ubcfumetti.com
Indice del SitoNovità !Cerca nel SitoScrivi a uBC
DatabaseSchede





Pagine correlate:

  L'ultimo viaggio del Nautilus
Codice: [] 250pp
Rating:
scheda di Cristian Di Clemente

    Soggetto/Sceneggiatura:
    Stefano Vietti
    Disegni/Copertina:
    Antonella Platano & Maurizio Gradin / Antonella Platano
    Lettering:
    Michele Testori

    GIGANTE
    n.8 "L'ultimo viaggio del Nautilus" - 250pp - 2003.11
    (5k)


In due parole. .

L'imperatrice Ann è sopravvissuta allo scontro con Artisia e minaccia ancora tutti gli infiniti universi. Per fermarla, Nemo (in una nuova versione in carne ed ossa) e Artisia partono con il Nautilus per arrivare ad Arret, il pianeta al centro del multiverso, il posto dove Ann Never e Gabriel giunsero dopo aver lasciato la Terra.


Note e citazioni

  • Le vicende di Nemo, il clone di Nathan Never che vive oltre un secolo dopo le avventure della serie regolare, si svolgono su un piano temporale diverso da quello di quest'ultima, quindi il passato di Nemo non è necessariamente il futuro di Nathan (vedi spiegazioni nella posta del n.127).
  • Questo Gigante è in stretta relazione con i due precedenti ("La grande minaccia", Gigante 6 e "Le due nemiche", Gigante 7) e chiude la seconda trilogia di Nemo (ideata da Stefano Vietti).
  • Secondo quanto scritto da Antonio Serra in prefazione, con questo Gigante terminano le avventure di Nemo. Il lungo ciclo, pubblicato in tutti gli albi Giganti sino ad ora usciti ad eccezione de "La rivolta" (Gigante 4), è così composto dalla prima, storica trilogia sui tecnodroidi di Antonio Serra ("Doppio futuro", Gigante 1, "Odissea nel futuro", Gigante 2 e "Un nuovo futuro", Gigante 3), dall'episodio singolo di Stefano Piani ("Nemo", Gigante 5) e dalla trilogia di Vietti.
  • La storia si svolge nel 2227. Sono trascorsi 32 anni dal termine della guerra con i tecnodroidi (2195, Gigante 3), 25 dal ritorno di Susan Connery (2202, Gigante 5), 3 dalla guerra con i grigi (2224, Gigante 6) e 2 dalla prima apparizione dell'imperatrice Ann (2225, Gigante 7, non 2250 come erroneamente riportato per tutto quell'albo).
  • Si scopre che cosa è successo ad Ann dopo la sua partenza dalla terra con Gabriel, narrata nel n.99 ("La vendetta di Selena").
  • La scissione della parte buona e malvagia di Ann in due personaggi distinti ricorda quella del namecciano Piccolo, personaggio del manga Dragon Ball, ma anche quella di Xabaras, il padre di Dylan Dog.
  • Happy end, con Artisia che torna umana (ma a questo punto avrà ancora senso chiamarla così?) e che si mette insieme con Cobham.
  • Arret, il pianeta al centro del Gigante, è... Terra letto al contrario!
  • Pag.107-110 e pag.116-117, Artisia, tramite le gemelle telepati, si trovano dentro scene tratte dai classici della letteratura "Alice nel paese delle meraviglie", "Pinocchio" e "L'isola del tesoro".
  • Pag.119, viene spiegato come l'imperatrice Ann se la sia cavata al termine del Gigante 7 (ha attinto alle energie della stazione di combattimento del contrabbandiere Dervish).
  • Pag.185, la trasformazione di Ann dopo aver acquisito nuova energia ricorda, nelle modalità, quelle del cattivissimo alieno Freezer di Dragon Ball, con in più qualche particolare (le lame alle mani) alla Wolverine degli X-men.
  • Questo gigante è uscito quasi in contemporanea al terzo film di Matrix ("The Matrix Revolutions"). Naturalmente il fumetto non può aver copiato il film o viceversa (tempi produttivi, ecc.) ma è divertente notare una certa assonanza tra l'arret viettiana e il terzo Matrix: in entrambe le storie ci sono "due dimensioni parallele" (virtuali o meno); c'è il ruolo centrale degli occhi dell'oracolo (ovvero l'uovo della conoscenza); l'eroe Neo (ovvero Artisia) ha "generato" il suo doppio cattivo Agente Smith (ovvero Imperatrice Ann); i due si cercano e combattono perchè vogliono raggiungere "la sorgente" (ovvero Arret) e non sanno come; (attenzione spoiler!) nel gran finale eroe e nemesi si "fondono" in un essere solo portando così il trionfo della pace di qui e di là... segnalazione di Giovanni Gentili
Incongruenze
  • C'è un'incongruenza enorme rispetto a quanto narrato nel precedente Gigante. Ne "L'ultimo viaggio del Nautilus" si spiega che l'imperatrice Ann è la parte malvagia di Artisia (o meglio, della Ann Never del nostro universo che aveva lasciato la terra con Gabriel). Questo è incoerente con quanto narrato nel precedente Gigante, "Le due nemiche", che rivelò che l'imperatrice Ann era originaria dell'universo parallelo e divenne malvagia dopo un suo analogo viaggio ad Arret. Ammesso che Artisia (che in questo Gigante ha ricordi confusi di Arret) un anno fa non ricordasse d'aver separato la sua parte malvagia, quanto narrato in questo capitolo finale rende insensato che ne "Le due nemiche" l'imperatrice avesse dei ricordi precedenti ad Arret diversi da quelli di Artisia (l'abbraccio non ricevuto dal padre dopo la guarigione, elemento al centro di quel plot), dato che il loro passato doveva essere, per forza di cose, identico.
  • Dato che la filosofia di questo Gigante è, in maniera più o meno morbida (vedere le frasi), quella di non dover spiegare tutto quanto, ha senso porre come incongruenze alcune domande che rimangono senza risposta del tipo "per quale ragione Artisia torna umana?" oppure "cosa voleva ottenere l'imperatrice Ann dal suo viaggio ad Arret?"? L'elenco potrebbe continuare...
  • Pag.75, Nemo dice "Sono trascorsi due anni da quando ci scontrammo con lei, la prima volta... a due anni da quello scontro [...] Ann si è rifatta viva assalendoci attraverso le zone extramondo..." mentre dai pensieri di Artisia a pag.32, gli attacchi di Ann sembrano essere iniziati subito dopo lo scontro "... quella che avevamo di fronte era la quarta zona extramondo che si era formata negli ultimi due anni...".
  • L'imperatrice Ann raffigurata in copertina non compare nella storia, essendo un ibrido di due distinte versioni (prima e dopo la trasformazione di pag.185).
La frase
  • "Io sono morto tra le braccia di Artisia... e sono rinato attraverso la clonazione... Tu stessa sei morta... eppure sei qui, davanti a me... arrivi da un altro universo... [...] Forse sono troppo stanco... Abbiamo superato confini che non andavano oltrepassati... La semplice consapevolezza che esistano altri universi... altri noi stessi... altre realtà... è ... disarmante... La nostra logica non ci viene in aiuto... o forse è proprio questo nostro continuo riflettere su quanto accade, per dare sempre e comunque una spiegazione, che alla fine ci toglie le forze."
    Nemo (rivolto a Susan), pag.96

