ubcfumetti.com
Indice del SitoNovità !Cerca nel SitoScrivi a uBC
DatabaseSchede





Pagine correlate:

  Lo strangolatore
Codice: [31] 94pp
Rating:
scheda di Sabrina Mancosu

    Soggetto/Sceneggiatura:
    Carlo Ambrosini
    Disegni/Copertina:
    Giulio Camagni / Carlo Ambrosini
    Lettering:
    Erika Bendazzoli

    SERIE REGOLARE
    n.31 "Lo strangolatore" - 94pp - 02.09/10
    (5k)


In due parole. .

Dimenticata dentro un vecchio portagioie, ricompare, all'improvviso, nella vita di Napoleone una pietra preziosa, scalzata, in un tempo lontano, da un vecchio monile; il giovane, nipote di un generale dai trascorsi coloniali in India è rapito; e Napoleone si trova ad indagare con Boulet su una serie di omicidi rituali.


Note e citazioni

  • Sicuramente non casuale la scelta di rappresentare, nella vignetta 1 a pag.11, Scintillone, Caliendo e Lucrezia accanto ad una statuetta raffigurante la dea Kalì, divinità la cui presenza aleggerà poi sull'intera narrazione.
  • Periodo di grande splendore culturale, l'epoca gupta, cui è ricondotto il monile di Kabuk, assume il nome del fondatore della dinastia indiana (Gupta appunto) che regnò sul bacino del Gange e su gran parte dell'India orientale tra il IV e il VI sec. d.C.
  • David Hockey, rappresentato nel poster appeso in camera di Michel, pag.17 vignetta 1, è un pittore britannico, esponente della pop art.
  • Divinità femminile indiana, Kalì incarna, nella mitologia indù, il lato oscuro, crudele, sanguinario, punitivo della dea Durga, figura, al contrario, dai tratti positivi: creatrice, generosa, giusta e sposa del dio Shiva. Il suo nome è associato, abitualmente, alla setta dei tughs di cui era divinità protettrice e ispiratrice.
  • Thug, (o anche phansing) in indi, ingannatore. È il termine che identifica gli appartenenti ad una setta di cui a lungo si è messa in discussione non solo la reale esistenza storica ma anche la sua finalità: setta religiosa o organizzazione criminale? In realtà, il nome thug è attestato fin dal XIII sec. sebbene, pare, la setta sia stata particolarmente attiva nel XVIII e XIX sec. Gli storiografi sono, inoltre, propensi a concordare sull'origine religiosa. Non è escluso che successivamente l'aspetto devozionale sia andato perduto.
  • William Sleeman (1788-1856) è l'ufficiale inglese cui fu affidata l'opera di repressione dei thugs messi fuori legge dal governo Bendick. Profondo conoscitore della setta decifrò parte del linguaggio segreto, ramasee, che gli adepti usavano per comunicare. Fu anche fra i primi divulgatori della loro storia in occidente con una lettera pubblicata anonima sull'argomento, nel 1830, sul Calcutta Literary Gazette. Journal of Belles Lettres, Sciences and the Arts.
  • In Italia, il grande pubblico, conobbe i thugs con i romanzi di Emilio Salgari. Curioso che Galep nell'avventura di Tex Willer "Gli strangolatori" (TX 312/314) segua quasi fedelmente la descrizione fattane dallo scrittore ne "I misteri della giungla nera".
  • Ruhmal: termine che designa il pezzo di stoffa usato dai thugs per strangolare le loro vittime, evitando in tal modo di spargerne il sangue. L'origine di tale "usanza" è rintracciabile nella mitologia indù. È raccontato, infatti, che i primi esseri umani creati dagli dei erano invariabilmente uccisi dal demone Riktavij, capace di rigenerarsi dal suo sangue. La dea Kalì creò due uomini nelle cui mani pose due pezzi di stoffa strappati dalla sua veste e ordinò loro di strangolare il demone che, in tal modo, non poté rinascere. Questi furono i primi due thugs.
  • L'omicidio di Marc, segue alla lettera il rituale thug (Thagi) che, come è stato ricostruito dagli studiosi si svolgeva seguendo uno schema preciso: individuate le potenziali vittime, in genere carovane cariche di merci da predare, i seguaci della setta si univano ad esse conquistandone la fiducia per poi coglierle di sorpresa e strangolarle. Alcuni di essi avevano il compito di individuare i luoghi dove far scomparire i cadaveri, altri li sezionavano, altri ancora li seppellivano facendo così scomparire le tracce del tutto.
  • È Grassopher-Barcellona la partita che Paluard segue alla televisione, poco prima di essere ucciso.
  • Vari autori bonelliani hanno già in passato dedicato albi alla setta dei Thugs. Nello specifico, li si può sicuramente trovare nelle testate: Tex (il già citato TX 312/314), Zagor ("L'ombra di Kalì" albetto allegato allo speciale n.11; "Il passato di Ramath" ZG 444/446), Martin Mystère ("Docteur Mystère e gli orrori della giungla nera" nell'almanacco del mistero 2001) e nella serie Un uomo, un'avventura.
Incongruenze
  • " Nella vignetta 4, pag.68 l'assassino chiede a Ferzetti, mentre lo sta strangolando, dove sia stato portato Michel. Domanda che pare assurda se si considera che precedentemente era stato ucciso Marc, suo complice, che sapeva benissimo dove era tenuto il ragazzo. Improbabile che dopo aver detto ad Asheyam, del coinvolgimento di altre persone nel sequestro, nonché dopo aver scritto di suo pugno il biglietto che farà cadere in trappola Ferzetti, Marc non abbia voluto dare proprio l'informazione più importante. O che Asheyam si sia dimenticato di chiedergliela...?
La frase
  • "Ma gli uomini sono sempre piuttosto riluttanti a cedere la propria vita..."
    perla di saggezza del cinico demone Kabuk, pag. 45


Personaggi

Nel Mondo di Sotto:
Napoleone Rose Simenon governante dell'Hotel Astrid Shewa giovane indiana istitutrice di Michel fratelli Desat proprietari di una gioielleria Michel nipote di Lord Sleeman Ophelia sorella di Michel Marc Satie marito di Ophelia e musicista Asheyam padre di Shewa fedele servitore di Sleeman Lord Sleeman generale inglese in pensione Ferzetti disc-jockey spacciatore procuratore musicale di Marc pregiudicato coinvolto nel solo inizialmente fittizio sequestro di Michel Paluard complice di Ferzetti Boulet viceispettore della polizia di Ginevra e amico di Napoleone Dumas ispettore della polizia di Ginevra e amico di Napoleone Bertrand proprietario di un autonoleggio Philippe dipendente di Bertrand

Nel Mondo Sopra:
Lucrezia, Scintillone, Caliendo prodotti psichici cavallo filosofo prodotto psichico demone Kabuk figlio della dea Kalì dea Kalì

Locations

Ginevra Hotel Astrid gioielleria dei fratelli Desat appartamento dove abitano Michel e Shewa sobborghi di Londra Inghilterra Calcutta, India, guarnigione inglese Les Mosquitos locale notturno nel centro di Ginevra Shock studio studio di registrazione garage dell'abitazione di Ferzetti

Elementi

Gioiello votivo indù Aura Finto rapimento Passato coloniale Omicidi Thugs Religione e divinità indù Uccisione di Shewa
 

 


 
(c) 1996 uBC all right reserved worldwide
Top
http://www.ubcfumetti.com §