Salta direttamente al contenuto

Prezzo dell'odio, Il

Apaches “buoni” braccati da un ranchero bramoso di terra
Scheda di  |   | tex/


Prezzo dell'odio, Il
IT-TX-m19b


uBCode: ubcdbIT-TX-m19b

Prezzo dell'odio, Il
- Trama

Tex e Carson raggiungono il covo di una banda di giovani Apaches ribellatisi alle provocazioni di Reynolds, un ricco uomo d’affari che vuole le terre dei Jicarilla e che ha fatto massacrare una famiglia di coloni, attribuendone la colpa agli Apaches. Dopo avere sconfitto gli uomini di Reynolds guidati da Foster e dal rinnegato Chango, Tex e Carson, insieme agli Apaches ingiustamente accusati, si recano al ranch di Reynolds, dove Tex costringe Reynolds a rendere piena confessione.

Valutazione

ideazione/soggetto
 2/7 
sceneggiatura/dialoghi
 2/7 
disegni/colori/lettering
 4/7 
data pubblicazione Ott 2015
testi (soggetto e sceneg.) di ubcdbTito Faraci
copertina di ubcdbClaudio Villa
disegni (matite e chine) di ubcdbJosé Ortiz
copertine
Maxi Tex 19<br>copertina di Claudio Villa<br><i>(c) 2015 Sergio Bonelli Editore</i>
tavole o vignette
Adios, José!<br>Maxi Tex 19, pag.322 - Tavola di José Ortiz<br><i>(c) 2015 Sergio Bonelli Editore</i>

