Salta direttamente al contenuto

Mister No come un romanzo

la vita spericolata di un grande personaggio
Articolo di  |   | misterno/


Mister No come un romanzo
Mister No


Articolo

Articolo

Recensione

  • Ate' logo, rapaz
    riflessioni sull'epopea di Nolitta con cui Mister No si è congedato dai lettori

Il volume celebrativo dei 40 anni di Mister No, pubblicato nella collana Avventura Magazine, incanta per la cura ed amore con cui è stato realizzato, e che lo rendono un fuoriserie nel miglior senso della parola tra i tanti albi più o meno "speciali" della Sergio Bonelli Editore.

E' una celebrazione che, dopo un doveroso capitolo dedicato a Guido Nolitta, creatore letterario del personaggio nel 1975, omaggia Mister No attraverso quelle che dovrebbero essere le protagoniste di una qualsiasi serie a fumetti: le buone storie, senza trucchi né inganni.

Un volume che incanta per la cura e l'amore con cui è stato realizzato, un fuoriserie nel miglior senso della parola
L'idea alla base, raccontare la biografia del pilota nordamericano sino al primo arrivo a Manaus, storica base delle sue avventure, come se fosse un romanzo, lascia appagati da un punto di vista sia concettuale che emozionale. Le decine di storie rievocate (dall'infanzia nella New York degli anni '30 alle vicende della seconda guerra mondiale nel Pacifico e in Europa, dal difficile reinserimento nella società civile alla decisione di lasciare gli Stati Uniti, una sintesi la potete trovare nelle prime due pagine dell'articolo Mister No: un tentativo di cronologia) scorrono in oltre duecentocinquanta pagine in prosa e sequenze a fumetti, senza annoiare.

Un plauso a Luigi Mignacco, curatore dei testi che, con umiltà e rispetto delle storie originali della serie, si è prestato alla scrittura della vita del personaggio, usando la sua stessa voce e riuscendo a trasmettere il calore, la vivacità e il carattere di Mister No, al secolo Jerry Drake.

Il volume è appagante anche in termini estetici e visivi: le pagine in prosa sono "belle" da sfogliare, grazie alle illustrazioni di Aldo Di Gennaro in apertura dei vari capitoli e alle tante vignette tratte dagli episodi a corredo dei testi, con i momenti fondamentali ed i personaggi principali delle storie rievocate. Al punto che le pagine a fumetti vere e proprie, con la riproposizione a colori di brevi sequenze tratte dalle storie, in fondo non erano necessarie, se in redazione avevano il timore di mandare in edicola un volume di sola narrazione in prosa che rischiasse di apparire noioso. E' stato comunque bello rileggere "in presa diretta" alcuni momenti "topici" della vita del pilota, come la nascita del suo soprannome o l'esposizione della sua filosofia di vita all'amico Steve Mallory in uno dei più drammatici finali della serie.

Una tavola del volume
Avventura Magazine - Mister No, pag.78

(c) 2015 Sergio Bonelli Editore

Una tavola del volume<br>Avventura Magazine - Mister No, pag.78<br><i>(c) 2015 Sergio Bonelli Editore</i>

Chiunque abbia seguito Mister No con maggiore o minore continuità apprezzerà senz'altro questo volume. Chi della Bonelli conosce soltanto le nuove miniserie in stagioni ha una buona occasione per scoprire il fascino e la modernità di un personaggio che ha segnato un punto di svolta nella proposizione, da parte della casa editrice, di protagonisti diversi dall'eroe di stampo classico. E anche chi ha in casa tutte le storie di Mister No, pur non trovando reali elementi nuovi da questo speciale (se non un breve racconto inedito scritto da Michele Masiero e disegnato da Roberto Diso che fa da raccordo alla rievocazione), proverà una certa soddisfazione nel riscoprire, in un solo volume, una miniera di storie e di illustrazioni e nel cogliere alcune sfumature nel racconto che riparano alcune piccole "incongruenze", inevitabili per una biografia che si è sviluppata a strappi in oltre 30 anni di vita editoriale.
Chiunque abbia seguito, con maggiore o minore continuità, la vita editoriale di Mister No apprezzerà senz'altro questo volume

Il volume dell'Avventura Magazine è solo l'ultima iniziativa con cui la Bonelli sta celebrando il quarantennale di Mister No, di cui è stata aperta recentemente anche una pagina facebook ufficiale. Un fatto che può risultare curioso, per una testata che ha terminato la pubblicazione di storie inedite nel 2009 (ma la serie regolare è cessata nel 2006). E infatti, dal sito della casa editrice, l'ex-curatore della serie Masiero ha dato il seguente annuncio.
L'affetto nei confronti di Mister No è tuttora incredibile e ha contribuito a vincere anche le nostre ultime ritrosie riguardo la messa in cantiere di qualcosa di nuovo. Stiamo pensandoci e cominciando a lavorare su di un nuovo progetto che però, armatevi di pazienza, non si concretizzerà in tempi brevissimi. A ogni modo, una cosa è certa: Mister No ritornerà!
Una notizia che da un punto di vista affettivo certo fa molto piacere, ma che andrà valutata con beneficio d'inventario.

Ci piace che Masiero parli di "nuovo progetto", perché è proprio l'assenza di un progetto che aveva portato alla "morte" narrativa del personaggio, che in mano agli autori del suo ultimo periodo (tra cui proprio Mignacco e Masiero, artefici del volume celebrativo) aveva perso ogni motivo di interesse, continuando a vegetare in un'Amazzonia intrinsecamente legata alle passioni di Guido Nolitta e nella quale Mister No è editorialmente "nato" nel 1975, vivendovi le storie che ne hanno fissato l'immaginario nei lettori, ma della quale gli altri autori non hanno saputo ricreare la magia e il feeling nolittiano.

Ma proprio questo volume celebrativo ha ricordato, una volta di più, che Mister No non è tale solo se vive le sue avventure nella pigra Manaus. Mister No è innanzitutto un uomo e un cittadino del mondo, e sono la sua umanità e le sue reazioni alle vicende vissute a fare la differenza in una storia. Quando agli autori del dopo Nolitta è stata data la possibilità di osare, qualcosa di incisivo è stato ottenuto (chi scrive apprezzò molto, a suo tempo, la temporanea svolta di Vento rosso, purtroppo prematuramente interrottasi).

Le possibilità narrative per un rilancio di Mister No ci sono ancora oggi, e l'amore dimostrato per il personaggio con questo volume celebrativo fanno ben sperare: basta appunto che ci sia un progetto, e che non ci si limiti a farlo di nuovo vivere alla giornata, come è invece accaduto nei superflui albi speciali seguiti all'imponente saga finale di Nolitta. Avventura Magazine - Mister No, "Come un romanzo", di autori vari, Sergio Bonelli Editore, 288 pag. a colori, Settembre 2015, 6.30 euro.

Vedere anche...

Articolo

Articolo

Recensione

  • Ate' logo, rapaz
    riflessioni sull'epopea di Nolitta con cui Mister No si è congedato dai lettori

Condividi questa pagina...