ubcfumetti.com
Indice del SitoNovità !Cerca nel SitoScrivi a uBC
MagazineRecensioni




" I signori della preistoria"


Pagine correlate:

Esclusi i Tecnodroidi e i vari annessi e connessi, derivati e derivanti, se volete una storia dove sono presenti praticamente tutti gli altri filoni narrativi, fin dai primi numeri della serie, eccovelo qua! Da sinistra a destra e dall'alto in basso: Odaka, i Dinosauri, la saga di Atlantide, i Venerabili e la saga Alfa con il misterioso Mister Alfa...

Il richiamo del Tempo che Fu
recensione di Pierfilippo Dionisio



TESTI
Sog. e Sce. Riccardo Secchi (115)
e Stefano Vietti (116)
   

Ormai abituati a leggere saghe, con questa avventura in due parti si conclude - pare - quella riguardante il piano di Odaka e del mondo preistorico che sognava. Naturalmente per il ritorno di questo Mad Doctor non bastava riproporre il periodo giurassico (e non solo) con i suoi animali ma addirittura vengono scomodati i Venerabili e le loro origini, insieme ad altri elementi che stracolmano dal calderone.

Riguardo ai due albi in cui si divide la storia, si potrebbe pensare che l'unica cosa che li accomuna sia la letterista!

"I due albi non hanno interagito e non comunicano tra loro"
   
La nota precedente era scherzosa ma voleva sottolineare che i due albi differiscono notevolmente tra loro e la divisione è esplicitata in primis dai tamburini della 2ª di copertina che riportano due team di sceneggiatori e disegnatori (misti) disgiunti che sembra - avendo i risultati davanti - abbiano interagito poco o per nulla, senza alcuna comunicazione.

Così abbiamo un numero - il 115 - che presenta gli antefatti e inizia a malapena ad addentrarsi nel nucleo della vicenda, incidendo sul ritmo e dando un risultato di lentezza. Ma si sofferma sui personaggi che animano l'azione riportando, in maniera anche molto interessante e soddisfacente, i loro stati d'animo.

"(..) [115] lento ma introspettivo (..)"
   
Nathan vive una crisi sentimentale con Hadija. E - vogliamo sottolineare - ciò non è narrato in maniera occasionale e superficiale! Nathan dorme nel suo vecchio appartamento e non nella villa con la fidanzata, rimugina sul litigio avuto con lei tramite quelle sue didascalie old style, è distratto durante il briefing, lascia una richiesta da morituro a Sigmund affinché le consegni un messaggio.
Lentamente questo approfondimento del carattere viene meno e...
...salta fuori Branko!
L'agente mutato prende campo lentamente, la sua voce si fa più presente nei dialoghi fino a trasformarlo protagonista per alcune pagine. E qui scatta l'attenzione dello sceneggiatore - Riccardo Secchi - nei suoi confronti, tanto da farlo somigliare in più punti a colui che ha il nome sulla copertina, conferendogli il potere delle didascalie! Anche il pensiero di Branko viene pubblicizzato nella sua sfera più intima e la differenza con Nathan, stilisticamente parlando, vien meno. Addirittura la sua mascolinità diminuisce a scapito di un aspetto femmineo. Quasi lo sentiamo scusarsi per aver svegliato Ran ed essere stato ferito da lei, la accudisce dopo l'attacco del dinosauro, riflette sulle peculiarità della donna belva; poi crolla durante lo scontro fisico con un venerabile, in preda a turbe della sua giovinezza, e filosofeggia pensando ad eventi passati e sul concetto di mostro e di diverso. Nulla di più giusto se non che questo copione assomiglia troppo a quelli interpretati da Nathan!
Ma forse tutto ciò rientra in quella mutazione d'animo, una sorta di stordimento, che colpisce chi è preda della passione amorosa, nel merito l'attrazione quasi animale - corretta - tra Branko e Ran.

Tutto e solo questo per il primo albo di 94 pagine.

Il numero seguente - il 116 - stacca con un intermezzo introdotto come divertissment dall'autore, Stefano Vietti, e riprende la trama dall'arrivo della squadra Alfa nella zona infestata da Odaka. La consapevolezza della mano di questo sceneggiatore negli albi direttamente collegati (64/65, 91, 97/98 e 107) fa ben intendere che sua sia la mano che muove le fila.
Ancora i monologhi esegetici enfatizzano lo svolgimento della trama ma l'albo mostra una minore diegesi a favore di una crescente mimesi. L'azione prevale, le meditazioni sono accantonate per quasi la totalità delle pagine ed il ritmo si fa più incalzante. I singoli personaggi sono ricompresi in una coralità più adeguata alla situazione e i molti tasselli si uniscono prendendo forma, fino a culminare nell'unione delle origini dei Venerabili con l'esperimento di Odaka: Elak e Asha, creature nate in laboratorio, si rivelano i progenitori di quella stirpe.

"(..) [116] l'azione prevale (..) e il ritmo si fa più incalzante (..)"
   