Annotazioni

Note e citazioni

  • Con questa storia il disegnatore spagnolo José Ortiz, deceduto il 23 dicembre 2013, dà il suo addio a Tex. L’ultima storia della serie regolare disegnata da Ortiz è stata L’indomabile n.643-644 su testi di Mauro Boselli. Ortiz aveva esordito su Tex nel 1993 con il Texone intitolato La grande rapina n.g6, sceneggiato da Claudio Nizzi.
  • Questa storia è la seconda delle due contenute nel diciannovesimo Maxi, entrambe sceneggiate da Tito Faraci. Il titolo della prima storia è La rabbia di Rick Melville Maxi Tex n.19a ed è disegnata da Ugolino Cossu. L’unico altro Maxi che ha contravvenuto alla regola di presentare "una storia completa e inedita" è I due volti della vendetta Maxi Tex n.3 di Antonio Segura e Miguel Angel Repetto.
  • Questo è il terzo Maxi sceneggiato da Tito Faraci dopo La belva umana Maxi Tex n.14 e la La legge di Starker Maxi Tex n.16. Faraci ha inoltre finora realizzato otto storie per la serie regolare (l’ultima è Nodo scorsoio n.656-657), due Almanacchi (Il ciarlatano Almanacco del West 2012 e I rapitori Almanacco del West 2014) e la storia breve dal titolo L’uomo sbagliato pubblicata nel Color Tex 4.
  • Nella scena iniziale Henry Collins, non riuscendo a dormire, esce di casa e si fuma una sigaretta - l’ultima - visto che poco dopo viene colpito da una freccia indiana (pag.164-166). È l’unica sigaretta che si vede nella storia, così come ne La rabbia di Rick Melville (cit.) l’unica sigaretta era quella offerta da Tex al furfante Jeff Burton, in punto di morte. L’unica storia di Faraci in cui abbiamo visto Tex con una sigaretta in bocca è stata La legge di Starker (cit.).
  • Se ne La rabbia di Rick Melville Tex cominciava ad indagare sulla base della confessione di un uomo morente, qui Tex viene coinvolto nella vicenda per esaudire "l’ultima richiesta di un amico in punto di morte" ossia il capo Piccolo Corvo (pag.179-184).
  • Nella scena a pag.167-170 Tex doma un cavallo nero, probabile citazione da Figlio del vento Maxi Tex n.7 di Claudio Nizzi e Roberto Diso (pag.149, 161-163). Un cavallo nero veniva domato anche in Nodo scorsoio (cit.) da parte di Richard Trevor (pag.62-66 del n.656).
  • Anche in questa storia è presente un cattivo faraciano provvisto di ghigno. Dopo i più recenti, ossia Jack Sedgwick lo sgherro agli ordini del ranchero Leonard Herbert (La rabbia di Rick Melville, cit.) e Richard Trevor, l’uomo che si occupava di certi "lavoretti" per conto di Stanley Raymond (Nodo scorsoio, cit.), ecco Bart Foster assoldato da Reynolds (pag.174), ghignante pure lui (pag.196).
  • A pag.188-189 la scena in cui Reynolds solleva da solo il carro sotto il quale è rimasto intrappolato Sammy potrebbe essere una citazione da I miserabili di Victor Hugo.
  • Reynolds non ha una figlia bionda innamorata del giovane ingiustamente accusato come Leonard Herbert (La rabbia di Rick Melville, cit.) e Stanley Raymond (Nodo scorsoio, cit.), ma è anche lui un ricco proprietario terriero che vuole impossessarsi della terra dei suoi vicini (cfr. pag.216-220 con pag.153 de La rabbia di Rick Melville e pag.17-20,105 di L’assassino nell’ombra n.657, numero conclusivo di Nodo scorsoio).
  • La scena in cui Tex e Carson, incontrati Foster e i suoi uomini, hanno con loro un piccolo diverbio per poi proseguire tutti sulla rispettiva strada (pag.205-209) è simile a quella de La rabbia di Rick Melville (cit., pag.117-123) con protagonisti Dan Grimm e i suoi agenti.
  • Per avere coperto lui e i suoi uomini di ridicolo in occasione del confronto con Tex e Carson, Morton si prende una randellata da Foster, che per l’occasione estrae il fucile - pur avendo la colt a portata di mano - e colpisce Morton con il calcio (pag.210-211). Anche Puma Nero cerca di colpire Chango usando il fucile come clava, e anche in questo caso non si capisce bene perché, visto che stava già impugnando correttamente il Winchester e l’intenzione era chiaramente quella di uccidere l’avversario («Ti uccido, cane!», pag.310).
  • Dopo il serpente a sonagli che spaventa il cavallo di Tex e fa fare un ruzzolone a cavallo e cavaliere (e che costringe Tex ad uccidere il suo cavallo azzoppato, mentre il serpente se la cava, pag.106-109 de La rabbia di Rick Melville, cit.), in questa storia troviamo altri esemplari della natura selvaggia ossia un lupo a caccia di carne umana (pag.198-200) e il puma ucciso da Giovane Bisonte (pag.256-257).
  • Dopo avere per primo abbassato la colt per indurre Rick Melville a parlare "meglio" (La rabbia di Rick Melville, cit., pag.59), Tex lascia cadere il fucile di fronte al giovane Apache che lo aveva riconosciuto come "un amico" del suo popolo, ma gli aveva contestato che "un amico non ti minaccia con un fucile" pag.227-228).
  • L’ordine dato da Puma Nero "di abbandonare tutte le antiche armi" e di "usare quelle nuove... le stesse dei nostri nemici" (Giovane Bisonte, pag.257), ordine ribadito a pag.262, sembra avere senso solo nella misura in cui permette a Tex di capire che "è in atto una macchinazione" ai danni degli Apaches, visto che Collins è stato ucciso da una freccia (pag.202, 263).
  • Nella scena a pag.312-322 Tex non ha nessuna prova per sostenere le sue accuse contro Reynolds, tantomeno alcun testimone (cfr. pag.304 e 311) e ci aspettavamo che Reynolds giocasse tali carte vincenti a suo favore o che Tex bluffasse, come gli abbiamo visto fare in altre occasioni, per indurre l’avversario a scoprirsi. Né l’uno, né l’altro. Dopo una "lisciata alle piume" consistente in soli tre cazzotti, Reynolds rende piena confessione.

