ubcfumetti.com
Indice del SitoNovità !Cerca nel SitoScrivi a uBC
MagazineMonitor




uBC MONITOR
SETTEMBRE 2000



Monitor
pillole dal mondo del fumetto  

In questa sezione troverete degli accenni al fumetto extra-bonelliano pubblicato in Italia. Si intendono fornire dei "flash" su alcuni eventi meritevoli di segnalazione, per un motivo o per l'altro. Occasionalmente saranno compresi degli approfondimenti con recensioni o articoli.


Il vento tra i salici di Pierfilippo Dionisio

(10k)
cover 1
  
È stata una sfortuna non notare prima in libreria questo magnifico volume cartonato, dalle atmosfere dolci e da sogno.
"Il vento tra i salici" lascia senza parole per l'effetto che lascia dopo la prima lettura. Ma bisogna leggerlo, per parlarne.

La storia è tratta dal romanzo omonimo di Kenneth Grahame ed è pubblicato in Italia nei Tascabili Einaudi con la traduzione di Beppe Fenoglio. In poche parole narra le vicende di alcuni animali antropoformizzati ed in particolare di uno, la Talpa, attraverso i cui occhi il lettore si trova coinvolto a scoprire - come se fosse la prima volta - la natura in tutti i suoi angoli meravigliosi ed i suoi misteri. Ma non è un documentario. È un viaggio con amici come il Topo ed il Rospo in deliziose e calme passeggiate

I disegni sono molto curati, fin nei minimi particolari ed è un piacere soffermarsi ad ammirare le tavole, riprendendo con serenità e tranquillità lo scorrere delle pagine. Già la copertina è significativa a far comprendere ciò!

Questa è l'atmosfera che si trova nell'intero volume e a chi crede di trovarsi di fronte ad un libro per bambini, diciamo che si sbaglia. Anche se spesso la letteratura per adolescenti è riservata ad un pubblico adulto, questo titolo può essere apprezzato da chi nota come dietro alcune immagini non ci sia solo una metafora della società, ma anche una via di fuga per sognare.

 7/7    Il vento tra i salici tomo 1 di Michel Plessix
(Phoenix) 32pp a colori, £ 20.000, cartonato

 

 




Ratman di Pierfilippo Dionisio

(12k)
cover 20
  
Era Rat-Boy.
È stato Marvel Mouse.
Adesso è Rat-Man!

Dopo aver seguito le prime tre parti della nuova trilogia del passato di questo epico supereroe negli albi intitolati "Niente è per sempre", "L'allievo" e "Un uomo in calzamaglia", con questo ventesimo numero e quarto capitolo intitolato "Il supereroe" si conclude l'avventura che narra il ritorno alla ribalta di tutti i Supereroi nella lotta contro i temibili Manga.

Finalmente Rat-Man ha concluso il suo allenamento con il Maestro - dalla pelat... dal volto di Patrick Stewart - ed è pronto ad entrare nell'Arena per la sfida che decreterà la completa fine o la rinascita della sua categoria.

(13k)
(13k)
Rat-Man vs Drago (c) 2000

Sempre esilarante all'ennesima potenza, dopo averlo visto comparato ai più famosi personaggi Marvel, stavolta è un piacere vedere il piccolo topo di fronte a questi dalle fattezze dei protagonisti di famosi manga come Kenshiro (con un'espressione demoniaca che ricorda il Devilman di Nagai), Dark Schneider, Son Goku ed altri.
Le battute comiche fanno da padrone su queste pagine e i lettori sono avvertiti.

Nello stesso albo anche le divertenti storie di "Venerdì 12" con Aldo e il suo fido Giuda e le simpatiche strisce di "L'ultima burba".

Ricordiamo anche che Ortolani ha infarcito un numero di Legs Weaver della Sergio Bonelli Editore (per la precisione il n.50 "I mille volti di Legs") con 2 tavole che ritraevano Legs e May in una divertentissima miniavventura: naturalmente con il classico muso a scimmia!

Un avvertimento: guardate in alto se sentite il grido di battaglia "Fletto i muscoli e sono nel vuoto".

Potreste ritrovarvi schiacciati da un fastidioso peso.

 5/7    Ratman n.20 di Leonardo Ortolani
(Cult Comics) 64pp ca. b/n, £ 3.500, bimestrale, brossurato

 

 




I Custodi del Maser di Pierfilippo Dionisio

(10k)
cover 4
  
Volume appena uscito a settembre, questo "La Torre di Ferro" della serie de I Custodi del Maser.
Partiti dall'isola dei nani, approdati su un atollo e poi ridecollati, stavolta Erha, Zerit, Fango, Ciro, il topo schifoso e un ospite indesiderato riescono a raggiungere la tanto cercata Torre. Ma cosa nasconde all'interno? E qual è il vero ruolo di Erha in questa intricata trama tra fantascienza e fantasy?

