ubcfumetti.com
Indice del SitoNovità !Cerca nel SitoScrivi a uBC
DatabaseSchede





  La danza delle luci blu
Codice: 16pp
Rating:
scheda di Pierfilippo Dionisio

    Soggetto/Sceneggiatura:
    Michele Medda
    Disegni/Copertina:
    Nicola Mari / Claudio Castellini
    Lettering:
    Francesca Piovella e Marina Sanfelice
    Colorazione elettronica:
    Giovanna Griffini, Barbara Bernasconi, Nucci Guzzi

    RACCONTO BREVE
    rb4 "La danza delle luci blu" - 16pp - 94.06
    contenuto nel volume Nathan Never "Cybermaster" edito dalla Mondadori.
    La copertina usata è simile a quella dello sp1 "Cybermaster", ma diversa.

    (5k)


In due parole. . .

Nathan è sulle tracce di alcune persone scomparse e tutti gli indizi hanno in comune un nome: Jorin Morgo, misterioso progetto della Ikeda Inc. Una sfida lanciata da Sachiko Ikeda vedrà coinvolto il nostro agente Alfa in un'avventura nel regno delle luci blu: il Net!


Note e citazioni

  • La storia viene presentata come inedita nel volume "Cybermaster", edito da Mondadori, che raccoglie anche la storia (vedi speciale 1) da cui prende il titolo ma a colori. L'edizione è a cura di Decio Canzio e Maria Baitelli con la collaborazione di Maurizio Turazzi.
  • Dei sentimenti e delle sensazioni che Nathan prova nel cyberspazio - le luci blu - se ne parla anche in "Vendetta Yakuza" (almanacco 93).
  • La storia presenta elementi ormai cari all'autore come le didascalie, attraverso le quali Medda magistralmente ci offre i sentimenti ed i sogni più intimi di Nathan. Esempi sono quelli di pag.141 "A volte le sogno ancora. Faccio molti sogni strani. A volte unicorni, altre volte ombre senza corpo, e altre volte ancora queste luci blu" o pag.156 "La pioggia scrosciante tracciava disegni indecifrabili sul vetro della cabina quando mi addormentai [...] Ma non sognai le luci blu.". Con poche parole e semplici frasi ripropone tutto ciò che è fondamentale per l'universo di Nathan, da Ann (con gli unicorni) alla Fratellanza Ombra (ombre senza corpo).
  • Pag.143, vignetta 2, la scena ricorda una sequenza di "Blade Runner", quando Leon viene ucciso da Rachel nel vicolo, per difendere Deckard.
  • Il termine Ghost identifica quelle anime senza più corpo che vivono - o forse, sopravvivono - nella matrice. Forse non è stato il primo ad usare questo termine con questa qualifica, ma già Masamune Shirow con "The ghost in the shell" ne parlava.
  • I droidi modello DXT compaiono pure in 34/35 ("Buffalo Express").
  • Per maggiori informazioni su tutti i racconti brevi e altre pubblicazioni fuori serie di Nathan si consiglia di leggere Nathan Never "Tutto di Carta".
Incongruenze
  • Se un droide non può scendere le scale (come nel primo film di "Robocop" e come viene detto a pag.146) allora come fa a salirle (cfr.pag.145)?
  • Purtroppo anche in una storia breve come questa c'è una svista riguardo ai nomi: a pag.143 si parla di Ted Viacek mentre a pag.153 viene chiamato Mark.
La Frase
  • "Hanno perduto per sempre il loro corpo. Per questo reclamano un'altra anima. Quella di chi li ha condannati a questo limbo senza salvezza."
    Nathan, pag.154


Personaggi

Never, Nathan Ikeda, Sachiko [+] proprietaria della Ikeda Inc. Viacek. Lyta Viacek, Ted-Mark [+] fratello di Lyta Glover, Wendy bambina esper, in coma Glover, Gary [+] padre di Wendy Dern, Mara [+] Toth, Darius [+] Chabrol, André [+] Saals, Eva [+]

Locations

Città Flyer di Nathan Ikeda Inc. Palace sede della ditta Tsiaruah isola conosciuta anche con il nome indigeno di Jorin Morgo Laboratori della Ikeda inc. sull'isola di Tsiaruah Cyberspazio

Elementi

Matrice Luci blu Sogni di unicorni e ombre Jorin Morgo operazione che consiste nel tenere in vita le anime dei cybernauti nella matrice e distruggerne i corpi Droidi DXT Ghosts anime nel Net, senza più corpo

 

 


 
(c) 1996 uBC all right reserved worldwide
Top
http://www.ubcfumetti.com §