Incongruenze

  • Benché l’albo contenga due storie complete e inedite, la copertina riporta, all’interno del riquadro con il logo, la scritta "Una storia completa e inedita". La copertina presente nel sito della Sergio Bonelli Editore riporta la dicitura "Due storie complete e inedite" (cfr. Maxi Tex 19), quindi si dovrebbe arguire che in edicola siano state distribuite entrambe le versioni.
  • Queste sono le "teste calde" Apaches pronte "alla guerra" (pag.181-182) più strane mai apparse sulle pagine di Tex: Piccolo Corvo assicura che i giovani guerrieri riunitisi in una banda «Avevano detto che le loro mani non si sarebbero sporcate di sangue innocente... che avrebbero solo reagito a violenze ...» (pag.182); Giovane Bisonte rassicura Carson sul fatto che se avessero visto lui e gli altri passare, avrebbe sparato «Ma solo per spaventarvi e costringervi a fermarvi! Non per uccidervi.» (pag. 232); Cervo Veloce vuole "evitare di coinvolgere degli innocenti" e "vivere in pace" con i bianchi (pag.235), seguendo forse l’esempio dello zio Piccolo Corvo, che si era presentato da Reynolds con un’"offerta di pace", ricevendo "soltanto risate di scherno, insulti e... minacce", ma che se n’era andato perché "non voleva che fosse versato del sangue" (pag.309); Cuore di Tuono loda la saggezza, il coraggio e la forza di Tex perché ... si è infilato nel fiume per confondere le tracce!? (pag.248).
  • È ben strano anche il comportamento di Tex e Carson, che si preoccupano che gli Apaches non si espongano, stiano "ben nascosti" e "al riparo" (pag. 267, 277, 278, 279, 285).
  • Ancora più strano è il comportamento di Reynolds, il quale avrebbe "incaricato Foster di occuparsi di togliere di mezzo quegli indiani" allo scopo di "guadagnare prestigio e potere presso la cittadinanza di Sandriver, oltre a seppellire per sempre la verità" (pag.320). La motivazione ci sembra di minimo inconsistente in quanto, prima di dare l’incarico a Foster - che Tex affronta successivamente, scoprendo tutta la macchinazione - non vi erano né sospetti, né tantomeno prove che conducessero a Reynolds, il quale completa l’opera di autoflagellazione confessando le sue malefatte a Tex, preferendo forse finire sul patibolo piuttosto che prendersi un quarto cazzotto (pag.318-320).

Frase

  • Carson: «Sembra che tu abbia una gran fretta di andare a prendere lezioni d’arpa su una comoda nuvoletta!»
    Tex: «Tranquillo. Non dovremo salire così in alto.»
    Pag.287

Personaggi

Tex, Carson Henry Collins [+] ranchero assassinato Sally [+] moglie di Henry Cuore di Tuono Apache Jicarilla che affianca Tex e Carson Piccolo Corvo vecchio capo tribù Apache Jicarilla Cervo Veloce nipote di Piccolo Corvo Puma Nero capo di un gruppo di Apaches ribelli Vento d’Inverno [+] Apache catturato da Carson Giovane Bisonte [+] Apache che uccide il puma Lupo Rosso [+] guerriero apache Lobito [+] Apache traditore ucciso da Chango Reynolds ranchero che ha fatto massacrare la famiglia Collins, incolpandone gli Apaches Bart Foster [+] guida gli uomini ingaggiati da Reynolds per eliminare gli Apaches Chango [+] guida apache di Foster Sammy lavorante per Reynolds Morton, Rob, Liam [+] uomini di Foster

Locations

ranch di Collins, Arizona settentrionale Sandriver Mirror Canyon altrimenti detto "Tana del crotalo" ranch di Reynolds ai margini del Deserto Dipinto

Elementi

potente avido di terra famiglia massacrata per incolpare gli Apaches guerrieri Apaches ingiustamente accusati scontri a fuoco confessione del cattivo

Condividi questa pagina...