ubcfumetti.com
Indice del SitoNovità !Cerca nel SitoScrivi a uBC
DatabasePersonaggiSchede




Scheda personaggio
Primo Piano
Index
Biografia

  Rafferty
Creato da Michele Medda
Prima apparizione: 1991
scheda di Marco Zucchi

Primo Piano

... servire la legge e proteggere gli innocenti...

... questo è il lavoro del poliziotto e qualcuno deve pur farlo.

In questa semplice, ma altamente significativa frase, c'è tutta la filosofia di vita e di lavoro del sergente Rafferty, l'uomo che prima di Abraham Reginald King, insegnò a Nick Raider i rudimenti della carriera di poliziotto.

L'incontro con il sergente Raf non avviene tra l'altro lungo le strade di New York o in qualche altra città statunitense, avviene lontano dagli States, in Vietnam, a Saigon per la precisione. È infatti nel 1971 che un giovane Nick giunge in Vietnam, quando ormai la guerra intrapresa dagli Stati Uniti volge al termine, e prende servizio presso il Criminal Investigation Department, il servizio di polizia non militare istituito in terra asiatica.

Rafferty è un uomo concreto, reso duro dalle asprezze della guerra, dalla realtà in cui è costretto a vivere, dalla difficoltà di capire quello che sta succedendo intorno a lui.
È conscio delle difficoltà del fare il mestiere di poliziotto in Vietnam, dove la polizia conta meno di una pulce sulla schiena di un elefante; è conscio della realtà costituita da Saigon, città che non ha nulla da invidiare alla giungla dove i soldati, e non solo loro, muoiono non si sa bene per cosa. Arriva persino a paragonare questa città alle città statunitensi degli anni venti, in primis Chicago, dove quattro cinque grosse bande si spartiscono il discorso della prostituzione, del gioco d'azzardo e dell'estorsione.

Una delle prime informazioni, pillole di saggezza, che fornirà a Nick sarà quella che per fare il poliziotto non ci vogliono cellule grigie, ma solo un testa dura, un poco d'intuito e soprattutto buone gambe.
Insegnamenti che opportunamente filtrati Nick farà propri.

Raf è un uomo provato, stanco della realtà, che cerca di crearsi qualcosa di alternativo, come coltivare l'amicizia con una ragazza vietnamita, Lahn, domandandosi cosa farà quando la guerra sarà finita: porterà Lahn negli Stati Uniti? Cosa può offrirle come poliziotto?

(7k)
Rafferty,
disegno di Fiorentini & Sgattoni
(c) 1991 SBE
   
Domande che non avranno mai una risposta in quanto Raf rimane mortalmente ferito in uno scontro a fuoco, mentre cerca di parlare con un militare per fare luce su una serie di delitti avventuti a Saigon.

Ma cosa aveva spinto Rafferty ad entrare in polizia? Come lui stesso racconta, inizialmente fare lo sbirro era eccitante. Ti alzi la mattina senza sapere mai cosa ti riserverà la giornata... poi arrivano le vittime, ti accorgi che esistono.
Per giudici ed assistenti sociali i criminali devono essere reinseriti nella società, ma delle vittime chi si preoccupa più? Nessuno, se non il poliziotto che vede cosa resta di un corpo dopo una settimana a bagno nelle acque dell'Hudson, o dopo la caduta dal venticinquesimo piano di un grattacielo...

Solo allora ci si accorge che la gente soffre, ha bisogno di esser difesa, perché esistono persone capace di fare del male al loro prossimo ed il compito del poliziotto è impedire ciò o, se non ci si riesce, almeno assicurare queste persone alla giustizia.

Medda descrive una figura di poliziotto triste, ma pienamente calato nella realtà. In alcune pagine, quelle iniziali, riesce inoltre a ricordarci il problema del reinserimento dei reduci dal Vietnam nel loro paese, quello che li ha portati ad una guerra ingiusta, senza un fine, il cui unico risultato è stato quello di rendere tanti soldati che hanno combattuto per la patria, degli estranei per la loro stessa patria.

Sicuramente tanto di quello che Raf è riuscito ad insegnare al giovane poliziotto, lo ritroviamo in un Nick più maturo, temprato da quell'esperienza, che oltre a lasciargli diversi input di vita, gli ha lasciato anche la sahariana che tipicamente il nostro usa, abbigliamento destinato a Raf, che una morte prematura gli ha impedito di utilizzare.


Index Personale

Nick Raider 1991| 33 Saigon (M.Medda / Fiorentini & Sgattoni)

 


Biografia

33| Cosa hanno in comune la barbara uccisione di due prostitute vietnamite, una uccisa a Saigon ed una a New York, a venti anni di distanza l'una dall'altra? Apparentemente nulla, ma ragionando qualcosa si trova.

Nel 1971 a Saigon viene barbaramente uccisa Nguyen Kuay, seguita qualche giorno, da Thuy Hoa, eliminata con la stessa tecnica.
Un giovane Nick Raider indaga insieme al sergete Rafferty del Criminal Investigation Department sul caso, concentrando la propria attenzione, grazie ad un mostrina rinvenuta sul luogo del primo delittto, sui tre colonnelli che erano a Saigon la sera dell'uccisione di Nguyen: il colonnello Kilgore, pervertito ed alcolizzato, il colonnello Kurtz, apparentemente la reincarnazione del generale Patton, ed il colonnello Barnes, caratterizzato da forti segni di squilibrio.

Mentre l'indagine prosegue, sul luogo del secondo delitto viene ritrovato un accendino con le iniziali R.C., ovvero Robert Cimino, un ufficiale colpevole cinque anni prima dello sterminio di un villaggio sulle rive del fiume Mekong.
Si scatena la caccia a Cimino, che riesce ad uccidere Rafferty e scompare, dichiarato morto, a seguito di un attacco dei vietnamiti.
Anche Nick viene ferito e quando si riprende rimpatriato, lasciando l'indagine incompiuta.

Venti anni dopo un delitto analogo viene commesso a New York, al numero 450 di Mercy Street, negli Slum di New York: la vittima è una diciannovenne vietnamita di nome Mary Wang.
Forte degli insegnamenti di Rafferty, di cui ha raccontato a Marvin, Nick decide che la coincidenza è troppo forte: dallo studio delle impronte digitali rinvenute, confrontate con quelle dell'esercito, si trova il colpevole di tutti i delitti, l'attuale generale Kurtz, il quale a suo tempo aveva cercato di sviare le indagini facendo ricadere i sospetti su Cimino.

Kurtz riconoscerà le proprie colpe, ma non il proprio squlibrio (Mary è la figlia di Nguyen), accetterà l'arresto, cercando disperatamente di evitare il carcere buttandosi da una terrazza.
Ma gli mancherà il fegato, quel fegato che l'aveva portato a quelle barbare uccisioni.


 

 


 
(c) 1996 uBC all right reserved worldwide
Top
http://www.ubcfumetti.com §