ubcfumetti.com
Indice del SitoNovità !Cerca nel SitoScrivi a uBC
MagazineMonitor




uBC MONITOR
SETTEMBRE 1999

Pillole
Rec. Conan speciale
Hugo Pratt & Lizard



Monitor
pillole dal mondo del fumetto  

In questa sezione troverete degli accenni al fumetto extra-bonelliano pubblicato in Italia. Si intendono fornire dei "flash" su alcuni eventi meritevoli di segnalazione, per un motivo o per l'altro. Occasionalmente saranno compresi degli approfondimenti con recensioni o articoli.

In particolare questo mese c'è la recensione dello speciale Conan, e un'analisi dei volumi Lizard dedicati a Hugo Pratt.


Touch di Marco Migliori

(5k)
Touch n.3
  
Mitsuru Adachi è conosciuto in Italia per la serie Rough edita negli anni scorsi dalla Star Comics. Una serie di 14 numeri in crescendo. Parte come storia simpatica e niente più. Ma man mano che la leggi, rimani sempre più coinvolto dai personaggi. Dalle loro piccole manie, dai loro difetti, così come dalle caratteristiche su cui Adachi batte anche troppo. Ma ciò che più colpisce è la sceneggiatura. Non ho mai letto qualcosa di così "delicato" e "potente" al tempo stesso. Un senso delle vignette incredibile: durante la lettura a volte sembra che Adachi fermi il tempo, talmente coinvolge il lettore e talmente è buona la scansione delle immagini. D'altro canto si potrebbe anche dire che tanti numeri per raccontare una storia d'amore adolescenziale, condita di competitività sportiva (e maschile) siano sprecati. Eppure non la trovo affatto lunga, anzi praticamente perfetta per quel che Adachi sceglie di dirci. Alla fine rimane il senso di aver letto una delle più belle serie Manga mai apparse in Italia.Tutto questo è quello che emerge da Rough, e bisogna partire da qui per capire Touch. Innanzitutto i giapponesi sono veloci, ma anche questa velocità ha un prezzo: i personaggi di Adachi sono fatti con lo stampino, e si ripetono uguali da Rough a Touch fino all'ultimo ciuffo di capelli. Poi le problematiche che affronta sono le stesse: lui le definisce commedie scolastiche. In realtà ci sono vari aspetti: la scuola, lo sport, la competizione, gli amori adolescenziali, la crescita. Adachi ha un ritmo lento. Ci fa abituare alla vita dei personaggi. Poi pian piano la storia cresce, ed eccola prendere quota. Nel genere soap opera scolastico/adolescenziale/sportivo, ha già mostrato con Rough cosa sa fare, e Touch sembra avviata sulla stessa strada. Anche se 26 volumi sembrano una enormità per una storia apparentemente scontata già dal n.1. Per ora, come già per Rough, la storia sembra simpatica e basta. Speriamo sia di buon auspicio :-).

 4/7    Touch by Mitsuru Adachi (Star Comics)
previsti 26 volumi, siamo al terzo per ora (mensile)
senso di lettura giapponese
180pp in b/n, £ 5.000, brossurato

 6/7    Rough by Mitsuru Adachi (Star Comics)
stampati 14 volumi nel 1995-97
senso di lettura occidentale
il formato varia, tutti sono però brossurati

 

 




Beretta & Alessandrini di Fabrizio Gallerani

Dopo il successo riscosso con "Il segreto del re degli elfi" apparso su ZonaX, i due autori stanno progettando, per il mercato francese, una serie che ne riproponga le stesse atmosfere fantasy. Il progetto, già in fase avanzata di contrattazione con un editore d'oltralpe, dovrebbe essere pubblicato nel tipico albo cartonato di 42 (o 64) pagine di grande formato a colori. Tre le protagoniste principali, ognuna con una propria caratterizzazione: per una di esse Beretta ha voluto mantenere la fisionomia già utilizzata per Valeria della storia citata. Alcune prove di Alessandrini (di grande impatto visivo) sono state esposte in anteprima nelle sale della bella mostra organizzata a Umbriafumetto 99, svoltasi a Perugia dal 5 al 20 settembre. Inoltre alla Comiconvention svoltasi a Milano tra il 18 e il 19 Settembre, è stato distribuito un albetto promozionale dal titolo "Outremer" con 8 pagine di studi sui personaggi.

(49k)
Le tre protagoniste del nuovo progetto di Beretta & Alessandrini.
 
 




Alix: "I barbari" di Marco Migliori

(4k)
Alix
  
Martin, uno degli autori, seppure ormai anziano, è una colonna storica della BD franco-belga. Se questo volume fosse stato presentato quindi come un non perfettamente riuscito episodio di una serie dignitosa, avremmo potuto sospendere il giudizio. Ma se lo si presenta come la "versione seria" di Asterix, allora il pollice verso è inevitabile. Peccato, perchè Alix è una serie ormai storica in Francia, e se la stampano da circa 50 anni, una qualche ragione ci sarà. Per ora a noi non è dato di vederla, e il nostro giudizio si deve forzatamente limitare a questa storia. Sicuramente l'età della serie e dell'autore influiscono, e chissà mai che gli altri episodi appaiono migliori. Questo risulta ingenuo e trasandato nella rappresentazione storica, per ora appare buona la sola scenografia.

