Salta direttamente al contenuto

Vampiro che fece la Rivoluzione, Il

Dracula contro Altrove durante la Rivoluzione Francese
Scheda di  |   | martinmystere/


Vampiro che fece la Rivoluzione, Il
IT-MM-SDA16


uBCode: ubcdbIT-MM-SDA16

Vampiro che fece la Rivoluzione, Il
- Trama

Gli agenti di Altrove in missione durante la Rivoluzione Francese per cercare il marchese di La Fayette, si scontrano con il temibile vampiro alla ricerca del segreto di Cagliostro.

Valutazione

ideazione/soggetto
 5/7 
sceneggiatura/dialoghi
 4/7 
disegni/colori/lettering
 4/7 
 69
data pubblicazione 26 Set 2013
testi (soggetto e sceneg.) di ubcdbCarlo Recagno
copertina di ubcdbGiancarlo Alessandrini
disegni (matite e chine) di ubcdbAlfredo Orlandi
copertine
Copertina Storie da Altrove n.16<br>Illustrazione di G. Alessandrini<br><i>(c) 2013 Sergio Bonelli editore</i>
tavole o vignette
Amanda sulla luna<br>Tavola di A. Orlandi, pag.115<br><i>(c) 2013 Sergio Bonelli editore</i> Arriva Dracula<br>Vignette di A.Orlandi, pag.38<br><i>(c) 2013 Sergio Bonelli editore</i> La Rivoluzione francese<br>Tavola di A. Orlandi, pag.43<br><i>(c) 2013 Sergio Bonelli editore</i>
tavole o vignette
La pietra di sangue<br>Vignetta di A. Orlandi, pag.138<br><i>(c) 2013 Sergio Bonelli editore</i>
tag
, , , , , ,

Annotazioni

In piena Rivoluzione

Ritorna con una bella storia la collana annuale Storie da Altrove, serie di genere fantastico che fa incontrare personaggi celebri della storia e della letteratura con gli agenti della base di Altrove, conosciuta sugli albi di Martin Mystère. Con questo tipo di premesse si potrebbe ipotizzare la possibilità per gli autori della collana di poter spaziare su infinite ambientazioni, in realtà spesso nei numeri passati al cambio di ambientazione storica non è stata associata la medesima variazione delle situazioni narrative, che hanno assunto un tratto molto classico, se non ripetitivo, con la maggior parte delle storie realizzate dalla coppia Carlo Recagno e Sergio Giardo, con il risultato che purtroppo non tutti i numeri pubblicati si sono dimostrati all'altezza delle prime uscite della collana.
Questo sedicesimo numero segna innanzitutto il passaggio di consegne ai disegni, il valente Giardo, dal tratto morbido e rassicurante, è passato a realizzare le copertine di Nathan Never, e si ha l'esordio sulla collana di Alfredo Orlandi, dal segno maggiormente realistico, anche se meno elegante, ma più indicato ad illustrare le scene drammatiche, come quelle che in questa storia vedono in scena un inedito conte Dracula alle prese con la Rivoluzione francese.

Arriva Dracula
Vignette di A.Orlandi, pag.38

(c) 2013 Sergio Bonelli editore

Arriva Dracula<br>Vignette di A.Orlandi, pag.38<br><i>(c) 2013 Sergio Bonelli editore</i>
La presenza del Principe delle Tenebre (e degli agenti di Altrove che lo contrastano) rappresenta un altro dei leitmotiv ricorrenti della serie: il ritorno dei protagonisti dei numeri precedenti. Il ritratto che ne esce di Dracula è, a conclusione della storia, veramente innovativo e sorprendente, se le sue azioni sono come al consueto sanguinarie (ben riuscita la corrispondenza con il Terrore della Rivoluzione francese), le sue motivazioni appaiono umane e condivisibili. D'altra parte tutti i numerosi personaggi che compaiono nell'avventura sono ben caratterizzati, sia quelli ricorrenti, come Amanda, la maga di Altrove, di cui conosciamo altri aspetti del suo avventuroso passato, sia i comprimari presentati per la prima volta, storici o di fantasia che sia, tra cui la Primula Rossa. Divertenti le citazioni contenute e ben realizzato il connubio tra le componenti fantastiche e le pieghe nascoste della storia, in un pastiche letterario bilanciato.

Amanda sulla luna
Tavola di A. Orlandi, pag.115

(c) 2013 Sergio Bonelli editore

Amanda sulla luna<br>Tavola di A. Orlandi, pag.115<br><i>(c) 2013 Sergio Bonelli editore</i>
La trama è abbastanza avvincente, con il giusto equilibrio tra le scene d'azione e l'inevitabile spiegazionismo tipico della gestione di Recagno delle avventure di Martin Mystère, con un finale, con annesso colpo di scena, ben congegnato. Orlandi è bravo a rappresentare l'ambientazione rivoluzionaria, dimostrando di essere a suo agio anche nelle scene d'azione e nel rappresentare i tumulti. Veramente efficace la copertina di Giancarlo Alessandrini con la citazione di un famoso dipinto di Delacroix.

