Salta direttamente al contenuto

Ancora (vecchie) battute per lo Speciale?

lo speciale si ripropone uguale a se stesso: per fortuna o per sfortuna?
Recensione di  |   | martinmystere/


Ancora (vecchie) battute per lo Speciale?
Martin Mystère speciale 22 "Anno della cometa, L'"


Scheda IT-MM-SP22

Inviato di uBC: Siamo nei pressi di un'edicola affacciata su una trafficatissima strada. Un ragazzo se ne sta allontanando con in mano una copia dello Speciale Estivo di Martin Mystère 2005. Proviamo a fermarlo e a chiedergli se vuole rispondere a qualche domanda.
Scusa! Ragazzo!.. Per favore...
Lettore: Dite a me?.. Grazie per il ragazzo, ma ormai ho superato i sess... quarant'anni anche se, a quanto sembra, non sembra... Me lo dicono tutti che ho un'aria giova...
I: Si, si. Abbiamo capito ma, ci scusi, abbiamo un po' di fretta. Sono un inviato di uBC. Vorrebbe rispondere a qualche domanda sullo Speciale di MM che ha tra le mani?
L: Certamente! Di chi ha detto che è l'inviato?! Mi fa sempre piacere poter esprimere la mia opinione su qualcosa. Nella fattispecie...
I: (AARGH!) Mi scusi se la interrompo, ma in occasione dell'uscita dello Speciale n.21 la collega Martina Galea evidenziava giustamente come lo Speciale estivo fosse ormai "...un prodotto standard, che annualmente ritorna uguale a se stesso, come il Festival di Sanremo. E proprio come il Festival, questa sua costanza, alla lunga, può stancare. [...]". Lei cosa ne pensa?
L: Trovo questa analisi lucida e precisa ma, forse, un po' ingenerosa verso un prodotto che è certamente ripetitivo ma che continua, a mio parere, ad offrire momenti di leggerezza e divertimento preziosi nell'ambito di un prodotto "serioso" come le storie di Martin Mystère.
I:Non pensa però che sarebbe giunto il momento di dare una "scossa" alla struttura delle storie pubblicate nello Speciale?
L: E' certo che un rinnovamento sarebbe auspicabile per salvare la testata da una morte per noia nelle preferenze dei lettori, ma è altrettanto certo che le storie pubblicate negli Speciali sono divertenti, ironiche, argute e sottili come poche altre dell'universo mysteriano. E poi sono, spesso, ottimi esemplare di quella commedia all'italiana un po' sbracata che imperversava nei cinema degli anni '70 e che veniva fortemente disprezzata, salvo essere ai giorni nostri rivalutata e fornità di una certa validità intrinseca che...
I: (Auiutoooo! Qualcuno lo fermi!..) Grazie, grazie! Quindi, secondo lei, il tono ironico e farsesco delle storie degli Speciali non dovrebbe essere cambiato?
L: Certo che no. Casomai dovrebbe essere rinnovato il repertorio delle battute, che comincia a mostrare un po' i segni dell'inesorabile trascorre del flusso ininterrompibile del tempo...
I: Non mi giudichi sgarbato o maleducato, ma lei impiega sempre dieci parole per esprimere concetti che ne richiederebbero tre?
L: Dice?!? Pensi che anche i miei amici...
I: Come non detto! Errore mio! Per favore, potremmo restare in tema? Potrebbe, sinteticamente per favore, dirci cosa pensa della storia pubblicata nello Speciale Estivo numero 22?
L: Certamente! Io la trovo divertente, con un soggetto che pur facendo riferimento a tematiche ormai abusate dal Detective dell'Impossibile (tipo manoscritti, creature misteriose, Altrove, nazisti fuori tempo massimo, invenzioni scomparse, ecc...) riesce nel compito, questo sì - quasi - impossibile, di riassemblarle intorno ad un oggetto ridicolo come una macchina contro la sfortuna e alle vicissitudini che dalla sua ricerca derivano in maniera credibile e divertente. La sceneggiatura è molto cinematografica, con molteplici ma coerenti cambi di scena e di situazione ed i personaggi, anche i nuovi, come l'insospettato fratello di Aldous Morrigan, sono stati "mossi" dal Castelli con la consueta bravura. Il disegno di Torti è una garanzia ormai certa per le storie dello Speciale, al cui tono farsesco si adatta alla perfezione. Certo, il tutto non è nulla di più di una "lettura da ombrellone" o "da bordo-piscina", ma in tempi di crisi come questi anche una mezz'oretta di questo svago non è sgradevole.
I: Grazie mille per questa accurata analisi. Ora che ci ripenso... Lei ha appena acquistato l'albo. Come fa a sapere?..
L: Adesso la interrompo io, finalmente! Come dico sempre, "L'importante non è sapere le cose ma far finta di averle sempre sapute"... La saluto!

Si volta, sale su una Ferrari Mondial, guidata da un corpulento signore dai lunghi capelli neri, che parte immediatamente sgommando...

I:E' tutto per oggi dal vostro inviato... Eppure quel tipo mi sembra di averlo già visto...

Martin Mystère Speciale n.22 - L'anno della cometa Luglio 2005 - Testi di Castelli; Disegni di Torti - Sergio Bonelli editore - 16 x 21 cm, brossurato, B/N, 128 pagine - 5,00 €- annuale.
In allegato l'albo "Road to L. Il mistero di Lovecraft" contenente una storia scritta da Castelli e disegnata dagli Esposito Bros.


Vedere anche...

Scheda IT-MM-SP22

Condividi questa pagina...