Sinceramente non troviamo azzeccata questa scelta anche se il risultato non poteva essere diverso: I Venerabili hanno abitato il pianeta anticamente, il Progetto Eden si occupa della preistoria, i piloni di Atlantide permettono il viaggio del tempo. Il risultato è quasi scontato.
Ma ciò che non torna è il personaggio di Odaka: da quel villain che era, da quella figura di scienziato pazzo che rappresentava, ne esce un misero ricercatore universitario che ha sbagliato i calcoli e si scusa con i presenti. Analogia sopra le righe per indicare quanto il suo carattere sia stato snaturato.
Il finale dell'albo espone considerazioni tra Nathan e Branko sul Tempo (non atmosferico ma la differenza è poca), sulle possibili linee temporali e sulle dimensioni alternative già sentite in 100 e in Gigante 3.

Ma Nathan e Hadija? Branko e Ran?
Forse si è perso tutto in un'altra linea temporale. Nathan afferma di avere in serata una cena speciale con la prima, mentre dell'altra coppia non si sa nulla e mai una volta lungo l'albo si è intravisto un qualche accenno al trascorso tra i due del precedente numero.

Tutti gli esempi riportati hanno solo lo scopo di far da verifica a quanto scritto all'inizio di questa recensione: le parti non hanno comunicato tra loro per avere un tutto fluido e concorde.



DISEGNI
Paolo Di Clemente (115) e Giancarlo Olivares (116)    

(21k)
Nathan, disegno di Di Clemente
(c) 2000 SBE
   
Su Paolo Di Clemente è già stato scritto in maniera critica su queste pagine elettroniche: vi rimandiamo quindi alla recensione del 91 e alla recensione del 97/98 di Vincenzo Oliva e alla recensione della terza storia Agenzia Alfa 4 di Paolo Ottolina.

Il giudizio è lo stesso e non si discosta molto.

Dispiace non notare nessun miglioramento nella padronanza delle espressioni - stavolta Branko si salva - e anche nelle proporzioni e nelle pose dei personaggi. Ancora una volta le immagini non risultano di chiara lettura e più di una tavola non contiene una buona ponderazione tra pieni e vuoti, tra chiari e scuri. Talvolta i fondali e gli scenari riacquistano un certo tono ma l'occhio si sofferma poco su di essi per preferire gli attanti e soprattutto il loro viso.
Non è piacevole per chi scrive dare un giudizio negativo ma il prodotto finale è mediocre.

Diversa è la mano di Giancarlo Olivares, abilissimo nell'uso dei retini e nel creare gradevoli effetti grafici.

(15k)
Nathan, disegno di Olivares
(c) 2001 SBE
   
Poche le note da fargli anche se è eccessivo l'uso di primi piani o di mezzi busti per Nathan. Inoltre le espressioni si rivelano di poco effetto o ripetitive.
Il tratto si discosta notevolmente dal precedente disegnatore e si rivela più pulito e più studiato nell'inserimento o meno di elementi di contorno.
Un Olivares al di sotto delle sue possibilità.

La stessa nota avanzata nella critica al testo viene riportata pure ai disegni: incomunicabilità. Un esempio per tutti è l'interpretazione che i due disegnatori danno di Nathan e - giusto per introdurre nuovi elementi che sarebbero dovuti nascere d'accordo tra i due - i personaggi di Elak e Asha che sono irriconoscibili tra i due albi.
Non possiamo che essere ancora d'accordo con quanto scritto nel 97/98 da Oliva sulla scelta - ancor di più - infelice di far disegnare gli albi a due persone differenti, con uno stile e una tecnica diversa e senza una - almeno apparente - mano che tenti di amalgamare i due tratti.

(35k)
Esempio di retinatura al computer
disegno di Olivares (c) 2001 SBE

Largo è l'uso di retinature corrette con l'uso del computer e l'immagine sopra riportata è uno dei tantissimi esempi. Sebbene gli effetti siano ammalianti soprattutto per un contesto fantascientifico, tra tavola e tavola, all'interno della tavola e anche all'interno della singola vignetta spesso si viene a creare una stonatura tra i disegni trattati e quelli non.



GLOBALE
 

Anche le copertine sembra abbiano partecipato a quel dualismo sviluppato all'interno degli albi. Mentre la prima privilegia l'oggetto della trama - i dinosauri - relegando il protagonista ad un angolino e di spalle, la seconda lo vede in primo piano e centrale fra due locazioni temporali che hanno un ruolo molto marginale alla vicenda e il cui unico scopo è spiazzare il lettore che se la trova di fronte.

Nel complesso il bilancio è negativo: troppa distanza tra i due albi, nei testi come nei disegni che si sposano dando un risultato che non fa credere che uno sia il seguito dell'altro. La divisione è netta e marcata.

Rimane solo stupore nel poter notare la mancanza di una supervisione super partes che finalizzi verso un prodotto omogeneo una storia con grandi aspettative, soprattutto per il ritorno di Odaka.

Vedi anche la scheda della storia.
 

 


 
(c) 1996 uBC all right reserved worldwide
Top
http://www.ubcfumetti.com §