Note e citazioni

  • Sedicesimo numero delle Storie da Altrove, realizzato da Carlo Recagno, sceneggiatore, curatore della serie insieme ad Alfredo Castelli e che ha già sceneggiato 12 delle 15 storie precedenti, e Alfredo Orlandi, disegnatore che sostituisce Sergio Giardo, che aveva realizzato gli ultimi 8 numeri, divenuto ora copertinista di Nathan Never. La copertina è come di consueto opera di Giancarlo Alessandrini.
  • Pag. 4, a introdurre la storia, nella rubrica Appendice al Mistero è il creatore della serie Alfredo Castelli
  • Pagg.5-14, drammatico l'inizio della vicenda: Parigi, il 17 luglio 1791, in piena Rivoluzione Francese, la Guardia Nazionale comandata dal Marchese di La Fayette seda duramente una rivolta della folla che chiede l'abolizione della monarchia. Durante quello che viene nominato il Massacro del Campo di Marte si contano 50 morti.
  • La Rivoluzione francese
    Tavola di A. Orlandi, pag.43

    (c) 2013 Sergio Bonelli editore

    La Rivoluzione francese<br>Tavola di A. Orlandi, pag.43<br><i>(c) 2013 Sergio Bonelli editore</i>
  • Pag.15-16, lieta celebrazione a Monticello, la tenuta di Thomas Jefferson in Virginia, dove si sposano Jean-Louis Bientot e Amanda Janosz, protagonisti del primo numero di Storia da Altrove, Colui che dimora nelle tenebre, e poi rivisti nel n.7, La creatura che venne dall'inferno.
  • Pag.18, nel suo discorso Thomas Jefferson, segretario di stato e futuro presidente degli Stati Uniti, cita perfino Il Comandante Mark.
  • Pag.46, durante la riunione operativa sulla situazione francese tra Jean-Louis e Amanda, appare l'inequivocabile immagine di Lady Oscar, protagonista del manga e dell'anime giapponese degli anni '70, oltretutto figlia del generale Jarjayes, personaggio realmente esistito, presente anch'esso nella storia raccontata da Recagno e Orlandi.
  • Pag.56, viene svelato l'obiettivo della missione di Bientot e Amanda, portare negli Stati Uniti il marchese di La Fayette, che divenne amico di George Washington durante la Rivoluzione Americana, ove combatterono fianco a fianco.
  • Pag.58, appare Dracula, il vampiro protagonista dell'omonimo romanzo di Bram Stoker del 1897, e già protagonista di un precedente numero di Storie da Altrove, Il Principe che tornò dalle tenebre".
  • Pag. 63, al centro del racconto c'è la ricerca della Pietra di Sangue, manufatto dai poteri rigeneratori, di cui si parla anche nel Necronomicon, opera inventata da Howard Philips Lovecraft.
  • La pietra di sangue
    Vignetta di A. Orlandi, pag.138

    (c) 2013 Sergio Bonelli editore

    La pietra di sangue<br>Vignetta di A. Orlandi, pag.138<br><i>(c) 2013 Sergio Bonelli editore</i>
  • Pag.66, nel colloquio tra il marchese La Fayette e gli Agenti di Altrove si fa riferimento alla rivolta di Tecumseh, condottiero degli indiani Shawnee contro George Washington, al lavoro nel frattempo alla costruzione della nuova capitale degli Stati Uniti d'America, prima di dilungarsi sullo Scandalo della Collana, truffa ordita ai danni della regina Maria Antonietta.
  • Pag.98, Amanda e Bientot possono avvalersi della collaborazione di Sir Percy Blakeney, la Primula Rossa, protagonista dei romanzi di Emma Ocrzy di inizio '900.
  • Pag.99, davanti alla cattedrale di Notre-Dame, Bientot non può non accennare alla leggenda del campanaro deforme, il protagonista del romanzo di Victor Hugo del 1831, Notre-Dame de Paris.
  • Pag.117, la dimensione dove Amanda incontra il suo protettore senza nome, già visto in Storie da Altrove n.1, è una citazione da Martin Mystère Gigante n.11, Il Re rosso.
  • Pag.150, a far da contrappunto della strage finale sono i versi della Marsigliese, canto rivoluzionario che diviene dal 1795 inno nazionale francese.
  • inviateci le vostre segnalazioni

Incongruenze

La frase

"Moglie mia... ho fallito... la Pietra di Sangue avrebbe potuto riportarti in vita... e così sarei stato vivo anch'io [...] "
Sono svelati gli scopi, non così oscuri, di Dracula, pag. 158.

Personaggi

Thomas Jefferson segretario di stato Stati Uniti
Jean-Louis Bientot agente di Altrove
Amanda Janosz maga e agente di Altrove
Gilbert du Motier marchese di Lafayette
Vlad Tepes voivoda dei Carpazi
Maria Antonietta regina francese
Marcel rivoluzionario ferito
Giuseppe Balsamo conte di Cagliostro
Jeanne de la Motte [+]truffatrice
Sir Percy Blakeney la Primula Rossa
Polignac duchessa
Jarjayes generale esercito francese
Charlese de la Motte conte

Locations

Parigi 17 luglio 1791
Charlottesville Virginia, marzo 1792
Oceano Atlantico rotta tra Stati Uniti e Francia
Europa centrale
Philadelphia Stati Uniti d'America

Condividi questa pagina...