ubcfumetti.com
Indice del SitoNovità !Cerca nel SitoScrivi a uBC
DatabasePersonaggiSchede




Scheda personaggio
Primo Piano
Index
Biografia

  Saint Just
Creato da: Riyoko Ikeda
Unica apparizione: Caro fratello, 1975
scheda di Martina Galea

Primo Piano

...cara, poiché i tuoi occhi \ color del cielo, \ poiché la tua voce, strana \ visione che sconvolge \ e turba l'orizzonte \ della mia ragione, \ poiché l'aroma insigne \ del tuo pallore di cigno, \ poiché il candore \ del tuo odore, \ ah! poiché tutto il tuo essere, \ musica penetrante, \ nimbi d'angeli morti, \ toni e profumi, \ ha, con alme cadenze, \ in sue corrispondenze \ indotto il mio cuore sottile, \ così sia!

Paul Verlaine, da A Climene


Rei Asaka, soprannominata Saint Just, è la figura più affascinante all'interno di Caro fratello. Esteriormente ricorda Lady Oscar, la figlia più famosa della Ikeda: entrambe bionde, longilinee, androgine. Il lato maschile prevale in entrambe le ragazze, al punto che Nanako dice di sentire sempre un odore maschile al passaggio di Rei.

Ma è il carattere di Saint-Just che la diversifica da Oscar, e che riesce a conquistare il lettore. Rei è indolente: la vita non conta nulla per lei, le sensazioni esterne non la toccano, le medicine sono una droga che alleviano i dolori spirituali e permettono di sopportare i ricordi.
La Ikeda è magistrale nel rendere i suoi sguardi persi nel vuoto, spenti, i gesti lenti, la postura abbandonata.

(8k) (11k)
Due intense espressioni di Rei
(c) 1975 Riyoko Ikeda
   
 
Ma Rei sa essere anche freddamente passionale: il morboso legame di odio/amore che la lega alla sorella la agita internamente e la porta a gesti meditati ma che rasentano la follia: lanciare ripetutamente il coltello, con precisione maniacale, contro la sagoma di Lady Miya. Indossare sempre il bracciale, e reagire con violenza se si tenta di toglierle questo feticcio. Avere come unica confidente una bambola, dono della sorella. Questi sono tutti gesti che indicano lo spirito tormentato che caratterizza la ragazza; Saint-Just è ossessionata da Fukiko e dal suo passato, è psicologicamente debole e sottomessa, in presenza della sorella, e gelidamente rabbiosa in sua assenza, sebbene si tratti di una rabbia spenta, ricoperta dall'ombra degli psicofarmaci e dall'apatia.

Tuttavia, Rei Asaka sa anche essere vitale: per un breve periodo, Saint-Just si allontana dalle medicine e dall'alone di morte che la domina e si apre alla vita. E qui la Ikeda conferma la sua bravura: nella partita di basket, apice del "ritorno nel mondo " di Rei, lo sguardo torna vivace, ironico, concentrato, i gesti rapidi. E' solo una parentesi, certo, ma mostra l'incredibile sfaccettatura di questo personaggio così complesso.

Saint-Just rappresenta il vertice del triangolo di protagonisti del manga: Nanako resta in disparte, e osserva le azioni di Lady Miya, il secondo vertice, e Kaoru, il terzo. Ciascuna delle tre figure rappresenta un aspetto della vita che Nanako è costretta ad imparare nel suo intensissimo primo anno al Seiran.

Rei è quella che la turba maggiormente, proprio per la mancanza di definizione, per il suo essere così sfuggente: lei è un "demone che parla con aspetto divino", lei è una teppista, una sportiva, un'amica, un'amante. Rei è tutto questo e altro ancora. E la morte è l'ombra che la segue sempre e vela i suoi occhi. Descrivere e capire Saint-Just è davvero difficile: la Ikeda non ha solo creato un personaggio, bensì ha dato vita ad una donna inaccessibile e perturbante.


Index Personale

Caro fratello 1975| Caro fratello, di Riyoko Ikeda

 



(20k)
Rei Asaka
(c) 1975 Riyoko Ikeda
   
 
Biografia

1958| Presumiamo che questa sia la data di nascita di Rei: nel 1975, anno in cui si svolge la storia, Rei ha 17 anni.

Rei Asaka nasce da una relazione illecita tra il ricco padre, il signor Ichinomiya, e una domestica. Al contrario della sorella Fukiko, viene affidata alla madre, e, alla morte di quest'ultima, si ritrova a vivere da sola. Un'eventuale convivenza con la sua famiglia è esclusa: l'orgogliosa Lady Miya non potrebbe mai abitare sotto lo stesso tetto con la figlia dell'amante.

E' proprio Fukiko a segnare tragicamente la vita di Rei: facendo leva sulla sconfinata ammirazione che Saint-Just prova per lei, Fukiko la ferisce sul polso, rischiando di ucciderla, e poi la induce a iscriversi all'istituto Seiran, per poterla angariare meglio.

La sua unica vera amica, prima dell'arrivo di Nanako, è Kaoru, alla quale ha rivelato i segreti legati al suo rapporto con Fukiko, e della quale, a sua volta, conosce la misteriosa malattia.

1975| Verso la fine di un anno scolastico particolarmente intenso, Rei Asaka si toglie la vita. Venire a conoscenza del fatto che Fukiko la disprezza e la considera inferiore fa cadere le ultime resistenze della ragazza che decide di suicidarsi, nonostante l'amicizia di Nanako, che pareva aver ridato un pò di vitalità alla tormentata Rei.
 

 


 
(c) 1996 uBC all right reserved worldwide
Top
http://www.ubcfumetti.com §