Questo quarto libro apre la 2ª trilogia dell'intera serie e finalmente introduce negli ambienti angusti e senza luce della misteriosa Torre. Suggestivi i colori acrilici con cui sono dipinte le tavole e gli effetti di luce creati. Massimiliano Frezzato abilmente concepisce e disegna le 44 tavole che costituiscono la storia. Questa, poi, si presenta molto interessante anche se ricorda un po' situazioni e personaggi già visti e letti in opere come Nausicaä di Hayao Miyazaki.
Tuttavia rimane un prodotto autonomo, originale e personale che merita di essere letto.

Per chi volesse altre informazioni su questa serie ed in particolare su questo episodio consigliamo la lettura dell'articolo sull'incontro con l'autore.

 5/7    I Custodi del Maser - La Torre di Ferro di Massimiliano Frezzato e cosceneggiatura di Nikita Mandryka
(Vittorio Pavesio Productions) 44pp a colori, £ 28.000, annuale ca., cartonato

 

 




Nadesico di Pierfilippo Dionisio

(13k)
cover 6
  
Ultimo numero, questo 6° de "L'incrociatore stellare NADESICO", ideato e disegnato dal mangaka Kia Asamiya. La serie fantascientifica tratta le avventure dell'astronave Nadesico e del suo equipaggio nella lotta contro i nemici dei terrestri, i Gioviani (anche se la loro identità è altra...). In realtà questo è solo l'ambiente in cui si muovono i personaggi ed in cui prendono corpo esiliranti situazioni.

La trama è facilmente riassumibile e nel farlo sveleremmo troppo per chi vuole avvicinarsi al fumetto senza avere anticipazioni (per questo la omettiano). In compenso è d'obbligo mettere in evidenza come l'autore si sia divertito - ma non è la prima volta nelle sue produzioni - a creare un pastiche, un pot pourri citando altre serie a fumetti, personaggi, cartoni animati vari. Così possiamo riconoscere nella sagoma dell'incrociatore stellare le fattezze di quella Base Bianca classe Pegasus (se non dell'RX78, almeno dello 0083) in Gundam come il robottino Noveotto simile a Pallina, dell'incrociatore Yamato (qualcuno lo conoscerà come Argo) nelle altre navi terrestri, negli antogonisti un richiamo a Grey e a Jeeg (che a loro volta si avvicinano ad un mito giapponese), a Macross (conosciuto anche come Robotech) per i caccia/robot, e per alcuni elementi ormai diventati patrimonio comune della moderna fantascienza e che sono tanto vicini a Star Wars e Star Trek. E poi un personaggio - Capitan Gavernment - che costituisce la divertente parodia del noto Capitan Harlock di Leiji Matsumoto. Ma gli esempi non finiscono qui.

Il tratto del disegno è raffinato e visibilmente ottimo è l'uso dei retini. La costruzione delle tavole non è caotica neppure nelle scene di battaglia più travolgente. Altro discorso è per la sceneggiatura - confusionaria e veloce - che a volte risente come di alcuni buchi che non facilitano del tutto la comprensione.
I toni drammatici usati per sottolineare alcuni accadimenti sono volutamente comici e così vanno intesi: come già intuito dalle numerose citazioni, tutto il fumetto si presenta come una grande parodia.
Certo è che l'animazione di Nadesico - rispetto al manga - convince di più in quanto più avvincente e coinvolgente: meglio si sofferma sui personaggi e diverte di più lo spettatore anche per la presenza di Gegikanger III.
Chi è costui? È il protagonista di una serie che l'equipaggio della Nadesico seguono in televisione: è uno stupendo robot in stile anni '70 (come quelli di Nagai), con il tipico tratto sporco e quelle linee cinetiche che rafforzano il disegno. I piloti del robot (sempre parodia) sono tre ragazzi - il bello, lo smilzo ed il grasso - stereotipi visti già in produzioni di quegli anni come - per fare un esempio - Getter Robot. Questo elemento di Nadesico è piaciuto talmente agli spettatori al punto che ne è stato fatto uno spin off.

Sinceramente abbiamo visto precedenti produzioni di Asamiya più accattivanti come "Silent Möbius", "Compiler" o lo stem-punk "Steam Detectives": Nadesico va considerato un semplice divertissment dell'autore senza grandi pretese.

 3/7    Nadesico n.6 di Kia Asamiya
(Planet Manga) 174pp ca. b/n, £ 6.500, bimestrale, brossurato, ultimo numero

 

 


 
(c) 1996 uBC all right reserved worldwide
Top
http://www.ubcfumetti.com §