 2/7    "I Barbari" by Martin/Morales (Alessandro editore)
volume già pubblicato (primo in Italia, 21° della serie in Francia)
48pp colori, £ 24.000, cartonato

 

 




Budda di Marco Migliori

(5k)
Budda n.3
  
Continuano le uscite di Budda che non tradisce per ora le aspettative. E' evidente l'ampiezza della saga e la cura che il più grande autore nipponico vi ha dedicato. La saga dovrebbe narrare l'intero arco di vita del Budda, inserita nella originale cornice di un'India millenaria e settaria. Affascinante e crudele. Per ora una storia molto interessante. Di Tezuka è già stato pubblicato in italiano qualche albo Comic Art di Astroboy e Blackjack. Ma soprattutto i cinque volumi che compongono la "Storia dei tre Adolf". Una ipotesi non nuova, ma trattata in modo originale. Una storia che si dipana attraverso la Germania nazista, ma soprattutto il Giappone militarizzato e "chiuso" che è suo alleato. Un capolavoro che parla di razzismo e delle abitudini, delle ipocrisie, della condotta di un intero popolo. Il segno di Tezuka ha influenzato tanti autori di manga, così come le sue opere. Un segno che appare al lettore non abituale come eccessivamente caricaturale e sproporzionato. In realtà il segno rispecchia perfettamente la storia e anche le altre innovazioni di Tezuka come le vignette diagonali sono nelle sue mani strumenti di narrazione incredibilmente efficaci.

 6/7    Budda by Osamu Tezuka (Hazard edizioni)
previsti 14 volumi, siamo al quarto per ora (bimestrale)
senso di lettura occidentale
200pp in b/n, £ 15.000, brossurato con sovracoperta

 7/7    "La storia dei tre Adolf" by Osamu Tezuka (Hazard edizioni)
cinque volumi stampati nel 1997-98
senso di lettura giapponese
250pp in b/n, £ 20.000, brossurato con sovracoperta

 

 




Tom's Bar di Marco Migliori

(7k)
Tom
  
Segnalazione doverosa per i riflessi bonelliani che assume. Una decina d'anni fa uscirono sulla rivista Comic Art, dei piccoli episodi di un grande personaggio. Giancarlo Berardi ai testi e Ivo Milazzo ai disegni (i creatori di Ken Parker). Dopo la ristampa in volume della Parker editore del 1991, è ora la volta delle edizioni Le Mani. L'edizione appare costosa, anche se non ne siamo in possesso per verificarne la qualità. Tom non è un semplice barista. Negli anni '40, ormai anziano ma tutt'altro che domo, è un pezzo di storia della città, rispettato da tutti e abile osservatore dell'animo umano. Imperdibile per tutti i fan di Berardi&Milazzo che sono qui al massimo della forma.

 7/7    Tom's Bar by Berardi/Milazzo (Le Mani edizioni)
volume unico già pubblicato
bicromia, £ 30.000, brossurato

 

 




Fax from Sarajevo di Marco Migliori

(5k)
Fax da Sarajevo
  
Sulla tragedia bosniaca esistono diverse opere a fumetti. Senza dimenticare il serbo Zograf pubblicato dal Centro Fumetto Andrea Pazienza, appare indispensabile citare il più classico "Sarajevo Tango" di Hermann, serializzato prima su Lanciostory e poi pubblicato sul n.100 della collana Euracomix (stampa perfetta per una volta e costo contenuto). Se l'opera di Hermann è nel classico formato francese e si presenta come una storia d'avventura dal risvolto sociale, l'opera di Kubert è ben diversa. Qui il fumetto è al servizio della cronaca, ampiamente documentata da fax che scandiscono gli avvenimenti e sono in effetti al centro del volume. E'chiaro che la cronaca è di parte, visto che sentiamo il parere di un solo lato. Ed è altrettanto chiaro, che la discendenza ebrea di Kubert, e l'amicizia con il protagonista Rustemagic (quello che ha portato i Bonelli alla Dark Horse) lo porta a vedere la tragedia di Sarajevo in un certo modo. Detto questo, al classico disegno di Kubert (più frettoloso del Kubert di Tarzan ma non meno d'impatto), si unisce un'ottima sceneggiatura. Sceneggiatura da intendersi nel senso di cui sopra, con la cronaca in primo piano. Il prezzo è però esagerato.

 5/7    "Fax da Sarajevo" by Joe Kubert (Alessandro editore)
volume unico già pubblicato
200pp colori, £ 59.500, cartonato

 

 




Offerte PAN distribuzione di Marco Migliori

Sul n.96 di Anteprima che potete trovare in qualsiasi fumetteria, sono offerti diversi volumi degli "Albi di Orient Express". Trattasi di volumi monografici brossurati usciti negli anni '80, dedicati a liberi (singoli volumi), o a sorta di mini-serie che si sviluppano in alcuni episodi. Orient Express è stata la più importante rivista "d'autore" italiana. Tra l'altro dal n.11 di proprietà di Sergio Bonelli. E gli albi rispecchiano la qualità della rivista, pubblicando anche episodi già serializzati sulla rivista. I volumi disponibili sono alcuni, mentre la serie completa degli Albi è composta da una cinquantina di numeri. L'offerta a £ 7.600 appare senz'altro adeguata.

 

 


 
(c) 1996 uBC all right reserved worldwide
Top
http://www.ubcfumetti.com §