ubcfumetti.com
Indice del SitoNovità !Cerca nel SitoScrivi a uBC
DatabaseSchede





  Orrore a Providence
Codice: [5] 128pp
Rating:
scheda di Fabrizio Gallerani

    Soggetto/Sceneggiatura:
    Alfredo Castelli
    Disegni/Copertina:
    Angelo Maria Ricci / Giancarlo Alessandrini

    SERIE REGOLARE
    n.4 "La stirpe maledetta" - 32pp - 82.07
    n.5 "La casa ai confini del mondo" - 96pp - 82.08
    (6k)(6k)
    TuttoMystère
    ristampa dal 89.08 al 89.09
    (6k)(6k)


In due parole. .

La polizia chiede aiuto al Detective dell'impossibile per risolvere un misterioso caso di teletrasporto: un assassino dopo aver compiuto un omicidio in una casa di Providence si ritrova improvvisamente nel Grand Central Terminal di New York. Su tutta la vicenda aleggia inquietante la figura di H.P. Lovercraft...


Note e citazioni

  • Seconda prova sulla collana, di Angelo Ricci, disegnatore del precedente Operazione Arca. Al contrario di quanto avvenuto in quella storia (tutti i visi di Martin, Java e Diana erano stati disegnati da Franco Bignotti), questa volta anche le faccie dei protagonisti sono sue: Mystère si presenta con una espressione un po' più sofferta del solito, Diana, invece, dimostra uno straordinario sex-appeal.

  • Nella serie fa il suo esordio Travis, ispettore della polizia di New York e vecchio amico di Martin Mystère. Inoltre, Diana resta vittima del suo primo rapimento, ad opera del diabolico signor Medina.

  • Sul grande pannello luminoso del Grand Central Terminal di New York, a pag.73 dell'albo n.4, scorre la pubblicità di un immaginario film western: "The John Waine Story - Starring Ronald Reagan as the Duke".

  • I riferimenti di questa storia allo scrittore Howard Philips Lovecraft sono ben evidenti: oltre alla sua apparizione speciale (in flashback nel racconto di Pickman), nella cosmogonia di Mystère tutte le creature dello scrittore americano esistono realmente, dal vecchio pittore Pickman (protagonista del racconto "Il Modello di Pickman" del 1927), alle montagne della follia (dell'omonimo romanzo del 1936), fino a tutte le fantastiche creature del ciclo di Chtulhu.

  • A pag.26, terza vignetta e a pag.49, seconda vignetta, dell'albo n.5, Castelli rende omaggio a Gianfranco De Turris e Sebastiano Fusco, grandi esperti dell'opera di H.P.Lovecraft. I loro nomi americanizzati in G.Towers e S.Fuskie, compaiono su di una fanzine fotocopiata dal titolo "The Unknown Lovecraft", che aiuterà Mystère a scoprire i retroscena della vicenda.

  • Nell'ultima vignetta di pag.90 dell'albo n.5, tra le pubblicazioni che si trovano nelle edicole delle Ramblas di Barcellona, anche la pubblicità dei fumetti di Martin Mystère.

  • Citazione anche per il memorabile Stati di allucinazione ("Altered states", 1980) di Ken Russel che tratta il tema della deprivazione sensoriale (anche se in quel caso mediante assunzione di LSD e isolamento in apposita sensory deprivation box, come citato da Mystère nell'ultima pagina di questo stesso albo). La striscia centrale di pag.79, albo n.5, riproduce molto fedelmente le sequenze finali del film.

  • Fra l'originale e la ristampa di TuttoMystère, come consuetudine, sono stati apportati numerosi cambiamenti e adattamenti, a volte per correggere piccole incongruenze, altre per aggiornare le storie alla mutata realtà della serie. In questo caso, oltre ai soliti aggiustamenti di balloon e didascalie (esteticamente più in linea con i moderni criteri di leggibilità) e il cambio del computer (dal vetusto Apple II al "moderno" Macintosh Plus) risultano da rilevare l'abbassamento della Statua della Libertà nella prima vignetta di pag.21 dell'albo n.5 (la versione originale fuorisciva dalla pagina) e l'aggiunta, nella terza vignetta di pag.75 dell'albo n.5, della maniglia alla pesante porta di metallo, che, in origine, ne era sprovvista.

