorprese": non trascorrono neppure cinque minuti che Tex ed il figlio rischiano di rimanere vittime dell'agguato tesogli da Red Merril. Cassandra? Al confronto, una dilettante!
  • Protagonista assoluto dell'intera vicenda è, senza ombra di dubbio, Kit Willer, capace di rubare la scena al famoso padre in quasi tutte le situazioni cardine della storia.
    Pag.47, n.32, il giovane pard ricorre, ingegnosamente, al dialetto navajo per poter comunicare con Tex senza essere capito da Steven e dai suoi uomini: poco dopo ( pag.64, n.32, vign.3 ), anche Tex farà uso del medesimo stratagemma.
    Pagg.49-50, n.32, Kit, caparbio, riesce a risolvere brillantemente l'enigma delle tracce lasciate da Merril, capaci di mettere in crisi un segugio di prim'ordine come Tex.
    Pagg.55-57, n.32, rilevando la presenza dell'acido prussico nel whisky bevuto dal povero Sam, Kit ne spiega l'improvvisa morte; inoltre, dimostra al padre l'assoluta estraneità di Tom Fynn alla sporca faccenda.
    Pagg.105-106, n.32, un Kit in forma smagliante svela anche il mistero della repentina scomparsa dell'assassino del telegrafista.
    Pagg.6-7, n.33, con un'azione rapida e coraggiosa, il giovane sblocca la situazione di stallo venutasi a creare tra i suoi pards ed i banditi, consentendo ai primi di avere la meglio con relativa facilità.
  • Pagg.53-54, n.32, per la serie "eroe per caso", ecco Sam, il vecchio ubriacone che, inconsapevolmente, salva la vita a Tex, bevendo, al posto suo, il whisky avvelenato. Un personaggio, rectius, una comparsa che, in quanto tale, è destinata a scivolare lentamente nelle zone d'ombra della nostra memoria; tuttavia, per quegli strani ed indecifrabili arabeschi del destino, eccolo trasformarsi in assoluto, quanto sfortunato protagonista, prendendo il posto del ranger accanto alla Nera Signora sul treno senza ritorno che percorre l'ultimo tratto della vita di un uomo. Immortale.
  • Pagg.55-57, n.32, se Tex è il Fumetto ed il Fumetto è Cultura, allora Tex è Cultura, direbbe un compiaciuto Aristotele. Cultura, sì, perchè, leggendo le avventure dell' amato ranger, non si finisce mai di apprendere. Nutrimento per la fantasia, dunque, ma, perchè no, anche nuovi oggetti per il nostro bagaglio della conoscenza. Nell'occasione, veniamo a sapere che l'acido prussico, potente veleno, si contraddistingue per il suo forte odore di mandorle amare. Ed ora non venitemi a raccontare che lo sapevate già! ;-)
  • Pag.58, n.32, vign.4, continua il periodo nero di Tex: dopo la gaffe clamorosa commessa nella storia precedente ( vedi note TX 31/32 ), il ranger utilizza ancora pregiudizi e schemi mentali che non reggono alla prova dei fatti. Leggete, per conferma, la frase che pronuncia. Visto? Strano che l'esperienza maturata non gli abbia insegnato che non c'è posizione sociale che tenga quando impera l'avidità di denaro!
  • Pagg.74-75, n.32, Tex non in grandissimo spolvero, si diceva. E quanto detto trova conferma nel fatto che egli, dopo aver parlato tanto ( pagg.70-73, n.32 ) della necessità di prendere sempre anche più precauzioni del dovuto, commette il banale errore di entrare a colpo sicuro nella distilleria, senza prima aver verificato l'assenza di eventuali sentinelle. Ma, si sa, errare humanum est...
  • Pagg.104-105, n.32, il dottore dimostra che Jim Horne è stato assassinato. Le sue teorie sono valide ( ed anche su questo ci sarebbe da discutere ) presumendo che il grilletto sia schiacciato con l'indice; non lo sono se, in un'ipotesi del tutto teorica, il dito utilizzato è il pollice.