  • "... Chi se ne frega delle domande!"
    Cobham, pag.256


Personaggi

Artisia figlia di Nemo Imperatrice Ann alter-ego malvagio di Artisia Cobham, Harris responsabile meccanico del Nautilus Nemo nuovo clone di Nathan Never Strong, Susan moglie di Nemo di un universo parallelo Link Lysa bambina adottata da Artisia Alice figlia di Susan Presidente Clemons dei pianeti uniti Malwa telepate gemella di Mysore Mysore telepate gemella di Malwa Resya madre superiora delle telepati Dervish pirata spaziale Manshi, Hato consigliere supremo Selena tecnodroide Mark pilota Dott.ssa Ghillian, Masa geochimica Shra guerrieri mutanti

Locations

Universo di Nemo
Marte U.P.P Bogan stazione orbitale di controllo Belaise cittadina di Marte Terra Costa del Nord Fattoria Nuovo palazzo presidenziale dei pianeti uniti Territorio Vecchia città Biblioteca perduta

Universo delle sorelle telepati
Marte Palazzo di Hato Manshi Nuova Dite città dei tecnodroidi Convento fortezza della sorellanza telepate

Limbo
S-19 pianeta Nave mondo dell'imperatrice Ann Nautilus nave di Nemo Arret il centro di tutto Tempio

Elementi

Terraformazione di Marte Zona extramondo varco dal quale gli Shra dell'imperatrice Ann arrivano nell'universo di Nemo Multiverso teoria sugli infiniti universi Shra guerrieri mutanti Sorellanza telepate Viaggi interstellari Limbo corridoio tra diversi universi
 

 


 
(c) 1996 uBC all right reserved worldwide
Top
http://www.ubcfumetti.com §