  • Evidentemente, nel 1982, Castelli, pur utilizzando già, come la sua creatura, il personal computer per scrivere, non era ancora molto avvezzo con la pratica informatica (e dire che non si era ancora adagiato sulla comoda interfaccia grafica del Macintosh :-) ). A pag.27 dell'albo n.5, la procedura che Mystère impiega per leggere il programma inserito sul computer di Sanford, non è delle più ortodosse. Infatti, dopo averlo acceso e ad aver premuto un fantomatico tasto "Run", il listato del programma esce immediatamente dalla stampante. Nella ristampa l'intera sequenza è stata modificata: sul computer è ora presente un dischetto (seconda vignetta), lo schermo non mostra più la gigantesca scritta "Ready" e Mystère prova allora ad "aprire" il programma (terza vignetta), e dopo "aver trafficato per qualche minuto" finalmente dalla stampante esce l'output del programma (ultima vignetta).

  • In appendice all'albo n.5 (che ospita per intero l'ultima parte della storia), oltre alla rubrica della posta, anche le schede informative sulle case infestate e le porte per altri mondi.

Incongruenze
  • All'inizio della vicenda Travis sta leggendo l'ultimo libro di Mystère, presentato alla stampa nel n.2. Tuttavia, nella terza vignetta di pag.70 dell'albo n.4, sulla copertina, il titolo in originale è sbagliato. L'"Atlante dell'ignoto" è infatti tradotto come "Atlas of the Unknow". La ristampa, provvede alla giusta trascrizione, ovvero "Atlas of the Unknown"

  • Come nel precedente albo disegnato da Ricci, anche in questo la facciata della casa di Mystère si presenta leggermente diversa dal modello proposto da Alessandrini e Bignotti nei primi numeri. Come si può osservare a pag.83 dell'albo n.4, Ricci disegna ancora il campanello e la targhetta con il nome di Mystère sulla destra della porta, mentre entrambi dovrebbero essere sulla porta stessa, il campanello sulla parte sinistra e la targhetta immediatamente a fianco, sulla destra. La versione di Ricci presenta poi anche un inesistente tettoia proprio sopra l'ingresso.

La frase
  • Martin:
    "... ti sembrerà una scusa da telefilm, ma ho promesso ad una amica che avrei affrontato con lei un certo discorso, che finora sono riuscito ad evitare (..) ma capisco che questa è una faccenda più importante, e quindi rimanderò la vacanza ed il discorsetto di qualche giorno. Sono certo che lei comprenderà..."

    Travis:
    "... non mi sembri molto dispiaciuto di dover rimandare, Martin..."

    Martin:
    "Sai com'è, Travis. C'è sempre tempo per morire e per sposarsi. Per ora preferisco..."

    Travis:
    "...allargare i tuoi orizzonti. Allora significa che accetti..."


Personaggi

Travis ispettore della polizia di New York Martin Jacques Mystère Java Carlos Agreda assassino, teletrasporto da Providence a New York Diana Lombard compagna di Martin Pickman [+] ex pittore alcolizzato McQuillan comandante del distretto di polizia di Providence Aaron Sanford [+] proprietario della casa di Providence e vittima di Agreda Medina [+] inquietante amico di Sanford H.P.Lovecraft [+] famoso scrittore americano di fantasy e horror

Locations

Washington Mews n.3, New York, abitazione di Martin Mystère Providence, Rhode Island, Stati Uniti Casa di Providence, ricostruita sulle ceneri dell'ex abitazione di H.P.Lovecraft Windows of the World, ristorante sulle Twin Towers di New York

Elementi

Teletrasporto da un punto all'altro della terra Casa misteriosa che ospita un varco dimensionale Rapimento di Diana Codici cifrati Opere di H.P.Lovecraft che avrebbero un origine reale Montagne della follia, dimensione sconosciuta Grandi antichi dei miti di Chtulhu Deprivazione sensoriale atta a privare una persona delle facoltà che lo tengono in contatto con la realtà fisica Personal computer utilizzato da Martin Mystère come wordprocessor e archivio elettronico.
 

 


 
(c) 1996 uBC all right reserved worldwide
Top
http://www.ubcfumetti.com §