  • Curioso e strano nello stesso tempo: dello sceriffo di Cedarville, che compare, sia pur brevemente, anche nella storia precedente ( vedi Tx 31/32 ), non ci viene fornito nè il nome nè il cognome. Gli spetta, di diritto, l'oscar come miglior attore non protagonista: in tutti i sensi!
  • Un particolare della sceneggiatura consente al lettore attento di intuire con netto anticipo la vera identità dell'uomo dalle quattro dita: questi e Teo Bartell, infatti, hanno scarpe assolutamente identiche ( pag.18, n.32, vign.2 e pag.63, n.32, vign.3 ).
  • Quanto mai azzeccato il titolo della storia: il buio, infatti, fa da filo conduttore dell'intera vicenda, presentandosi come continua fonte di pericoli ed insidie di ogni genere.
Incongruenze
  • Pag.16, n.32, vign.3-4, in queste due vignette, il cappello di Red Merril, originariamente nero, diventa, d'incanto, bianco.
  • Pag.20, n.32, vign.6, Jim Horne, bocciato in anatomia! Afferma che la mano destra del suo "misterioso" capo manca dell'intero indice. Pag.18, n.32, vign.6, come si può chiaramente vedere, l'uomo in nero ha ancora la falange. Per cui: diamo a Cesare quel ( poco ) che è di Cesare!
  • Pag.21, n.32, vign.6, il cartellone che pubblicizza la cantante Bessie Belle è decisamente più grande di quello visto nella vignetta precedente.
  • Pag.39, n.32, vign.1, la didascalia recita: "Tex... spinge la porta...". In realtà, Tex, entrando nella stanza di Kit, non la spinge, ma, aprendosi quella verso l'esterno, la tira a sè.
  • Pag.41, n.32, vign.4, la scaletta che conduce alla porta dell'ufficio dello sceriffo non compare in precedenza ( pag.40, n.32, vign.6 ).
  • Pag.60, n.32, vign.3, il camino fasullo è diverso da quello di pag.17, n.32, vign.2.
  • Pag.72, n.32, Tex ed il figlio si trovano in una situazione in cui la libertà di movimento è essenziale per la riuscita del loro piano: di conseguenza, è quantomeno strano che abbiano portato con sè addirittura due binocoli, tenuti entrambi, tra l'altro, da Kit.
  • Pag.77, n.32, vign.4, da dove spuntano i guanti che Tex indossa solo in questa vignetta?
  • Pag.121, n.32, vign.2, non ci sono più le sbarre alle finestre dell'ufficio dello sceriffo ( pag.41, n.32, vign.4 ).
  • Quando la filosofia trova concreta attuazione nella realtà: ecco il celeberrimo panta rei di Eraclito applicato da Galep alla facciata del "Nebraska Saloon", alle prese con un continuo divenire ( pag.57, n.32, vign.6; pag.59, n.32, vign.3; pag.97, n.32, vign.4; pag.112, n.32, vign.5 ).
  • In perfetta simbiosi con la filosofia eraclitea, muta costantemente la sua struttura anche il mobile porta-liquori collocato dietro il banco del "Nebraska Saloon" ( pag.14, n.32, vign.4; pag.52, n.32, vign.5; pag.56, n.32, vign.1 ).
La frase
  • Tex ( al figlio Kit ) n.32 pag.68:
    " Che tu sappia seguire con estrema abilità una traccia, cavalcare come un indiano e sparare come un campione, sono bellissime cose, ma è altrettanto importante che tu sappia anche usare il cervello. "

Personaggi

Tex Carson Kit Dinamite Sam [+] vecchio ubriacone che salva la vita a Tex Bartell, Teo sindaco di Cedarville alias uomo dalle quattro dita Steven [+] soprastante del ranch di Bartell Luis [+] meticcio al servizio del sindaco Horne, Jim [+] telegrafista Fynn, Tom [+] barista del "Nebraska Saloon" Merril, Red fuorilegge

Locations

Colorado Cedarville Ranch di Teo Bartell baracca di Gillet

Elementi

Attentati Filo spinato Piccione viaggiatore Dialetto navajo Passaggio segreto Identità segreta Veleno Distilleria clandestina Incendio Finto suicidio Dinamite Guanto con dito articolabile di legno

 

 


 
(c) 1996 uBC all right reserved worldwide
Top
http://www.ubcfumetti.com §